OPEC

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Europa e Usa in profondo rosso: fa paura anche il petrolio

Il crollo continuato dei prezzi del barile, infatti, mostra come il mercato sia preoccupato per l'arrivo di una possibile recessione già dal 2019.

Europa e Usa in profondo rosso: fa paura anche il petrolio

Petroliferi in rotta con Fed e crollo greggio. Affonda Saipem

In una giornata negativa per tutto il Ftse Mib, i titoli dell'Oil subiscono il doppio effetto del rialzo dei tassi Fed e di un nuovo calo del greggio.

Petroliferi in rotta con Fed e crollo greggio. Affonda Saipem

Petrolio: i rischi dietro il crollo

I prezzi del petrolio, oggi in leggera ripresa, continuano ad essere però fonte di incertezze e dubbi futuri.

Petrolio: i rischi dietro il crollo

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Anche ieri sessione in calo per le Borse europee dove le vendite hanno avuto la meglio.

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Petrolio in picchiata, ma tanti titoli oil sono da comprare

L'oro nero è sceso per la prima volta quest'anno sotto i 50 dollari al barile e sta accelerando al ribasso. Gli analisti però sono fiduciosi dopo il taglio dell'Opec e segnalano diversi titoli buy nel comparto oil a Piazza Affari.

Petrolio in picchiata, ma tanti titoli oil sono da comprare

Petrolio: finito il mercato orso?

Le ultime decisioni Opec, decisioni sostenute anche da altri 10 membri esterni, Russia in primis, oltre al Canada, hanno permesso agli analisti di avere un quadro diverso sul futuro del petrolio.

Petrolio: finito il mercato orso?

Piazza Affari: quadro sempre più allarmante. I titoli nel mirino

Per il Ftse Mib non si prevede un recupero e si teme piuttosto un nuovo attacco ai minimi, la cui rottura aprirebbe scenari preoccupanti. La view di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari: quadro sempre più allarmante. I titoli nel mirino

Rally del petrolio (+5%): la svolta dall'Opec

Un'Iran meno ostruzionista e una Russia disposta ad incrementare la propria parte di tagli sulla produzione sarebbero alla base del rally del petrolio che si sta registrando in questi ultimi minuti.

Rally del petrolio (+5%): la svolta dall'Opec

Ecco perché Eni salirà del 50% anche se il petrolio è andato giù

Per un broker, il colosso dell'Oil sarà spinto da una forte generazione di cassa e da una generosa politica di remunerazione degli azionisti.

Ecco perché Eni salirà del 50% anche se il petrolio è andato giù

Piazza Affari tiene testa ai venditori: si torna a salire?

Il Ftse Mib si è difeso molto bene oggi e potrebbe tentare da subito nuovi allunghi: prima tappa i massimi di novembre. Impegnativa la prossima seduta.

Piazza Affari tiene testa ai venditori: si torna a salire?

Petrolio: le attese sul meeting Opec e i buy tra i titoli oil

Cresce l'attesa per la riunione del Cartello che avrà inizio domani per discutere di un taglio della produzione. Per gli analisti l'esito dell'incontro è altamente imprevedibile: ecco i possibili scenari.

Petrolio: le attese sul meeting Opec e i buy tra i titoli oil

Petroliferi giù con greggio in ritirata. News dall'Asia su Eni

Seduta a due facce per le quotazioni del greggio e per i petroliferi del Ftse Mib. I driver di giornata.

Petroliferi giù con greggio in ritirata. News dall'Asia su Eni

Petrolio dall'inferno ribassista al super rally. I nuovi drivers

Dopo la contrazione del 20% a novembre, il greggio segna il migliore rialzo da giugno sull'onda di tre notizie positive.

Petrolio dall'inferno ribassista al super rally. I nuovi drivers

Petrolio, JPMorgan: torna il mantra Lower For Longer. Stime giù

Petrolio: JPMorgan abbassa il suo outlook sul prezzo del barile.

Petrolio, JPMorgan: torna il mantra Lower For Longer. Stime giù

Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy

Le quotazioni dell'oro nero risalgono la china dopo 12 sessioni consecutive in calo che hanno portato ieri al ribasso giornaliero più ampio da quasi 2 anni. Le attese degli analisti sul comparto: positiva la view su diversi titoli oil.

Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy

Spread: non sono da escludere i 400 punti

Politica ancora in primo piano con la risposta del governo alle richieste di modifica alla legge di bilancio. Modifiche che sono state minime come già anticipato dall'esecutivo. E ora? Quale scenario in arrivo sui mercati? La risposta di Vincenzo Longo

Spread: non sono da escludere i 400 punti
apk