PIL

RSS

PIL, Prodotto Interno Lordo

Il PIL è l'acronimo di Prodotto Interno Lordo, ovvero la somma dei valori di n prodotti e/o servizi (PIL = C + G + I + (X-M). La lettera C è rappresentata dai consumi finali, G è inteso per la somma della spesa dello Stato, I sta per gli investimenti privati, la lettera X indica il valore delle esportazioni, mentre M indica il valore delle importazioni.

Il PIL viene denominato in inglese Gross Domestic Product, GPD.

  • Prodotto: indica i beni e servizi che sono fonte di valore nel processo di scambio.

  • Interno: specifica che le attività economiche si svolgano nello stesso paese.

  • Lordo: si riferisce al valore della produzione che è al lordo dell'ammortamento, riferendosi esclusivamente alle transazioni legali in denaro.

Simon Kuznets, il padre del PIL

Nel 1937 l'economista americano di origini bielorusse, Simon Kuznets (1901-1985), elaborò il concetto di PIL. In seguito al periodo di crisi, dovuta alla grande depressione degli anni'30, l'economista Simon Kuznets, formulò il misuratore numerico, che era in grado di indicare lo stato di salute di un determinato tipo di economia, in maniera semplice e veloce.

La funzione del PIL

Il PIL è un misuratore basilare che viene utilizzato in macroeconomia, come indicatore per stabilire l'orientamento della politica economica. E' considerato il miglior benchmark della ricchezza materiale di un paese, determinandone la crescita reale.

Più precisamente, l'indicatore economico individua il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali, che una determinata nazione riesce a produrre nell'arco temporale. Generalmente esso viene calcolato su base annuale o trimestrale.

Il valore positivo del PIL indica una crescita economica, mentre la contrazione economica rileva un valore negativo.

Dal conteggiato il PIL è possibile definire il reddito medio per cittadino, che sta ad indicare il benessere medio pro capite. Il calcolo si ottiene dal rapporto del valore del PIL con la somma della popolazione del paese di riferimento.

Tuttavia il PIL non tiene conto di diversi fattori , che di conseguenza non vengono calcolati come ad esempio l'economia sommersa, l'economia non di mercato, i costi ambientali, il declino sociale (crimini) ed altro.

Le metodologie per calcolare il Prodotto Interno Lordo

Esistono tre diversi criteri per computare il PIL: Metodo del Valore Aggiunto, Metodo dei Redditi e il Metodo della Spesa.

Il conteggio del PIL

Il Prodotto Interno Lordo può essere rilevato in termini reali (di un determinato anno) oppure in termini nominali (nel valore espresso nella moneta attuale dei prezzi correnti), mentre il suo valore viene generalmente formulato nella valuta nazionale. I dati del PIL vengono comunicati in termini di variazione di percentuale.

Dividendo il PIL Nominale con il PIL Reale si ottiene il deflatore del PIL. Il deflatore del Pil è un misuratore economico che è in grado di rilevare la variazione dei prezzi di tutti i beni prodotti.

Per maggiori informazioni: PIL



Clamoroso: le stime sul Pil del Giappone erano sbagliate!

Anche i grandi possono sbagliare, ma nel caso del Giappone lo sbaglio ha dell'incredibile sia nei numeri sia nell'oggetto dell'errore in sè.

Clamoroso: le stime sul Pil del Giappone erano sbagliate!

Usa: la tempesta c'è, ma non si vede

I mercati ormai sono assopiti nell'attesa delle decisioni che verranno prese dalle banche centrali. Da tempo sappiamo che la Bce sembra organizzarsi in modo da ampliare il suo QE ma la Fed si è organizzata in altri modi. Forse per nascondere la verità?

Usa: la tempesta c'è, ma non si vede

Italia tra deflazione e calo del Pil. E la Bce si prepara al QE2

Come già pronosticato precedentemente, la strada per la ripresa dell’Italia, così come di tutta l’Europa, per non dire di tutto il mondo, era stata vista irta di insidie ed ostacoli che si sarebbero potuti presentare all’improvviso. Come è successo.

Italia tra deflazione e calo del Pil. E la Bce si prepara al QE2

Roubini: recessione Usa? No, ma crescita mediocre sì

Wall Street ha accusato il colpo di un possibile calo della crescita globale in seguito a un peggioramento delle tensioni geopolitiche.

