Quantitative Easing

Quantitative Easing, l’allentamento monetario della banca centrale

Con il termine Quantitative Easing si è soliti indicare un’operazione facente parte del complesso delle politiche monetarie di cui può usufruire una banca centrale.

Diversamente conosciuto con l’acronimo QE o in termini di “facilitazione quantitativa”, “allentamento monetario” ed "alleggerimento monetario", il Quantitative Easing è una delle principali modalità tramite le quali l’istituto centrale di una nazione crea moneta e la inietta sul mercato, tramite operazioni di mercato aperto.

Operazioni di mercato aperto

Quando una banca centrale ricorre al QE, questa stessa acquista dal mercato titoli (anche tossici) e strumenti finanziari (di debito) per un importo ed una cifra predeterminati, con effetti immediatamente benèfici per gli ex aventi diritto (che si trovano ripagati del corrispettivo in denaro anticipato dell’attività detenuta) e per il sistema economico in generale, che si trova riempito di nuova liquidità (data dal pagamento della banca centrale con nuova cartamoneta).

Il controllo della base monetaria da parte dell'istituto centrale avviene per lo più tramite operazioni di acquisto diretto via asta di Titoli governativi da parte del "mercato aperto", vale a dire l'insieme di banca centrale, banche nazionali e banche estere autorizzate.

Obiettivi perseguiti tramite QE

Quando una banca centrale attua un piano di QE, tra i principali obiettivi vi sono:

  • ridare liquidità ad un mercato in condizioni di stretta del credito (sia nei confronti della clientela e delle famiglie, sia nei confronti degli altri istituti di credito);
  • permettere il salvataggio di un istituto finanziario rilevante (e preservare gli altri istituti ad esso connessi: “too interconnected to fail”);
  • togliere dal mercato titoli tossici (ad altissimo rischio e dubbia remunerazioni, tra cui prestiti cartolarizzati e derivati complessi);
  • ridurre i costi di indebitamento di uno Stato (senza però ottenere la riduzione del debito in sé).

In quanto finanziatore di soggetti detentori di titoli, l’attuazione di un piano di Quantitative Easing finisce per coincidere spesso con la concessione di liquidità non tanto al sistemo economico generale, quanto piuttosto al comparto bancario, il quale, come dimostrato all’interno della crisi finanziaria europea, in periodi di difficoltà preferisce depositare la nuova liquidità presso lo stesso istituto centrale (ottenendo tassi anche prossimi allo zero, se non addirittura negativi), piuttosto che correre il rischio di una concessione di prestito al mercato.

Dal canto opposto, l’acquisto sul mercato di titoli porta la domanda degli stessi a crescere immediatamente, provocando un innalzamento del prezzo ed un abbassamento del rendimento. L’esempio statunitense mostra inoltre come, nel corso della crisi economica del 2008, il legame tra rendimento dei titoli di Stato (Treasury bonds a lungo termine) e tassi d’interesse bancari tenda a provocare l'abbassamento anche di questi ultimi.

Quantitative easing: inflazione e bolle economiche

Il Quantitative Easing è stato definito come una politica monetaria invasiva e deviante, capace di modificare l’andamento economico di un paese attraverso immissioni di liquidità artificiali, generando dunque situazioni amplificate e spesso deleterie.

Tra queste, il tema dell’inflazione occupa un ruolo centrale: se da una parte l’abbassamento dei rendimenti de titoli determina un disincentivo all’investimento nel paese da parte di investitori esteri (che genera un abbassamento del livello di inflazione), dal canto opposto una maggiore liquidità in portafoglio può stimolare l'aumento della spesa e degli acquisti, non tenendo conto della corrispettiva diminuzione del potere d’acquisto per ogni taglio. In tal senso, maggiori acquisti generano un aumento dei consumi e, dunque, del livello di inflazione (iperinflazione).
Analogamente, sul mercato finanziario, maggiore liquidità circolante e bassi rendimenti sui titoli “sicuri” possono portare alla formazione di rigonfiamenti oltre misura di indici e comparti azionari, con il rischio crescente di formare bolle economiche.

Il QE nella pratica odierna

Tra i primi utilizzatori di un piano di QE si annovera la Bank of Japan, che a fine anni ’90 promosse l’allentamento monetario nel paese per combattere la deflazione che attraversava il Paese.
Un programma intensificatosi poi nell’aprile del 2013 (con l’Abenomics del primo ministro Shinzo Abe), quando l’istituto giapponese ha intensificato il programma di acquisto titoli sul mercato portandolo a $1,4 trilions in due anni (con target d’inflazione al 2%).

Per gli USA, il primo QE promosso dalla Federal Reserve ha avuto inizio nel marzo 2009. Ad esso ne sono seguiti altri due, l’ultimo dei quali (iniziato col settembre 2012, con 85 miliardi di nuovi dollari versati ogni mese sul mercato) ha avviato le pratiche di rientro (Tapering) ad inizio 2014.

Diversamente dal caso giapponese, statunitense ed inglese (con la Bank of England promotrice anch'essa di un QE da 375 miliardi di sterline), la banca Centrale Europea, perseguendo l’obiettivo di stabilità dei prezzi e di tassi di inflazione non superiori al 2%, non ha fatto ricorso ad operazioni di QE.
Tuttavia, a seguito della crisi dilagante del 2011, anche la BCE ha avviato un piano di rifinanziamento a lungo termine, conosciuto sotto la voce di Ltro.

