Quantitative Easing

Quantitative Easing, l’allentamento monetario della banca centrale

Con il termine Quantitative Easing si è soliti indicare un’operazione facente parte del complesso delle politiche monetarie di cui può usufruire una banca centrale.

Diversamente conosciuto con l’acronimo QE o in termini di “facilitazione quantitativa”, “allentamento monetario” ed "alleggerimento monetario", il Quantitative Easing è una delle principali modalità tramite le quali l’istituto centrale di una nazione crea moneta e la inietta sul mercato, tramite operazioni di mercato aperto.

Operazioni di mercato aperto

Quando una banca centrale ricorre al QE, questa stessa acquista dal mercato titoli (anche tossici) e strumenti finanziari (di debito) per un importo ed una cifra predeterminati, con effetti immediatamente benèfici per gli ex aventi diritto (che si trovano ripagati del corrispettivo in denaro anticipato dell’attività detenuta) e per il sistema economico in generale, che si trova riempito di nuova liquidità (data dal pagamento della banca centrale con nuova cartamoneta).

Il controllo della base monetaria da parte dell'istituto centrale avviene per lo più tramite operazioni di acquisto diretto via asta di Titoli governativi da parte del "mercato aperto", vale a dire l'insieme di banca centrale, banche nazionali e banche estere autorizzate.

Obiettivi perseguiti tramite QE

Quando una banca centrale attua un piano di QE, tra i principali obiettivi vi sono:

  • ridare liquidità ad un mercato in condizioni di stretta del credito (sia nei confronti della clientela e delle famiglie, sia nei confronti degli altri istituti di credito);
  • permettere il salvataggio di un istituto finanziario rilevante (e preservare gli altri istituti ad esso connessi: “too interconnected to fail”);
  • togliere dal mercato titoli tossici (ad altissimo rischio e dubbia remunerazioni, tra cui prestiti cartolarizzati e derivati complessi);
  • ridurre i costi di indebitamento di uno Stato (senza però ottenere la riduzione del debito in sé).

In quanto finanziatore di soggetti detentori di titoli, l’attuazione di un piano di Quantitative Easing finisce per coincidere spesso con la concessione di liquidità non tanto al sistemo economico generale, quanto piuttosto al comparto bancario, il quale, come dimostrato all’interno della crisi finanziaria europea, in periodi di difficoltà preferisce depositare la nuova liquidità presso lo stesso istituto centrale (ottenendo tassi anche prossimi allo zero, se non addirittura negativi), piuttosto che correre il rischio di una concessione di prestito al mercato.

Dal canto opposto, l’acquisto sul mercato di titoli porta la domanda degli stessi a crescere immediatamente, provocando un innalzamento del prezzo ed un abbassamento del rendimento. L’esempio statunitense mostra inoltre come, nel corso della crisi economica del 2008, il legame tra rendimento dei titoli di Stato (Treasury bonds a lungo termine) e tassi d’interesse bancari tenda a provocare l'abbassamento anche di questi ultimi.

Quantitative easing: inflazione e bolle economiche

Il Quantitative Easing è stato definito come una politica monetaria invasiva e deviante, capace di modificare l’andamento economico di un paese attraverso immissioni di liquidità artificiali, generando dunque situazioni amplificate e spesso deleterie.

Tra queste, il tema dell’inflazione occupa un ruolo centrale: se da una parte l’abbassamento dei rendimenti de titoli determina un disincentivo all’investimento nel paese da parte di investitori esteri (che genera un abbassamento del livello di inflazione), dal canto opposto una maggiore liquidità in portafoglio può stimolare l'aumento della spesa e degli acquisti, non tenendo conto della corrispettiva diminuzione del potere d’acquisto per ogni taglio. In tal senso, maggiori acquisti generano un aumento dei consumi e, dunque, del livello di inflazione (iperinflazione).
Analogamente, sul mercato finanziario, maggiore liquidità circolante e bassi rendimenti sui titoli “sicuri” possono portare alla formazione di rigonfiamenti oltre misura di indici e comparti azionari, con il rischio crescente di formare bolle economiche.

Il QE nella pratica odierna

Tra i primi utilizzatori di un piano di QE si annovera la Bank of Japan, che a fine anni ’90 promosse l’allentamento monetario nel paese per combattere la deflazione che attraversava il Paese.
Un programma intensificatosi poi nell’aprile del 2013 (con l’Abenomics del primo ministro Shinzo Abe), quando l’istituto giapponese ha intensificato il programma di acquisto titoli sul mercato portandolo a $1,4 trilions in due anni (con target d’inflazione al 2%).

Per gli USA, il primo QE promosso dalla Federal Reserve ha avuto inizio nel marzo 2009. Ad esso ne sono seguiti altri due, l’ultimo dei quali (iniziato col settembre 2012, con 85 miliardi di nuovi dollari versati ogni mese sul mercato) ha avviato le pratiche di rientro (Tapering) ad inizio 2014.

Diversamente dal caso giapponese, statunitense ed inglese (con la Bank of England promotrice anch'essa di un QE da 375 miliardi di sterline), la banca Centrale Europea, perseguendo l’obiettivo di stabilità dei prezzi e di tassi di inflazione non superiori al 2%, non ha fatto ricorso ad operazioni di QE.
Tuttavia, a seguito della crisi dilagante del 2011, anche la BCE ha avviato un piano di rifinanziamento a lungo termine, conosciuto sotto la voce di Ltro.