Roubini: recessione Usa? No, ma crescita mediocre sì

Mercati preoccupati: le incognite in arrivo dopo l'attentato

Il terrorismo opera su due fronti: quello dei paesi mediterranei (devastati dalle lotte intestine a sfondo, apparentemente, religioso) e quello europeo con la strategia degli attentati: l'Italia commercia con entrambi. E in questo caso le banche centrali non possono fare niente.

Mercati preoccupati: le incognite in arrivo dopo l'attentato

L'economia mondiale sta implodendo. In silenzio

Il mondo sta implodendo? La domanda sorge spontanea se si pensa che i grandi motori dell'economa hanno ufficializzato una crescita in calo ovunque. Partendo da McDonald's e da WalMart simboli statunitensi per eccellenza fino alla Cina, futuro motore del mondo

L'economia mondiale sta implodendo. In silenzio

Frena l'economia Usa e il Pil. Come la mettiamo con la Fed?

L''economia statunitense è cresciuta, infatti segna un +1,5% nel terzo trimestre, dato che denota due conseguenze: ha confermato le previsioni degli esperti, ma anche un calo rispetto al dato eccezionale del 3,9% segnato nella precedente rilevazione del secondo trimestre.

Frena l'economia Usa e il Pil. Come la mettiamo con la Fed?

La bussola sui mercati: investire in Europa per battere gli Usa

Che la ripresa a livello mondiale fosse in difficoltà non è una scoperta recente. Gli allarmi ultimamente si sono moltiplicati fino ad arrivare alla (quasi) certezza con la perdita di tono (e di Pil) da parte della Cina.

La bussola sui mercati: investire in Europa per battere gli Usa

Le prossime incognite sull’Europa

Dopo la momentanea archiviazione della pratica Fed, arriva l’archiviazione (definitiva?) di quella sulla Grecia. Ma lontana è ancora quella (anch’essa definitiva?) dell’Europa.

Le prossime incognite sull’Europa

Grecia: si vota

L'ondata di profughi è ancora cronaca di tutti i giorni e questo potrebbe essere uno di que fattori che decideranno le sorti nell'immediato delle elezioni in Grecia che si terranno oggi. E il sui esito è tra i più incerti.

Grecia: si vota

Ok per la PA il prezzo non è giusto. E' troppo alto

Lo scopo per i prossimi 4 anni dovrebbe essere risparmiare 8 miliardi, il che in teoria risulterebbe relativamente facile su una spesa pubblica di 127 miliardi: in un paniere così ampio qualcosa da tagliare si trova. O meglio si sarebbe dovuta trovare...

Ok per la PA il prezzo non è giusto. E' troppo alto

L'Abenomics sta fallendo. E S&P taglia il rating del Giappone

Non sembra cogliere nel segno la manovra di espansione giapponese a sostegno dell'economia. Lo sforzo titanico dell'amministrazione di Shinzo Abe con la collaborazione del governatore della Banca Centrale Giapponese Haruhiko Kuroda non convince gli esperti di Standard&Poor's

L'Abenomics sta fallendo. E S&P taglia il rating del Giappone

Speciale emergenti: anche la Turchia traballa

A quanto pare non si tratta solo di Brasile o Cina, la debacle degli emergenti coinvolge sempre più spesso proprio quelle nazioni che gli analisti avevano visto come il nuovo fronte della crescita futura.

Speciale emergenti: anche la Turchia traballa

Citigroup: Pil Cina a 4,5% e recessione globale in arrivo

Purtroppo il caos che rischia di nascere dagli emergenti affonda le sue radici nella crisi delle materie prime di cui il settore è esportatore verso tutto il resto del mondo.

Citigroup: Pil Cina a 4,5% e recessione globale in arrivo

Fitch: Pil Cina al 5% dal prossimo anno

L'attesa è tutta per la Fed ma nel frattempo l'attenzione cade sui dati macro della Cina, per la precisione quelli sulla produzione industriale di agosto pari al 6,1% e previsioni che speravano in un 6,4% sul precedente di luglio del 6%.

Fitch: Pil Cina al 5% dal prossimo anno

Preparatevi: la volatilità della Cina ci accompagnerà a lungo

E' la Cina che dirige il traffico sui mercati oggi. Piazza Affari accelera al rialzo e punta al 2% grazie a quel 2,9% segnato da Shanghai a sua volta risultato di nuove iniziative prese dal governo centrale per stimolare la finanza.

Preparatevi: la volatilità della Cina ci accompagnerà a lungo
apk