Per maggiori informazioni: QUANTITATIVE EASING



Elezioni anticipate più lontane. E il Ftse Mib sale

In attesa dei vari sviluppi, a Piazza Affari si è diffuso nell’ultima parte della mattinata, un trend ottimista che ha portato l’indice italiano a segnare verso le 13, +1,33% superando la soglia dei 21mila punti e toccando quota 21.015.

Elezioni anticipate più lontane. E il Ftse Mib sale

Azioni e materie prime: quali sono i veri driver per i mercati?

Proviamo a mettere a confronto l'andamento degli indici di metalli industriali, energia, azioni dei Paesi sviluppati ed emergenti negli ultimi 10 anni: notate qualche strana coincidenza?

Azioni e materie prime: quali sono i veri driver per i mercati?

Usa Vs Europa: azioni o bond, scelte strategiche

Il nuovo stile di comunicazione della Casa Bianca può essere a volte sconcertante, ma non ci sono reali motivi per mettere in discussione l'ottimismo dei mercati finanziari visto nelle ultime settimane.

Usa Vs Europa: azioni o bond, scelte strategiche

5 buone ragioni per comprare sulle borse europee nel 2017

E' un'idea che si sta diffondendo: la sottoperformance delle azioni europee rispetto ai titoli americani potrebbe terminare nel 2017.

5 buone ragioni per comprare sulle borse europee nel 2017

Bce, nessuna riduzione del QE entro la prima metà del 2017

La Banca Centrale Europea non ha cambiato la sua posizione in termini di politica monetaria, rimanendo così in linea con le nostre attese e con quelle di mercato.

Bce, nessuna riduzione del QE entro la prima metà del 2017

Inflazione, Trump, crisi euro: tutti i problemi di Draghi

La BCE non dovrebbe annunciare cambi di direzione sostanziali nel programma di stimoli, ma cresce la pressione dei falchi nel board.

Inflazione, Trump, crisi euro: tutti i problemi di Draghi

Draghi spinge le Borse e allontana la paura del tapering

La decisione di allungare la durata del QE a fine 2017, con acquisti ridotti però da aprile, mostra un atteggiamento ancora accomodante della BCE. I mercati azionari apprezzano, mentre affonda l'euro.

Draghi spinge le Borse e allontana la paura del tapering

La BCE estende il QE fino a dicembre 2017. Le Borse allungano

Nessuna sorpresa sui tassi di interesse che rimarranno bassi, o su livelli inferiori agli attuali anche dopo il QE. Cambia la scadenza del piano di acquisti mensili, ma da aprile si scende a 60 mld.

La BCE estende il QE fino a dicembre 2017. Le Borse allungano

BoJ: inflazione al 2% non prima del 2019. Domani arriva la FED

La BoJ comunica un nuovo spostamento al 2018-2019 della data prevista per riportare al 2% l'inflazione. Fermi i tassi e confermati i numeri del piano di QE

BoJ: inflazione al 2% non prima del 2019. Domani arriva la FED

Il quantitative easing fino a ora ha funzionato poco

I risultati del QE sono stati deludenti specie se si considera che, nell’ultimo anno, il livello medio dei prezzi nell’Area dell’euro è cresciuto di appena lo 0,2 per cento mentre i prestiti alle società non finanziarie europee sono scesi di 0,5 punti percentuali.

Il quantitative easing fino a ora ha funzionato poco

Dilemma Bce: come archiviare il QE senza far paura ai mercati

Mario Draghi dovrà stare domani in equilibrio tra la necessità di prendere tempo in attesa di nuovi segnali su crescita e inflazione e l'esigenza di rassicurare i mercati sulle voci di una prossima fine del QE.

Dilemma Bce: come archiviare il QE senza far paura ai mercati

La BoJ fa l'antigattopardo: non cambiar nulla perché tutto cambi

La Bank of Japan inaugura la fase 3 del piano di stimolo monetario. Restano fermi i tassi negativi e la base monetaria del QE, ma cambia la strategia di riferimento che sposta il target verso la curva dei rendimenti.

La BoJ fa l'antigattopardo: non cambiar nulla perché tutto cambi

Borse deluse: Draghi resta fermo, ma dovrà agire ancora. Quando?

Borse volatili dopo l'assenza di novità dalla BCE che però dovrà fare nuovamente qualcosa per sostenere la crescita. Cosa si aspettano ora gli analisti da Draghi?

Borse deluse: Draghi resta fermo, ma dovrà agire ancora. Quando?

Record assoluto di tassi negativi: mai così in oltre 5mila anni

Un esempio arriva dalle ultime disposizioni della Bce in materia di acquisti sul mercato dei bond che ha portato due colossi come Henkel e Sanofi, anche loro sul rendimento negativo.

Record assoluto di tassi negativi: mai così in oltre 5mila anni

Ritorna la guerra dei numeri Italia-Spagna. E la Spagna vince

A suo tempo fu il fantasma che terrorizzò una nazione, allora assolutamente ignorante in materia, e che si trovò come ospite (s)gradito durante pranzi e cene, anche lo spread.

Ritorna la guerra dei numeri Italia-Spagna. E la Spagna vince

Quest'inverno meglio non vendere: parola di trader

Quella di oggi è stata una mattinata tranquilla non solo a Piazza Affari ma un po’ in tutti i mercati europei: il vero protagonista sarà Mario Draghi giovedì pomeriggio.

Quest'inverno meglio non vendere: parola di trader
apk