Quantitative Easing

Quantitative Easing, l’allentamento monetario della banca centrale

Con il termine Quantitative Easing si è soliti indicare un’operazione facente parte del complesso delle politiche monetarie di cui può usufruire una banca centrale.

Diversamente conosciuto con l’acronimo QE o in termini di “facilitazione quantitativa”, “allentamento monetario” ed "alleggerimento monetario", il Quantitative Easing è una delle principali modalità tramite le quali l’istituto centrale di una nazione crea moneta e la inietta sul mercato, tramite operazioni di mercato aperto.

Operazioni di mercato aperto

Quando una banca centrale ricorre al QE, questa stessa acquista dal mercato titoli (anche tossici) e strumenti finanziari (di debito) per un importo ed una cifra predeterminati, con effetti immediatamente benèfici per gli ex aventi diritto (che si trovano ripagati del corrispettivo in denaro anticipato dell’attività detenuta) e per il sistema economico in generale, che si trova riempito di nuova liquidità (data dal pagamento della banca centrale con nuova cartamoneta).

Il controllo della base monetaria da parte dell'istituto centrale avviene per lo più tramite operazioni di acquisto diretto via asta di Titoli governativi da parte del "mercato aperto", vale a dire l'insieme di banca centrale, banche nazionali e banche estere autorizzate.

Obiettivi perseguiti tramite QE

Quando una banca centrale attua un piano di QE, tra i principali obiettivi vi sono:

  • ridare liquidità ad un mercato in condizioni di stretta del credito (sia nei confronti della clientela e delle famiglie, sia nei confronti degli altri istituti di credito);
  • permettere il salvataggio di un istituto finanziario rilevante (e preservare gli altri istituti ad esso connessi: “too interconnected to fail”);
  • togliere dal mercato titoli tossici (ad altissimo rischio e dubbia remunerazioni, tra cui prestiti cartolarizzati e derivati complessi);
  • ridurre i costi di indebitamento di uno Stato (senza però ottenere la riduzione del debito in sé).

In quanto finanziatore di soggetti detentori di titoli, l’attuazione di un piano di Quantitative Easing finisce per coincidere spesso con la concessione di liquidità non tanto al sistemo economico generale, quanto piuttosto al comparto bancario, il quale, come dimostrato all’interno della crisi finanziaria europea, in periodi di difficoltà preferisce depositare la nuova liquidità presso lo stesso istituto centrale (ottenendo tassi anche prossimi allo zero, se non addirittura negativi), piuttosto che correre il rischio di una concessione di prestito al mercato.

Dal canto opposto, l’acquisto sul mercato di titoli porta la domanda degli stessi a crescere immediatamente, provocando un innalzamento del prezzo ed un abbassamento del rendimento. L’esempio statunitense mostra inoltre come, nel corso della crisi economica del 2008, il legame tra rendimento dei titoli di Stato (Treasury bonds a lungo termine) e tassi d’interesse bancari tenda a provocare l'abbassamento anche di questi ultimi.

Quantitative easing: inflazione e bolle economiche

Il Quantitative Easing è stato definito come una politica monetaria invasiva e deviante, capace di modificare l’andamento economico di un paese attraverso immissioni di liquidità artificiali, generando dunque situazioni amplificate e spesso deleterie.

Tra queste, il tema dell’inflazione occupa un ruolo centrale: se da una parte l’abbassamento dei rendimenti de titoli determina un disincentivo all’investimento nel paese da parte di investitori esteri (che genera un abbassamento del livello di inflazione), dal canto opposto una maggiore liquidità in portafoglio può stimolare l'aumento della spesa e degli acquisti, non tenendo conto della corrispettiva diminuzione del potere d’acquisto per ogni taglio. In tal senso, maggiori acquisti generano un aumento dei consumi e, dunque, del livello di inflazione (iperinflazione).
Analogamente, sul mercato finanziario, maggiore liquidità circolante e bassi rendimenti sui titoli “sicuri” possono portare alla formazione di rigonfiamenti oltre misura di indici e comparti azionari, con il rischio crescente di formare bolle economiche.

Il QE nella pratica odierna

Tra i primi utilizzatori di un piano di QE si annovera la Bank of Japan, che a fine anni ’90 promosse l’allentamento monetario nel paese per combattere la deflazione che attraversava il Paese.
Un programma intensificatosi poi nell’aprile del 2013 (con l’Abenomics del primo ministro Shinzo Abe), quando l’istituto giapponese ha intensificato il programma di acquisto titoli sul mercato portandolo a $1,4 trilions in due anni (con target d’inflazione al 2%).

Per gli USA, il primo QE promosso dalla Federal Reserve ha avuto inizio nel marzo 2009. Ad esso ne sono seguiti altri due, l’ultimo dei quali (iniziato col settembre 2012, con 85 miliardi di nuovi dollari versati ogni mese sul mercato) ha avviato le pratiche di rientro (Tapering) ad inizio 2014.

Diversamente dal caso giapponese, statunitense ed inglese (con la Bank of England promotrice anch'essa di un QE da 375 miliardi di sterline), la banca Centrale Europea, perseguendo l’obiettivo di stabilità dei prezzi e di tassi di inflazione non superiori al 2%, non ha fatto ricorso ad operazioni di QE.
Tuttavia, a seguito della crisi dilagante del 2011, anche la BCE ha avviato un piano di rifinanziamento a lungo termine, conosciuto sotto la voce di Ltro.

Per maggiori informazioni: QUANTITATIVE EASING



2015: quello che non vi aspettavate… e che è successo

Due sedute e tre giorni del calendario. Tanto ci separa dalla chiusura ufficiale di questo 2015. Il primo istinto è quello di guardare avanti per cercare di capire cosa ci attende, ma non pochi sono quelli che guardano indietro per vedere di scoprire cosa è successo. Di inatteso.

