PIL

PIL, Prodotto Interno Lordo

Il PIL è l'acronimo di Prodotto Interno Lordo, ovvero la somma dei valori di n prodotti e/o servizi (PIL = C + G + I + (X-M). La lettera C è rappresentata dai consumi finali, G è inteso per la somma della spesa dello Stato, I sta per gli investimenti privati, la lettera X indica il valore delle esportazioni, mentre M indica il valore delle importazioni.

Il PIL viene denominato in inglese Gross Domestic Product, GPD.

  • Prodotto: indica i beni e servizi che sono fonte di valore nel processo di scambio.

  • Interno: specifica che le attività economiche si svolgano nello stesso paese.

  • Lordo: si riferisce al valore della produzione che è al lordo dell'ammortamento, riferendosi esclusivamente alle transazioni legali in denaro.

Simon Kuznets, il padre del PIL

Nel 1937 l'economista americano di origini bielorusse, Simon Kuznets (1901-1985), elaborò il concetto di PIL. In seguito al periodo di crisi, dovuta alla grande depressione degli anni'30, l'economista Simon Kuznets, formulò il misuratore numerico, che era in grado di indicare lo stato di salute di un determinato tipo di economia, in maniera semplice e veloce.

La funzione del PIL

Il PIL è un misuratore basilare che viene utilizzato in macroeconomia, come indicatore per stabilire l'orientamento della politica economica. E' considerato il miglior benchmark della ricchezza materiale di un paese, determinandone la crescita reale.

Più precisamente, l'indicatore economico individua il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali, che una determinata nazione riesce a produrre nell'arco temporale. Generalmente esso viene calcolato su base annuale o trimestrale.

Il valore positivo del PIL indica una crescita economica, mentre la contrazione economica rileva un valore negativo.

Dal conteggiato il PIL è possibile definire il reddito medio per cittadino, che sta ad indicare il benessere medio pro capite. Il calcolo si ottiene dal rapporto del valore del PIL con la somma della popolazione del paese di riferimento.

Tuttavia il PIL non tiene conto di diversi fattori , che di conseguenza non vengono calcolati come ad esempio l'economia sommersa, l'economia non di mercato, i costi ambientali, il declino sociale (crimini) ed altro.

Le metodologie per calcolare il Prodotto Interno Lordo

Esistono tre diversi criteri per computare il PIL: Metodo del Valore Aggiunto, Metodo dei Redditi e il Metodo della Spesa.

Il conteggio del PIL

Il Prodotto Interno Lordo può essere rilevato in termini reali (di un determinato anno) oppure in termini nominali (nel valore espresso nella moneta attuale dei prezzi correnti), mentre il suo valore viene generalmente formulato nella valuta nazionale. I dati del PIL vengono comunicati in termini di variazione di percentuale.

Dividendo il PIL Nominale con il PIL Reale si ottiene il deflatore del PIL. Il deflatore del Pil è un misuratore economico che è in grado di rilevare la variazione dei prezzi di tutti i beni prodotti.

Per maggiori informazioni: PIL



Pensioni: possibili aumenti in vista per la quattordicesima

Situazione difficile quella dell'Italia: con un Pil che sale (forse) dello zerovirgola, si deve riuscire a garantire i diritti dei tanti pensionati, dei pochi lavoratori e far quadrare, nello stesso tempo, i conti su un deficit che cresce.

Pensioni: possibili aumenti in vista per la quattordicesima

Italia: pioggia di tagli su stime Pil. Ma i mercati volano (+2%)

Alle 12.30 in Europa, Parigi viaggiava a +1,62%, Francoforte a 1,54% e solo Londra, eccezione, registrava un passivo, frazionale, dello 0,1%, il tutto mentre mentre Piazza Affari registrava un attivo di oltre il 2%.

Italia: pioggia di tagli su stime Pil. Ma i mercati volano (+2%)

I 3 motivi per cui l'Ocse vede l'economia mondiale in pericolo

Nel suo Global Outlook Economic, l'Ocse parla di una crescita globale di circa il 3%. Troppo bassa per giudicarla affidabile anche in futuro.

I 3 motivi per cui l'Ocse vede l'economia mondiale in pericolo

Più debito che Pil in Cina: 710 miliardi di dollari in 3 mesi

I dati ufficiali rappresentano solo una parte della realtà, quella più comoda. Ma dietro si nasconde una situazione molto difficile.

