PIL

PIL, Prodotto Interno Lordo

Il PIL è l'acronimo di Prodotto Interno Lordo, ovvero la somma dei valori di n prodotti e/o servizi (PIL = C + G + I + (X-M). La lettera C è rappresentata dai consumi finali, G è inteso per la somma della spesa dello Stato, I sta per gli investimenti privati, la lettera X indica il valore delle esportazioni, mentre M indica il valore delle importazioni.

Il PIL viene denominato in inglese Gross Domestic Product, GPD.

  • Prodotto: indica i beni e servizi che sono fonte di valore nel processo di scambio.

  • Interno: specifica che le attività economiche si svolgano nello stesso paese.

  • Lordo: si riferisce al valore della produzione che è al lordo dell'ammortamento, riferendosi esclusivamente alle transazioni legali in denaro.

Simon Kuznets, il padre del PIL

Nel 1937 l'economista americano di origini bielorusse, Simon Kuznets (1901-1985), elaborò il concetto di PIL. In seguito al periodo di crisi, dovuta alla grande depressione degli anni'30, l'economista Simon Kuznets, formulò il misuratore numerico, che era in grado di indicare lo stato di salute di un determinato tipo di economia, in maniera semplice e veloce.

La funzione del PIL

Il PIL è un misuratore basilare che viene utilizzato in macroeconomia, come indicatore per stabilire l'orientamento della politica economica. E' considerato il miglior benchmark della ricchezza materiale di un paese, determinandone la crescita reale.

Più precisamente, l'indicatore economico individua il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali, che una determinata nazione riesce a produrre nell'arco temporale. Generalmente esso viene calcolato su base annuale o trimestrale.

Il valore positivo del PIL indica una crescita economica, mentre la contrazione economica rileva un valore negativo.

Dal conteggiato il PIL è possibile definire il reddito medio per cittadino, che sta ad indicare il benessere medio pro capite. Il calcolo si ottiene dal rapporto del valore del PIL con la somma della popolazione del paese di riferimento.

Tuttavia il PIL non tiene conto di diversi fattori , che di conseguenza non vengono calcolati come ad esempio l'economia sommersa, l'economia non di mercato, i costi ambientali, il declino sociale (crimini) ed altro.

Le metodologie per calcolare il Prodotto Interno Lordo

Esistono tre diversi criteri per computare il PIL: Metodo del Valore Aggiunto, Metodo dei Redditi e il Metodo della Spesa.

Il conteggio del PIL

Il Prodotto Interno Lordo può essere rilevato in termini reali (di un determinato anno) oppure in termini nominali (nel valore espresso nella moneta attuale dei prezzi correnti), mentre il suo valore viene generalmente formulato nella valuta nazionale. I dati del PIL vengono comunicati in termini di variazione di percentuale.

Dividendo il PIL Nominale con il PIL Reale si ottiene il deflatore del PIL. Il deflatore del Pil è un misuratore economico che è in grado di rilevare la variazione dei prezzi di tutti i beni prodotti.

Per maggiori informazioni: PIL



Ftse Mib peggiore d'Europa a -1,9%. La view sui mercati di IG

Non parte bene la giornata oggi sui mercati con Piazza Affari e tutta l’Europa che virano in rosso poco dopo l’apertura delle contrattazioni. Intorno alle 11 il Ftse Mib segnava infatti -1,9% seguito da Londra a -0,26%, il Dax a -0,46% e Parigi a -0,88%

Ftse Mib peggiore d'Europa a -1,9%. La view sui mercati di IG

FMI: crescita deludente, pericolo di stagnazione secolare

Non lascia molta speranza l’ultimo documento del Fmi sulla situazione economica globale con un Pil mondiale al 3,2% nel 2016 dal precedente 3,1% del 2015 e in ribasso rispetto al 3,4% presente nelle scorse previsioni.

FMI: crescita deludente, pericolo di stagnazione secolare

Brasile sull'orlo del caos

Fino a qualche tempo fa il Brasile era riuscito a sopperire alle sue tante lacune economiche e sociali facendo affidamento sugli introiti delle materie prime e su tutti il petrolio: venendo meno queste è crollato il castello di carte.

