OPEC

RSS

Opec, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio

Fondata nel 1960, l'Opec è l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio la cui sigla, nello specifico, sta per Organization of the Petroleum Exporting Countries.

Cenni storici

L'Opec nacque per contrastare il dominio pluriennale delle società petrolifere straniere, ed in particolare di quelle inglesi ed americane che, già negli anni venti e trenta, erano riuscite ad esercitare il pieno controllo di tutta la filiera del petrolio, dalle riserve all'estrazione e passando per la raffinazione e la commercializzazione.

Cartello economico del petrolio

Con l'Opec, i Paesi aderenti non formano altro che un cartello economico del petrolio il cui fine è quello di negoziare con le compagnie dell'oro nero tutta una serie di aspetti, dai livelli di produzione ai prezzi e fino ad arrivare alle concessioni.

Opec, i Paesi aderenti

Nel 2015 sono 12 i Paesi aderenti all'Opec. Trattasi, nello specifico, di Algeria, Angola, Ecuador, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. Prima di uscirne, inoltre, hanno fatto Parte dell'Opec in passato il Gabon, dal 1975 al 1994, e l'Indonesia dal 1962 al 2009.

Il ruolo dell'Arabia Saudita

Rispetto agli altri cartelli economici, quello dell'Opec per oltre 50 anni è stato tale che i prezzi del petrolio al barile sono stati mantenuti alti per lungo tempo. E questo in particolare grazie al ruolo dell'Arabia Saudita che ha molte volte tollerato il mancato rispetto dei patti, da parte degli altri Paesi aderenti, e che ha spesso, con decisione unilaterale, tagliato la propria produzione per mantenere alti i prezzi.

I Paesi non aderenti

I Paesi del cartello economico dell'Opec controllano e gestiscono circa i tre quarti delle riserve di petrolio nel mondo rispetto al restante 25% circa che è riconducibile ai Paesi non aderenti. In particolare, non fanno parte dell'Opec Canada, Messico e Stati Uniti in Nord America, Bahrein ed Oman in Medio Oriente; Kazakistan, Cina e Russia in Asia, e la Norvegia in Europa.

Per maggiori informazioni: OPEC



Petrolio ancora in rally: si va verso prolungamento accordo Opec

Se le quotazioni del greggio chiuderanno anche oggi in rialzo, sarà la più lunga striscia di risultati positivi da agosto 2016.

Petrolio ancora in rally: si va verso prolungamento accordo Opec

3 azioni sui petroliferi degni di un buy ad aprile

Il petrolio torna protagonista: se da un lato la delusione di un accordo Opec inutile vista l'iperproduzione Usa, ha creato un calo delle quotazioni, dall'altro 'aumento delle tensioni internazionali di queste ore ha portato alla ribalta nuovamente il greggio.

3 azioni sui petroliferi degni di un buy ad aprile

In arrivo la più grande IPO della storia. I numeri

Per riuscire a riequilibrare la propria economia, l'Arabia Saudita ha annunciato la volontà di far quotare il 5% della compagnia petrolifera nazionale, una fetta piccolissima ma che, da sola, potrà salvare le casse del Regno Saudita. Ecco i numeri dei record.

In arrivo la più grande IPO della storia. I numeri

Ubs: greggio a 60 dollari entro 3 mesi

Attualmente le quotazioni del greggio sono arrivate a sfiorare i 54,6 dollari al barile per il Brent mentre il Wti arriva a 51,40 dollari.

Ubs: greggio a 60 dollari entro 3 mesi

Petrolio sopra i 50 dollari: le ultime dal greggio

Le quotazioni del petrolio restano sopra i 50 dollari (50,51 per il Wti e addirittura sopra i 53 per il Brent con 53,47 dollari al barile) per merito, ancora una volta, più delle dichiarazioni che dei numeri.

Petrolio sopra i 50 dollari: le ultime dal greggio

Il nuovo calo del petrolio sta creando opportunità

Il recente calo delle attività legate all'energia appaiono esagerate, secondo le nostre analisi, dato le nostre prospettive sui prezzi del petrolio.

Il nuovo calo del petrolio sta creando opportunità

Indici Usa correranno ancora. Ma non per molto. La view sull'oro

Ritorna l'appeal sulle materie prime. E' possibile parlare di un ritorno di un superciclo sulle commodity?

Indici Usa correranno ancora. Ma non per molto. La view sull'oro

Oil: su le scorte Usa, giù i prezzi. Servono altri tagli Opec

Con i dati sulle scorte Usa che continuano a mostrare segni di vitalità, gli analisti prospettano altri ribassi se il cartello non prosegue con le riduzioni oltre giugno.

Oil: su le scorte Usa, giù i prezzi. Servono altri tagli Opec

Petrolio: piccolo rimbalzo. Fino a quando?

Sembra che per il petrolio si stia aprendo una nuova fase ribassista, come peraltro annunciato da tempo dagli analisti. Attualmente le quotazioni vedono un Brent poco dopra i 52 dollari e un Wti poco sotto i 49,3 dollari al barile.

Petrolio: piccolo rimbalzo. Fino a quando?

Petrolio in crollo. Dubbi sulla tenuta del Patto Opec-Non Opec

Le forze contrapposte che stanno stressando l’andamento del petrolio potrebbero stabilizzarsi favorendo la corrente negativa, ovverosia quella che, finora, ha privilegiato il calo delle quotazioni.

Petrolio in crollo. Dubbi sulla tenuta del Patto Opec-Non Opec

Petrolio a 50 dollari. E il calo potrebbe continuare

L'ottimismo, peraltro spesso tiepido, che si era intravisto sul petrolio, potrebbe avere le ore contate. Se non addirittura essere irrimediabilmente già defunto.

Petrolio a 50 dollari. E il calo potrebbe continuare

Petrolio: parola d'ordine volatilità. Almeno per altri 2 anni

In attesa dei dati sulle scorte di greggio Usa, l'AIE conferma le previsioni per i prossimi 2 anni: volatilità.

Petrolio: parola d'ordine volatilità. Almeno per altri 2 anni

Non lasciare che il roll yield eroda i rendimenti da commodity

Eistono due principali fattori in grado d’influenzare una strategia di rolling ottimizzata sulle commodity: il cambiamento delle condizioni di mercato, derivante dalle pressioni esercitate dalla politica, e la stagionalità. Parola di WisdomTree

Non lasciare che il roll yield eroda i rendimenti da commodity

Ottimismo sulle decisioni Opec. Ma non tutti sono d'accordo

Il Wti ha toccato in Asia i massimi negli ultimi 19 mesi salendo dell’1,16% e arrivando a superare, seppur di 1 solo centesimo, i 54 dollari al barile mentre il Brent è arrivato a 56,28 dollari.

Ottimismo sulle decisioni Opec. Ma non tutti sono d'accordo

Petrolio: accordo tra Russia e Libia. Intanto l'Arabia…

In contemporanea viene confermata anche un'altra vittoria di Mosca, quella di essere tornata sul podio dei produttori mondiali di petrolio, titolo tolto all'Arabia Saudita.

Petrolio: accordo tra Russia e Libia. Intanto l'Arabia…

Greggio: possibili altri tagli da Opec. Ma non tutti ci credono

Da un lato l'Opec taglia la produzione come da accordi di fine 2016, dall'altra gli Usa aumentano l'output: chi vincerà alla fine?

Greggio: possibili altri tagli da Opec. Ma non tutti ci credono
apk