Più debito che Pil in Cina: 710 miliardi di dollari in 3 mesi

Svolta in Grecia: c’è l’accordo. Ma chi ci guadagna?

Alla fine si è riusciti ad accontentare tutti. O Quasi. Il vero obiettivo, al di là delle dichiarazioni di circostanza, era quello di neutralizzare sul breve periodo un pericolo che poteva sovrapporsi all'altra minaccia in arrivo, la Brexit.

Svolta in Grecia: c’è l’accordo. Ma chi ci guadagna?

Pericolo di recessione tecnica per le aziende made in Usa?

La stagione delle trimestrali Usa è ormai in fase avanzata e i primi risultati non hanno deluso (più di tanto) le attese. Ma il cammino è ancora lungo e il peggio potrebbe essere dietro l’angolo.

Pericolo di recessione tecnica per le aziende made in Usa?

Portafoglio da riorganizzare: in vista l'evento clou dell'estate

Un evento in arrivo a causa del quale sarà meglio organizzare il proprio portafoglio in modo da permettergli di affrontare le intemperie in arrivo e di irrobustirlo così da restare saldo tra i moti ondosi che l’estate porterà con sè.

Portafoglio da riorganizzare: in vista l'evento clou dell'estate

L’ombra dell’Asia si allunga sui mercati

Piazza Affari parte cauta oggi come un po’ tutto il resto dei mercati internazionali spaventati da quanto sta accadendo in Asia, nuova fucina delle fobie degli operatori.

L’ombra dell’Asia si allunga sui mercati

Flessibilità: l'Ue sempre più vicina al sì

Per quanto manchi ancora l’ufficialità, il primo ostacolo è stato superato: l’Unione Europea dovrebbe concedere all’Italia un margine di flessibilità dello 0,85% per il 2016.

Flessibilità: l'Ue sempre più vicina al sì

Debito pubblico: nuovo record storico: +14mld solo a marzo

Quello che grava sull'Italia è un panorama di incertezza dettato sia dalla bassa crescita che dalla deflazione dovuta a una mancanza di domanda da parte dei consumatori. Il tutto mentre le prospettive sull'economia della nazione e del mondo intero continuano ad essere un punto interrogativo

Debito pubblico: nuovo record storico: +14mld solo a marzo

Macro controversi. Ftse Mib recupera ma resta negativo: -0,1%

Una giornata ancora nervosa quella di oggi sulle borse europee. Piazza Affari resta ancora negativa per tutta la mattinata anche se il margine del pessimismo tende a diminuire all’avvicinarsi del giro di boa.

Macro controversi. Ftse Mib recupera ma resta negativo: -0,1%

Ftse Mib peggiore d'Europa a -1,9%. La view sui mercati di IG

Non parte bene la giornata oggi sui mercati con Piazza Affari e tutta l’Europa che virano in rosso poco dopo l’apertura delle contrattazioni. Intorno alle 11 il Ftse Mib segnava infatti -1,9% seguito da Londra a -0,26%, il Dax a -0,46% e Parigi a -0,88%

Ftse Mib peggiore d'Europa a -1,9%. La view sui mercati di IG

FMI: crescita deludente, pericolo di stagnazione secolare

Non lascia molta speranza l’ultimo documento del Fmi sulla situazione economica globale con un Pil mondiale al 3,2% nel 2016 dal precedente 3,1% del 2015 e in ribasso rispetto al 3,4% presente nelle scorse previsioni.

FMI: crescita deludente, pericolo di stagnazione secolare

Brasile sull'orlo del caos

Fino a qualche tempo fa il Brasile era riuscito a sopperire alle sue tante lacune economiche e sociali facendo affidamento sugli introiti delle materie prime e su tutti il petrolio: venendo meno queste è crollato il castello di carte.

Brasile sull'orlo del caos

Mercato Usa? Per qualcuno una delusione per i prossimi 5 anni

Non stupitevi se nel giro di sei mesi sui mercati azionari si dovesse verificare un calo del 5 o anche del 10%. Questo l’avvertimento di El-Erian.

Mercato Usa?  Per qualcuno una delusione per i prossimi 5 anni

Le strategie di Morgan Stanley in caso di recessione mondiale

La banca statunitense ha tagliato il suo target a 12 mesi per l'indice S&P 500 a 2.050 dai precedenti 2.175. Ma i resto dei numeri è anche peggiore.

Le strategie di Morgan Stanley in caso di recessione mondiale
apk