2015: quello che non vi aspettavate… e che è successo

Sui mercati è meglio fare le valigie 

Se finora si è guardato agli Usa come la leva finanziaria mondiale adesso l’Europa si prenderà la sua rivincita, la stessa che è stata facilitata dalle operazioni di QE della Bce e che permette al coro di esperti di essere d’accordo su una cosa.

Sui mercati è meglio fare le valigie 

Le bolle che non ci sono

Che il Quantitative Easing di Draghi non funzioni è ogni giorno più evidente, e l’opinione pubblica ne sta sempre più comprendendo le ragioni.

Le bolle che non ci sono

Perchè Draghi ha deluso i mercati?

L'annuncio di ieri, tanto atteso, ha visto varie modifiche del quantitative easing, eppure i mercati hanno virato in rosso. E di molto. Perchè?

Perchè Draghi ha deluso i mercati?

E' il giorno della Bce: previsioni last minute dagli analisti

Tutti sono d'accordo su una cosa: la Bce cambierà il suo QE. Quello che resta da capire è il come e il quanto. E in questo caso le previsioni divergono perchè le cose potrebbero non andare come previsto.

E' il giorno della Bce: previsioni last minute dagli analisti

Sempre più a fondo nel buco nero del QE 

Nello specifico, anche se gli Stati Uniti avviassero il ciclo di rialzo dei tassi a dicembre, la dura realtà è che la maggior parte del mondo sta vivendo una diffusa disinflazione, o una vera e propria deflazione. L'opinione di Salman Ahmed

Sempre più a fondo nel buco nero del QE 

Allarme degli analisti: l'azionario globale sta perdendo appeal

Le prospettive sul futuro non sembrano nemmeno creare gli entusiasmi che finora si erano visti in particolar modo sull'azionario. Una crescita anomala non sostenuta dagli utili ma solo dalla liquidità.

Allarme degli analisti: l'azionario globale sta perdendo appeal

Eurozona, probabile estensione del QE fino al 2017

Le ultime minute derivanti dalla riunione di politica monetaria della Banca centrale europea di ottobre segnalano che potrebbero esserci ulteriori misure di stimolo.

Eurozona, probabile estensione del QE fino al 2017

Italia tra deflazione e calo del Pil. E la Bce si prepara al QE2

Come già pronosticato precedentemente, la strada per la ripresa dell’Italia, così come di tutta l’Europa, per non dire di tutto il mondo, era stata vista irta di insidie ed ostacoli che si sarebbero potuti presentare all’improvviso. Come è successo.

Italia tra deflazione e calo del Pil. E la Bce si prepara al QE2

Draghi e Yellen: quantitative easing per tutti?

In questi anni sui mercati le bugie hanno quotidianamente viaggiato per mezzo mondo ma la verità non ha alcuna fretta perché è figlia del tempo ed inesorabilmente giorno dopo giorno, rivela il fallimento delle politiche monetarie.

Draghi e Yellen: quantitative easing per tutti?

Bancari ancora sotto la lente: nuovi allarmi in arrivo

Settimana di fuoco per i bancari europei che restano però ancora sotto l’occhio diffidente degli esperti. La rivoluzione che si sta verificando nel settore a livello continentale non sembra risolvere definitivamente i tanti problemi presenti e radicati.

Bancari ancora sotto la lente: nuovi allarmi in arrivo

2016: aumenta la cautela dei brokers sui prossimi 12 mesi

Si era partiti alimentati da un certo entusiasmo, convinti che la macchina della ripresa, dopo abbondanti rifornimenti alle pompe di benzina del QE, fosse ormai avviata verso una strada in salita, ma le incognite che sono apparse sulla strada sono ancora tante.

2016: aumenta la cautela dei brokers sui prossimi 12 mesi

Ora si punta tutto sulla BCE. Le possibili reazioni dei mercati

L'appuntamento è per giovedì prossimo, quando l'Eurotower annuncerà nuove misure di stimolo. Questa è ormai una certezza, mentre resta il dubbio sugli interventi che saranno realmente adottati: come risponderà il mercato alle diverse opzioni che la BCE sceglierà?

Ora si punta tutto sulla BCE. Le possibili reazioni dei mercati

L'outlook 2016 di Allianz e le sue strategie per investire

Continua il pessimismo sulle previsioni per il prossimo anno. Al coro si aggiunge anche Allianz Global Investors secondo cui la crescita futura sarà inferiore a quanto finora prospettato non solo nella quantità, ma anche nella qualità. Meglio perciò trovare un nuovo approccio.

L'outlook 2016 di Allianz e le sue strategie per investire

Il mondo rallenta: i pezzi del domino iniziano a cadere

La tensione è alimentata per lo più da fattori come le guerre valutarie tuttora in corso e, soprattutto il diffuso rallentamento sulla crescita economica globale ma anche dai timori sulle grandi economie mondiale tutte accomunate da problemi potenzialmente seri.

Il mondo rallenta: i pezzi del domino iniziano a cadere

Abenomics KO: il QE non è servito

Mentre tutte le attese si stanno focalizzando sulle strategie che la Bce renderà note il 3 dicembre per poter potenziare l’arma del Quantitative Easing, mentre i mercati restano incerti e titubanti di fronte alle scelte che la Fed, volente o nolente dovrà fare sul rialzo dei tassi, il pensiero di molti va al vero protagonista di questi anni e cioè l’allentamento monetario. E’ servito o no?

Abenomics KO: il QE non è servito
apk