OPEC

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Greggio: anche l'Opec avverte dei rischi legati ai dazi di Trump

Greggio: anche l'Opec avverte dei rischi legati ai dazi di Trump

Greggio: anche l'Opec avverte dei rischi legati ai dazi di Trump

Crescita enorme shale Usa: cambio di rotta in vista per l'Opec?

Nell'ultimo rapporto mensile dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) si sottolinea come la crescita del settore dello shale oil statunitense potrebbe presto portare ad un cambio di rotta della politica dell'Opec sui tagli alla produzione.

Crescita enorme shale Usa: cambio di rotta in vista per l'Opec?

Piazza Affari: solo qualche scossa prima del vero terremoto?

Il Ftse Mib ha difeso per ora il supporto dei 22.000 punti, ma non c'è alcuna garanzia che tale soglia resista a nuovi eventuali attacchi ribassisti. I market movers da seguire in avvio di settimana.

Piazza Affari: solo qualche scossa prima del vero terremoto?

Ultime sul petrolio: barile a 80 dollari per fine anno

I prezzi del petrolio potrebbero presto salire a $ 80 al barile a causa delle crescenti preoccupazioni per il calo della produzione venezuelana.

Ultime sul petrolio: barile a 80 dollari per fine anno

AIE: Usa presto saranno primo produttore mondiale di petrolio

Il resoconto dell'Agenzia Internazionale dell'Energia arriva proprio nel momento in cui i future sul greggio sono saliti ai massimi da dicembre 2014. Da specificare che a giugno dello stesso anno il greggio viaggiava oltre i 120 dollari al barile.

AIE: Usa presto saranno primo produttore mondiale di petrolio

Con il petrolio a 70 dollari, più vicino lo stop ai tagli Opec

Si sta diffondendo tra le banche d'affari la convinzione che l'Opec e i suoi alleati potrebbero porre termine prima del previsto al programma di tagli produttivi avviato a gennaio del 2017.

Con il petrolio a 70 dollari, più vicino lo stop ai tagli Opec

Petrolio sulla soglia dei 70 dollari. Prossimo target 80?

Fino a qualche tempo fa parlare di un barile a 80 dollari sarebbe stata un'eresia, anche perché lo stesso barile a 100 dollari viene ormai considerato una chimera. Eppure...

Petrolio sulla soglia dei 70 dollari. Prossimo target 80?

Citi: le incognite (nel bene e nel male) del mercato del greggio

Concentrandosi in particolare sui mercati petroliferi il team ha elencato una serie di possibili imprevisti con le relative corrispondenti probabilità che essi si verifichino.

Citi: le incognite (nel bene e nel male) del mercato del greggio

Ftse Mib sopra i 23 mila punti, quali prospettive nel breve?

Piazza Affari oltre i 23 mila punti. Ma secondo Filippo Diodovich Market Strategy per IG, alcuni problemi per gli indici azionari italiani potrebbero cominciare nel mese di febbraio in parallelo alla campagna elettorale.

Ftse Mib sopra i 23 mila punti, quali prospettive nel breve?

Petrolio ritraccia ma resta vicino ai 60 dollari

Il prezzo del greggio WTI ha superato per la prima volta dal giugno 2015 i 60 dollari in scia all'esplosione nell'oleodotto libico.

Petrolio ritraccia ma resta vicino ai 60 dollari

AIE: il 2018 potrebbe non essere un anno felice per l'OPEC

Il 2018 potrebbe non essere così felice per i produttori dell'OPEC. Questa l'opinione dei rappresentanti AIE.

AIE: il 2018 potrebbe non essere un anno felice per l'OPEC

Petrolio in discesa dai massimi: diversi i buy tra i titoli oil

Dopo la decisione dell'Opec di estendere il taglio alla produzione le quotazioni dell'oro nero hanno avviato una fase discendente. Una buona occasione per puntare sui titoli petroliferi? I consigli delle banche d'affari.

Petrolio in discesa dai massimi: diversi i buy tra i titoli oil

Riforma Fiscale Usa: meglio non fidarsi ancora

I mercati temono le nuove mosse di Trump in politica estera ma il vero pericolo restano le insidie della riforma fiscale. Cosa aspettarsi nel breve? La risposta di Filippo Diodovich market strategist di IG

Riforma Fiscale Usa: meglio non fidarsi ancora

Petrolio: c'è l'accordo sui tagli. Ma il diavolo è nei dettagli

Come previsto, a Vienna i Paesi Opec e non Opec, hanno raggiunto un accordo per i tagli sulla produzione. Ma i dettagli svelano più di un'insidia.

Petrolio: c'è l'accordo sui tagli. Ma il diavolo è nei dettagli

Petrolio: Brent a 70 dollari se si prolunga l'accordo sui tagli?

Il mercato sembra attendere con un certo ottimismo l'esito della riunione di oggi a Vienna tra i produttori in vista dell'estensione dei tagli.

Petrolio: Brent a 70 dollari se si prolunga l'accordo sui tagli?

Domani il giorno dell'Opec: tanta fiducia sul mercato. Troppa?

Domani la tanto attesa riunione dell'Opec, ma se l'ottimismo aleggia sulla superficie, i dubbi, molti, restano ancora in profondità.

Domani il giorno dell'Opec: tanta fiducia sul mercato. Troppa?
apk