OPEC

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Nuovo accordo Opec a un passo: Iran dirà sì (a certe condizioni)

Greggio in rosso: più vicina l'intesa tra i produttori del cartello Opec+ per una revisione dell'accordo sui tagli.

Nuovo accordo Opec a un passo: Iran dirà sì (a certe condizioni)

Goldman Sachs bullish sul petrolio. I titoli oil da comprare ora

La banca americana si aspetta un rally dell'oro nero nella seconda metà dell'anno quando si potranno raggiungere gli 80 $ al barile. I titoli del comparto su cui scommettere a Piazza Affari.

Goldman Sachs bullish sul petrolio. I titoli oil da comprare ora

Tempo di rating e cedole a Piazza Affari. I titoli coinvolti

La guerra commerciale non piace ai mercati e anche oggi sui listini europei è possibile averne conferma.

Tempo di rating e cedole a Piazza Affari. I titoli coinvolti

Tensioni tra Opec e non Opec. E il petrolio crolla

Come si temeva, le divergenze sulle strategie per la produzione del greggio hanno creato molte tensioni tra i membri dell'organizzazione.

Tensioni tra Opec e non Opec. E il petrolio crolla

Oil: sale l'attesa per il meeting Opec. I titoli su cui puntare

Greggio nervoso mentre cresce l'attesa per il meeting Opec. Le strategie dei broker sui petroliferi del Ftse Mib.

Oil: sale l'attesa per il meeting Opec. I titoli su cui puntare

Mediobanca: outperform su un energetico made in Italy

Il recente incremento dei prezzi del barile hanno portato i produttori Usa ad aumentare le trivellazioni, attratti appunto dal ritorno al guadagno. Un elemento di cui si avvantaggerebbe un titolo italiano.

Mediobanca: outperform su un energetico made in Italy

Petrolio sotto 65 $, ma nel settore oil ci sono tanti titoli buy

Dopo il calo di ieri le quotazioni dell'oro nero tentano un recupero, ma con scarsa convinzione, mentre avanzano i titoli del comparto a Piazza Affari. Su quali piazzare una scommessa ora?

Petrolio sotto 65 $, ma nel settore oil ci sono tanti titoli buy

Petrolio in aumento: Venezuela l'ago della bilancia?

Aumentano le probabilità che il Venezuela sia costretto a fare dei tagli sulla propria produzione, una scelta che potrebbe diminuire ulteriormente l'offerta a livello mondiale.

Petrolio in aumento: Venezuela l'ago della bilancia?

L'Opec rovina la festa del petrolio: presto aumenti dell'output

Greggio: Arabia Saudita e Russia sarebbero pronti a rivedere il loro programma di tagli produttivi dopo il forte rally degli ultimi mesi.

L'Opec rovina la festa del petrolio: presto aumenti dell'output

Petrolio: superati gli $80 (per pochi minuti)

Mancano ormai una manciata di centesimi al petrolio, nello specifico al Brent, per sfondare quota 80 dollari. Alle 12.30 infatti il prezzo del barile arrivava a 79,63 dollari mentre il cugino a stele e strisce viaggiava sui 72,6.

Petrolio: superati gli $80 (per pochi minuti)

Più no che sì: Ftse Mib resta debole anche per la politica

l rialzo del barile, che sembra ormai puntare agli 80 dollari, il massimo da tre anni (25 novembre 2014 per la precisione), potrebbe portare più di una conseguenza.

Più no che sì: Ftse Mib resta debole anche per la politica

Citi: barile più caro creerà un ambiente ostile per l'azionario

Tra i fattori che hanno favorito la spinta ci sono non solo le politiche di tagli sull'output volute dall'Opec ma anche i sempre più numerosi focolai di tensioni internazionali presenti soprattutto nell'area mediorientale.

Citi: barile più caro creerà un ambiente ostile per l'azionario

Petrolio Usa ai massimi dal 2014. I motivi alla base del rally

Vola il petrolio: alle 10.30 il barile registrava quotazioni che volevano il Brent a 75,5 dollari e il Wti Usa a 70,37 dollari. Le previsioni degli analisti.

Petrolio Usa ai massimi dal 2014. I motivi alla base del rally

Petrolio: una scalata fino a 300 dollari non è più impossibile

Per uno dei più noti gestori di hedge fund focalizzati sulle commodities, il calo degli investimenti potrebbe essere causa di un pesante choc di offerta.

Petrolio: una scalata fino a 300 dollari non è più impossibile

Mercati deboli e non solo per il decennale Usa

Wall Street ha frenato: ieri il Dow Jones ha chiuso a -1,74%, il Nasdaq a -1,7% e S&P500 a-1,34%, un calo generalizzato che si fa sentire anche in Europa.

Mercati deboli e non solo per il decennale Usa

Petrolio euforico verso i top del 2018. Nuovi driver in vista

Le quotazioni del greggio si riavvicinano ai top dell'anno in attesa dei dati settimanali sulle scorse USA. Attenzione alla data del 20 aprile.

Petrolio euforico verso i top del 2018. Nuovi driver in vista
apk