PIL

PIL, Prodotto Interno Lordo

Il PIL è l'acronimo di Prodotto Interno Lordo, ovvero la somma dei valori di n prodotti e/o servizi (PIL = C + G + I + (X-M). La lettera C è rappresentata dai consumi finali, G è inteso per la somma della spesa dello Stato, I sta per gli investimenti privati, la lettera X indica il valore delle esportazioni, mentre M indica il valore delle importazioni.

Il PIL viene denominato in inglese Gross Domestic Product, GPD.

  • Prodotto: indica i beni e servizi che sono fonte di valore nel processo di scambio.

  • Interno: specifica che le attività economiche si svolgano nello stesso paese.

  • Lordo: si riferisce al valore della produzione che è al lordo dell'ammortamento, riferendosi esclusivamente alle transazioni legali in denaro.

Simon Kuznets, il padre del PIL

Nel 1937 l'economista americano di origini bielorusse, Simon Kuznets (1901-1985), elaborò il concetto di PIL. In seguito al periodo di crisi, dovuta alla grande depressione degli anni'30, l'economista Simon Kuznets, formulò il misuratore numerico, che era in grado di indicare lo stato di salute di un determinato tipo di economia, in maniera semplice e veloce.

La funzione del PIL

Il PIL è un misuratore basilare che viene utilizzato in macroeconomia, come indicatore per stabilire l'orientamento della politica economica. E' considerato il miglior benchmark della ricchezza materiale di un paese, determinandone la crescita reale.

Più precisamente, l'indicatore economico individua il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali, che una determinata nazione riesce a produrre nell'arco temporale. Generalmente esso viene calcolato su base annuale o trimestrale.

Il valore positivo del PIL indica una crescita economica, mentre la contrazione economica rileva un valore negativo.

Dal conteggiato il PIL è possibile definire il reddito medio per cittadino, che sta ad indicare il benessere medio pro capite. Il calcolo si ottiene dal rapporto del valore del PIL con la somma della popolazione del paese di riferimento.

Tuttavia il PIL non tiene conto di diversi fattori , che di conseguenza non vengono calcolati come ad esempio l'economia sommersa, l'economia non di mercato, i costi ambientali, il declino sociale (crimini) ed altro.

Le metodologie per calcolare il Prodotto Interno Lordo

Esistono tre diversi criteri per computare il PIL: Metodo del Valore Aggiunto, Metodo dei Redditi e il Metodo della Spesa.

Il conteggio del PIL

Il Prodotto Interno Lordo può essere rilevato in termini reali (di un determinato anno) oppure in termini nominali (nel valore espresso nella moneta attuale dei prezzi correnti), mentre il suo valore viene generalmente formulato nella valuta nazionale. I dati del PIL vengono comunicati in termini di variazione di percentuale.

Dividendo il PIL Nominale con il PIL Reale si ottiene il deflatore del PIL. Il deflatore del Pil è un misuratore economico che è in grado di rilevare la variazione dei prezzi di tutti i beni prodotti.

Per maggiori informazioni: PIL



Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

L'uscita dall'euro non è all'ordine del giorno ma è innegabile che i rapporti con Bruxelles e le regole che governano l'Ue dovranno fare i conti con la politica.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Il Ftse Mib crolla già in apertura: la politica colpisce ancora

Come facilmente prevedibile dopo la bocciatura quasi immediata da parte dell'Ue della manovra economica presentata dal governo Conte, Piazza affari apre sotto pressione.

Il Ftse Mib crolla già in apertura: la politica colpisce ancora

JPMorgan scarica la Cina: guerra commerciale pronta alla Fase 3

La banca americana ha tagliato il giudizio sull'azionario cinese assumendo come scenario base una guerra commerciale su larga scala nel 2019.

JPMorgan scarica la Cina: guerra commerciale pronta alla Fase 3

Timori per il settore bancario italiano: i nomi di chi rischia

Continua la volatilità a Piazza Affari e, come prevedibile, sono ancora i titoli del settore bancario ad essere sotto osservazione. La view di Filippo Diodovich

Timori per il settore bancario italiano: i nomi di chi rischia

Allarme Goldman e Moody: Europa e Italia ancora troppo fragili

Si attenua la tempesta sul mercato tricolore, tempesta che, per il momento, sta appesantendo anche il resto d'Europa.

Allarme Goldman e Moody: Europa e Italia ancora troppo fragili

Juncker: nuova crisi greca in arrivo ma stavolta sarà in Italia

La mancata partecipazione del ministro dell'economia Giovanni Tria all'Ecofin è il segnale più forte per testare il polso della situazione.

Juncker: nuova crisi greca in arrivo ma stavolta sarà in Italia

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Dopo il venerdì nero che ha chiuso la settimana scorsa ed anche il mese di settembre, oggi Piazza Affari tenta un rimbalzo tecnico, aiutato dai titoli petroliferi e da alcuni bancari.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Deficit/Pil al 2,4%: perchè fa paura ai mercati?

L'ormai celeberrimo Trattato di Maastricht del 1992 stabiliva che il rapporto deficit/Pil per ogni stato membro fosse fissato ad un tetto massimo del 3%.

Deficit/Pil al 2,4%: perchè fa paura ai mercati?

Tria contro il Governo, dall'1.6 al 2.4% cosa cambierebbe?

Ormai è diventato allarme rosso lo scontro tra il governo italiano e Giovanni Tria, Ministro dell'economia e finanza.

Tria contro il Governo, dall'1.6 al 2.4% cosa cambierebbe?

I fattori di rischio sul mercato italiano in attesa del Def

La politica in subbuglio non influenza troppo gli scambi a Piazza Affari ma resta l'attesa per le prossime decisioni del governo sul Def. Quali sono i fattori di rischio che potrebbero mettere sotto pressione il mercato italiano? A rispondere è Vincenzo Longo Market Strategist di IG.

I fattori di rischio sul mercato italiano in attesa del Def

L'economia globale? Siamo in un delicato equilibrio

L'economia globale si trova in una fase di delicato equilibrio che rischia di crollare definitivamente in caso di un passo falso che potrebbe arrivare da qualsiasi parte.

L'economia globale? Siamo in un delicato equilibrio

Europa: terremoto in arrivo nella primavera del 2019

La Borsa italiana vira al ribasso. Al giro di boa delle 12 infatti, Piazza Affari registravaun calo dello 0,43% pari a 20.445 punti.

Europa: terremoto in arrivo nella primavera del 2019

Citi: presto Ftse Mib in rally. Titoli da preferire e da evitare

Citi prevede un rally per i titoli italiani dopo la sua tempesta politica

Citi: presto Ftse Mib in rally. Titoli da preferire e da evitare

Il governo amplifica l'effetto Fitch: spread su nuovi massimi

Deficit/pil: questa mattina, il sottosegretario Giorgetti ha prospettato la violazione del tetto del 3% se serve a "“mettere in sicurezza il Paese”.

Il governo amplifica l'effetto Fitch: spread su nuovi massimi

Mercati ancora deboli in attesa di Fitch: dati macro non aiutano

L'inflazione di agosto, che secondo la lettura preliminare, è cresciuta del 2% in Europa, non aiuta i mercati che alle 14 segnano ancora un passivo diffuso un po' ovunque.

Mercati ancora deboli in attesa di Fitch: dati macro non aiutano

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Ancora andamenti contrastanti per le borse europee che ieri hanno chiuso la seduta con risultati differenti.

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore
apk