OPEC

RSS

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Petrolio ritraccia ma resta vicino ai 60 dollari

Il prezzo del greggio WTI ha superato per la prima volta dal giugno 2015 i 60 dollari in scia all'esplosione nell'oleodotto libico.

Petrolio ritraccia ma resta vicino ai 60 dollari

AIE: il 2018 potrebbe non essere un anno felice per l'OPEC

Il 2018 potrebbe non essere così felice per i produttori dell'OPEC. Questa l'opinione dei rappresentanti AIE.

AIE: il 2018 potrebbe non essere un anno felice per l'OPEC

Petrolio in discesa dai massimi: diversi i buy tra i titoli oil

Dopo la decisione dell'Opec di estendere il taglio alla produzione le quotazioni dell'oro nero hanno avviato una fase discendente. Una buona occasione per puntare sui titoli petroliferi? I consigli delle banche d'affari.

Petrolio in discesa dai massimi: diversi i buy tra i titoli oil

Riforma Fiscale Usa: meglio non fidarsi ancora

I mercati temono le nuove mosse di Trump in politica estera ma il vero pericolo restano le insidie della riforma fiscale. Cosa aspettarsi nel breve? La risposta di Filippo Diodovich market strategist di IG

Riforma Fiscale Usa: meglio non fidarsi ancora

Petrolio: c'è l'accordo sui tagli. Ma il diavolo è nei dettagli

Come previsto, a Vienna i Paesi Opec e non Opec, hanno raggiunto un accordo per i tagli sulla produzione. Ma i dettagli svelano più di un'insidia.

Petrolio: c'è l'accordo sui tagli. Ma il diavolo è nei dettagli

Petrolio: Brent a 70 dollari se si prolunga l'accordo sui tagli?

Il mercato sembra attendere con un certo ottimismo l'esito della riunione di oggi a Vienna tra i produttori in vista dell'estensione dei tagli.

Petrolio: Brent a 70 dollari se si prolunga l'accordo sui tagli?

Domani il giorno dell'Opec: tanta fiducia sul mercato. Troppa?

Domani la tanto attesa riunione dell'Opec, ma se l'ottimismo aleggia sulla superficie, i dubbi, molti, restano ancora in profondità.

Domani il giorno dell'Opec: tanta fiducia sul mercato. Troppa?

Petrolio: 3 driver sostengono i prezzi in vista del meeting Opec

L'oro nero si avvia a chiudere novembre con il terzo avanzamento mensile consecutivo, come non accadeva dal maggio 2016.

Petrolio: 3 driver sostengono i prezzi in vista del meeting Opec

Anche la Norvegia abbandona il petrolio

Non solo l'Arabia Saudita, anche la Norvegia potrebbe investire nelle energie alternative.

Anche la Norvegia abbandona il petrolio

Il petrolio Usa guarda verso l'Asia

Petrolio in rialzo. A tagliare sarà (presto) l'Arabia Saudita ma a guadagnarci (finora) sono stati gli Usa.

Il petrolio Usa guarda verso l'Asia

Petrolio, OPEC: si avvicina il momento della verità

Il meeting OPEC di fine novembre è sempre più vicino e presto i produttori del Gruppo dovranno prendere una decisione…

Petrolio, OPEC: si avvicina il momento della verità

Wall Street non promette niente di buono. E domani riunione Opec

Dopo aver inanellato record su record adesso Wall Street, nel trentesimo anniversario del Black Monday, invia nel premercato, segnali negativi. E domani, intanto, la parola passa all'Opec

Wall Street non promette niente di buono. E domani riunione Opec

AIE: i fattori che possono mettere KO le speranze sul greggio

L'Agenzia internazionale dell'Energia (Aie) conferma che per il biennio 2017-2018 le stime al rialzo elaborate negli scorsi mesi. Ma anche alcuni fattori di rischio.

AIE: i fattori che possono mettere KO le speranze sul greggio

Putin fa virare al rialzo le quotazioni del petrolio

Si intensifica il dialogo tra i produttori su una possibile estensione dell'accordo sui tagli. Nel nuovo piano potrebbero essere coinvolti altri 10-12 Paesi.

Putin fa virare al rialzo le quotazioni del petrolio

Borse positive, anche il petrolio ha una sferzata di vitalità

L'Opec non esclude un prolungamento dei tagli decisi a Vienna nel novembre del 2016 e che potrebbero continuare fino al primo trimestre 2018. Ma dietro questa decisione ci sono molte incognite.

Borse positive, anche il petrolio ha una sferzata di vitalità

Ftse Mib debole unica eccezione in Europa. Petrolio alla ribalta

Alle 13 la situazione sui mercati vedeva un generale cambio di rotta rispetto alla piega che avevano preso ieri.

Ftse Mib debole unica eccezione in Europa. Petrolio alla ribalta
apk