OPEC

RSS

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



AIE: o l'OPEC taglia o ci saranno nuovi crolli sul petrolio

La produzione Opec è in aumento e con la politica di Trump, il 2017 potrebbe vedere un ritorno in grande quantità del greggio Usa.

AIE: o l'OPEC taglia o ci saranno nuovi crolli sul petrolio

Petrolio a 60 dollari nel 2020? Si ma solo se...

Il greggio è in salita ma solo per l'entusiasmo di una Clinton alla Casa Bianca. In realtà quello che c'è dietro non fa sperare in bene.

Petrolio a 60 dollari nel 2020? Si ma solo se...

Election Day: ci siamo. Scenari e prospettive secondo IG

Nessuno dei due candidati piace agli elettori e così, come da noi accade spesso, si va a votare turandosi il naso e scegliendo quello che pare il meno peggio della situazione.

Election Day: ci siamo. Scenari e prospettive secondo IG

Eni corre a Piazza Affari: Descalzi rassicura sul dividendo

Dopo un’ora e mezza dall’apertura delle contrattazioni, il titolo Eni arriva a toccare il +2% in una giornata che è partita scoppiettante per Piazza Affari.

Eni corre a Piazza Affari: Descalzi rassicura sul dividendo

Buy List sul petrolio: esce Exxon, entra Chevron 

Gli esperti, infatti, sono ormai già impegnati a guardare oltre l’ultimo scorcio di questo 2016 puntando direttamente al primo trimestre del prossimo anno.

Buy List sul petrolio: esce Exxon, entra Chevron 

Petrolio: dopo Goldman anche Societe Generale lo vede a $40

Per il greggio le prospettive non sono rosee: si moltiplicano le sedute in cui il ribasso è sempre più marcato e le quotazioni non possono contare su nessuna notizia all'orizzonte che faccia sperare in un cambio di rotta.

Petrolio: dopo Goldman anche Societe Generale lo vede a $40

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

La mattinata a Piazza Affari ieri si è aperta subito con una forte attenzione all'Oriente, in particolare per le parole del governatore della Bank of Japan

Diario di un trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Petrolio di nuovo a 40 dollari? Goldman non lo esclude

Il pesante calo di ieri dei corsi del greggio e lo stallo delle trattative tra i produttori per un accordo sul congelamento della produzione spingono gli analisti a rivedere l'outlook per i prossimi mesi.

Petrolio di nuovo a 40 dollari? Goldman non lo esclude

ENI giù. Non bastano i buy dei broker. Incognite sul dividendo?

Comincia male l'ottava per il titolo ENI, che continua ad arretrare anche in scia al calo dei prezzi del greggio e parallelamente alla diffusione di alcuni nuovi report degli analisti.

ENI giù. Non bastano i buy dei broker. Incognite sul dividendo?

Accordo Opec in stallo. Anche il petrolio pesa sui listini

Arretramento del prezzo del greggio in apertura di ottava, dopo la riunione informale tra membri Opec e non Opec del fine settimana. Il mercato ha smesso di credere in un accordo.

Accordo Opec in stallo. Anche il petrolio pesa sui listini

Perchè il petrolio condiziona ancora le borse?

Le borse oggi sono deboli, per non dire di peggio visto che tutta l'Europa vira in negativo. Alla base ci sarebbe il petrolio e la perdita progressiva di ogni speranza circa un accordo tra i membri OPEC. Ma non è la sola spiegazione.

Perchè il petrolio condiziona ancora le borse?

L'accordo OPEC è una scatola vuota. Ora si defila anche l'Iraq

Dopo Nigeria, Iran e Libia, anche l'Iraq chiede un'esenzione dai tagli alla produzione previsti dall'intesa tra i Paesi del cartello petrolifero al vertice di Algeri.

L'accordo OPEC è una scatola vuota. Ora si defila anche l'Iraq

Banca Mondiale ottimista sul greggio: in rialzo stime del 2017

Eni ha definito “altalenante ma in risalita, unito al fatto che nello stesso lasso di tempo l’offerta, quindi la produzione, è diminuita rispetto alla domanda”.

Banca Mondiale ottimista sul greggio: in rialzo stime del 2017

Il petrolio rialza la testa: rating e target dei protagonisti

Il greggio riprende la via, lenta, del rialzo grazie alle ultime dichiarazioni in ordine di tempo, quelle del segretario generale OPEC, Mohammad Barkindo.

Il petrolio rialza la testa: rating e target dei protagonisti

Fine d'anno: non abbassare la guardia su queste 3 incognite

L’ultima parte dell’anno sarà ricca di incognite. A presentare il conto, in particolare, saranno gli ultimi due mesi con un calendario che sembra una vera e propria corsa ad ostacoli per i mercati.

Fine d'anno: non abbassare la guardia su queste 3 incognite

Da C. Suisse a Jefferies, 12 upgrade dei broker su titoli oil

Per la seconda settimana di fila i prezzi del greggio hanno chiuso l'ottava sopra i 50 dollari. Ecco i titoli che gli analisti consigliano di comprare ora.

Da C. Suisse a Jefferies, 12 upgrade dei broker su titoli oil
apk