Brasile sull'orlo del caos

Mercato Usa? Per qualcuno una delusione per i prossimi 5 anni

Non stupitevi se nel giro di sei mesi sui mercati azionari si dovesse verificare un calo del 5 o anche del 10%. Questo l’avvertimento di El-Erian.

Mercato Usa?  Per qualcuno una delusione per i prossimi 5 anni

Le strategie di Morgan Stanley in caso di recessione mondiale

La banca statunitense ha tagliato il suo target a 12 mesi per l'indice S&P 500 a 2.050 dai precedenti 2.175. Ma i resto dei numeri è anche peggiore.

Le strategie di Morgan Stanley in caso di recessione mondiale

Piazza Affari e i 3 protagonisti della sua mattinata

Mattinata difficile a Piazza Affari con una incertezza di fondo che comporta anche una forte dose di volatilità per cui se la maggior parte della mattinata è stata trascorsa in territorio negativo al giro di boa si registra intorno alle 13.30 un ritorno in positivo con +0,4%

Piazza Affari e i 3 protagonisti della sua mattinata

L'Europa del 2019 secondo Goldman Sachs

Protagonista, almeno per le percentuali maggiori in zona euro, la periferia la quale con una Spagna in crescita del 3,2%nel 2015 potrebbe infondere un ottimismo anche se le sorprese arriveranno anche da altri.

L'Europa del 2019 secondo Goldman Sachs

Bullard: nessuna recessione, solo "bassa crescita"

Secondo quanto dichiarato dal presidente della Fed di St. Louis Jim Bullard la recente correzione verificatasi sul mercato statunitense ha scongiurato il pericolo di una bolla speculativa.

Bullard: nessuna recessione, solo "bassa crescita"

Piazza Affari positiva (2,3%) al giro di boa. I protagonisti

I mercati mantengono le promesse: davanti a prospettive di aperture ampiamente positive Piazza Affari e tutta l’europa confermano le attese. Anche se ognuna a modo suo.

Piazza Affari positiva (2,3%) al giro di boa. I protagonisti

Perchè si parla sempre più spesso di recessione?

Tra le condizioni che stanno favorendo l’arrivo di questa crisi la sopravvalutazione delle attività finanziarie, una significativa leva finanziaria, un’innegabile bassa crescita e una ricerca del rischio spesso ingiustificato.

Perchè si parla sempre più spesso di recessione?

Aumentano le riserve: gli italiani hanno paura e risparmiano

A differenza dell'esultanza di Renzi&Co al secondo compleanno del loro governo, gli italiani preferiscono continuare a risparmiare. Ma si tratta di un risparmio malato perchè dettato dalla paura.

Aumentano le riserve: gli italiani hanno paura e risparmiano

Usa e Ue avvertono Pechino. Nuova guerra commerciale in vista?

Resta aperto il confronto con l’Europa per il problema di un surplus sulla produzione industriale che è sistematicamente riversata nel Vecchio Continente. Ma anche gli Usa temono la concorrenza sleale.

Usa e Ue avvertono Pechino. Nuova guerra commerciale in vista?

La (possibile) recessione Usa adesso spaventa anche i gestori

La paura sui mercati continua ad essere presente anche se non in maniera così estrema come nella scorsa settimana e in quella ancora precedente durante le quali si è potuto assistere a una vera e propria tempesta globale.

La (possibile) recessione Usa adesso spaventa anche i gestori

Pil: c’è chi fa peggio dell’Italia

Il Pil italiano è sotto le attese. Nonostante petrolio a basso costo, agevolazioni dei tassi ed euro svalutato con l'azione della Bce. Eppure c'è chi ha fatto peggio. E per giunta con un QE in corso.

Pil: c’è chi fa peggio dell’Italia

Tagli alla pensione di reversibilità: facciamo chiarezza

Finora l'assegno di reversibilità era considerato come una spesa previdenziale, il disegno di legge contro la povertà lo farebbe diventare assistenziale. Con tutti i tagli derivanti. Cosa cambierebbe?

Tagli alla pensione di reversibilità: facciamo chiarezza

Capire e sopravvivere alla crisi sui mercati

La settimana si è chiusa con un balzo del 4,7% a Piazza Affari ma ovviamente non basta solo una seduta per gridare al miracolo. Anzi, la maggior parte degli esperti propende per uno scenario di base estremamente negativo.

Capire e sopravvivere alla crisi sui mercati
apk