Per maggiori informazioni: QUANTITATIVE EASING



Capire e sopravvivere alla crisi sui mercati

La settimana si è chiusa con un balzo del 4,7% a Piazza Affari ma ovviamente non basta solo una seduta per gridare al miracolo. Anzi, la maggior parte degli esperti propende per uno scenario di base estremamente negativo.

Capire e sopravvivere alla crisi sui mercati

Europa nel panico, Ftse Mib a -5%: recessione sempre più vicina

Non è solo Milano che sta scontando un crollo ormai in sintonia con il resto delle altre sedute, anche il resto del Vecchio Continente sta tornando nella tempesta di quella che in molti stanno inquadrando come l’arrivo di un’altra recessione.

Europa nel panico, Ftse Mib a -5%: recessione sempre più vicina

Come guadagnare con la volatilità

Ieri Piazza Affari ha chiuso a +5%, dopo una serie negativa che, tra alti e bassi sta durando da circa 40 giorni. Volatilità che resta e resterà ancora per molto tempo. Come fare allora per sfruttarla a nostro favore? I consigli di Riccardo Fracasso consulente finanziario ed autore del blog Finanza e Dintorni.

Come guadagnare con la volatilità

Goldman: i mercati stanno prendendo atto del rischio sistemico

Una nazione impantanata in una crisi economica adotta la strategia della svalutazione come unico modo per uscirne, ma quella che è un'arma potente adesso è diventata un'arma spuntata.

Goldman: i mercati stanno prendendo atto del rischio sistemico

Mercati allo sbando?

In un momento in cui la volatilità è estrema e la confusione regna sovrana, in molti hanno pensato che le banche centrali avrebbero potuto intervenire. Purtroppo a febbraio, però, non ci sono incontri.

Mercati allo sbando?

FT: le banche centrali si preparino a nuova recessione in arrivo

Dopo circa 8 anni dai primi provvedimenti varati per arginare le conseguenze drammatiche dello scoppio della crisi del 2008 la maggior parte delle banche centrali non ha la minima intenzione di cambiare strada. Anzi...

FT: le banche centrali si preparino a nuova recessione in arrivo

Borse in altalena: perchè si specula a Piazza Affari?

La tempesta che si è abbattuta sull’Italia e sul suo mercato si estende anche alle previsioni che la Commissione europea ha fatto sul belpaese e sulle sue prospettive di crescita.

Borse in altalena: perchè si specula a Piazza Affari?

Gross: rischi di recessione in Usa per i prossimi due anni

Nonostante tutto quello che la Fed ha fatto e per cui ha impiegato quasi 10 anni, non si è arrivati a una ripresa talmente solida da poter reggere i vari pericoli in vista.

Gross: rischi di recessione in Usa per i prossimi due anni

Europa ed Italia: petroliferi sotto pressione

Piazza Affari parte debole alle 9 con una quotazione che dopo pochi minuti dall’apertura arriva a -0,6% e che intorno alle 10 diventa -1,2% seguita a ruota da tutto il resto del Vecchio Continente

Europa ed Italia: petroliferi sotto pressione

Mercati: perchè adesso va magicamente tutto bene?

Chiunque vive sui mercati e di mercati ha anche imparato una grande verità e cioè che la mente deve assomigliare più ad un ombrello e cioè per funzionare ha bisogno di essere aperta.

Mercati: perchè adesso va magicamente tutto bene?

Draghi approfitta di Davos e continua a rassicurare

A quanto pare sembra averci preso gusto Mario Draghi a voler rassicurare i mercati. Che gli danno ascolto.

Draghi approfitta di Davos e continua a rassicurare

Soros avverte: non vi illudete sulla ripresa

Mario Draghi avrà anche salvato per l'ennesima volta l'Europa dalla bufera ma non ha certo risolto i problemi che l'hanno causata.

Soros avverte: non vi illudete sulla ripresa

L’Orso agguanta Tokyo e il petrolio crolla di nuovo

L'Asia ancora sotto i riflettori: da una parte la Cina che non fornisce stimoli dopo un Pil 2015 deludente, dall'altra Tokyo che nonostante tutta l'Abenomics continua a registrare alti e bassi.

L’Orso agguanta Tokyo e il petrolio crolla di nuovo

Roubini avverte: serie di default in arrivo

Le crisi sono il suo pane quotidiano e nel 2008 riuscì anche a prevedere la catastrofe. Per questo motivo quando parla Nouriel Roubini c’è da stare a sentirlo…

Roubini avverte: serie di default in arrivo

Adesso la Bce potrebbe andare “oltre”?

Le minute dell’ultima riunione della Banca Centrale Europea sono state pubblicate oggi. Da qui arriva una notizia che per i mercati potrebbe essere, finalmente, la realizzazione di ciò che essi chiedevano a Mario Draghi.

Adesso la Bce potrebbe andare “oltre”?

Presto sarà il momento di selezionare asset. Ecco quando e quali

Un anno che si apre e si chiude con le banche centrali ma anche del 2016. Ma quello che è nato in questi mesi potrebbe trovare compimento nella seconda metà del prossimo anno. La view di Carlo Alberto De Casa, analista di ActivTrades.

Presto sarà il momento di selezionare asset. Ecco quando e quali
apk