Assicurazione furto casa: 6 protezioni contro furti e ladri!

Assicurazione furto casa: 6 protezioni contro furti e ladri! L’esigenza di protezione della nostra sfera più privata, è diventata sempre più pressante, e per limitare i danni connessi ad una possibile introduzione da parte dei ladri all’interno delle nostre abitazioni, il mercato assicurativo si è adeguato cercando di realizzare prodotti che corrispondessero a questa esigenza di protezione.Leggi l'articolo e scopri in quanti modi diversi puoi proteggere la tua casa!

Image

È palese che la casa è il luogo dove ognuno di noi si sente più al sicuro, purtuttavia possono verificarsi degli eventi che minacciano questo senso di sicurezza e che ci spingono invece sempre di più, ad adottare delle misure per renderla sicura.

Questi eventi in effetti, possono essere così gravi da arrivare in qualche modo ad inficiare quella che è l’integrità della nostra abitazione e di quello che si trova all’interno della nostra casa.

Un esempio tipico di queste situazioni è rappresentato proprio dai furti, ovvero dall’intrusione dei ladri all’interno delle nostre abitazioni che comportano tra l’altro non pochi problemi specie se a questa intrusione si accompagna la relativa sottrazione di gioielli, preziosi o oggetti di valore a cui si è particolarmente affezionati.

In questo senso l’esigenza di protezione della nostra sfera più privata, è diventata sempre più pressante, e per limitare i danni connessi ad una possibile introduzione da parte dei ladri all’interno delle nostre abitazioni, il mercato assicurativo si è adeguato cercando di realizzare prodotti che corrispondessero a questa esigenza di protezione.

In questo senso infatti, la possibilità di stipulare le cosiddette polizze per i furti in casa consente proprio di aumentare il nostro livello di sicurezza percepito.

Assicurazione furto casa: le esigenze

In effetti il bisogno di sicurezza degli italiani anche tra le quattro mura domestiche è venuto nel tempo progressivamente ad aumentare. Un rapporto del Censis di qualche anno fa, parla di quasi 9 milioni di italiani che hanno paura di restare da soli in casa la notte.

Non solo, in aggiunta a questo, si rileva che quasi il 91% degli italiani utilizza dei sistemi di sicurezza allo scopo di difendere la propria abitazione oppure adotta degli accorgimenti più casalinghi per poter in qualche modo scongiurare il pericolo di intrusione da parte dei ladri, quali ad esempio installare delle casseforti in casa, oppure lasciare delle luci accese quando si esce, oppure ricorrere a porte blindate o inferriate alle finestre.

Diverse dunque sono le misure di sicurezza che possono essere adottate la cui scelta dipende in genere dal tipo di abitazione che si vuole proteggere, ad esempio appartamento o singola abitazione, e dal comune di residenza.

Alla luce di quanto detto pertanto, l’assicurazione furto casa è diventata un valido strumento per proteggere la propria abitazione sia se si trova in città che nei piccoli centri, sia quando si lascia questa abitazione per andare in vacanza per un periodo di tempo o anche quando per motivi di lavoro, la nostra abitazione resta incustodita per diverse ore.

Infine, la polizza furto casa è un’ottima soluzione quando all’interno della nostra abitazione ci siano oggetti o gioielli di valore o anche dei titoli di credito.

Un’assicurazione di questo tipo, in tutte queste situazioni, risulta essere un valido aiuto alla nostra esigenza di protezione ed avrà un costo ovviamente non uguale per ogni contraente, ma variabile di polizza in polizza in relazione al valore dell’immobile che si vuole assicurare, al valore degli oggetti in esso contenuti e cosi via.

Questo vuol dire che a definire il premio finale di un’assicurazione di questo tipo, concorre tanto il costo della copertura base, che il costo delle coperture accessorie che di volta in volta si decide di aggiungere.

Ma andiamo ora a vedere nello specifico che cosa è questa assicurazione furto casa e come funziona.

Se volete approfondire, vi invitiamo a vedere il seguente video, tratto dal canale (667) Daniele Stroppiana - YouTube.

Assicurazione furto casa: che tipo di copertura è

Normalmente collegata all’acquisto di una abitazione si ha sempre la possibilità di stipulare una polizza assicurativa all’interno della quale sono previste una serie tutele e protezioni.

Tra queste, la protezione contro i furti rappresenta proprio una garanzia accessoria che questa polizza può presentare.

La prestazione fondamentale di questo contratto si sostanzia nel pagamento di somma di denaro a titolo di rimborso da parte dell’assicuratore all’assicurato, nell’ipotesi in cui dovesse essere vittima di un furto presso la propria abitazione.

Nello specifico questo rimborso si sostanzia nel pagamento di un indennizzo se, a seguito di questo furto, all’assicurato sono sottratti dei beni materiali, oppure se l’abitazione dovesse a causa del furto stesso subire dei danni.

Bisogna però tenere presente che questa garanzia accessoria opera solo in presenza di determinate condizioni, pertanto nel momento in cui si va a stipulare il contratto bisogna sempre fare molta attenzione a tutte le clausole in esso presenti e all’effettiva copertura che questo contratto offre.

Questo deve essere fatto allo scopo di verificare se effettivamente questo tipo di soluzione sia nello specifico quella più adatta alle nostre esigenze e alla protezione dei rischi verso i quali ci sentiamo effettivamente più esposti.

Assicurazione furto casa: quali sono i furti coperti

Innanzitutto bisogna dire che questo tipo di polizze prevedono espressamente quale sia la tipologia di furto per il quale la copertura opera. Nello specifico oggetto di copertura sono i furti:

- con scasso e rottura, introduzione clandestina, oppure compiuti con scalata con l’introduzione del rapinatore nell’abitazione per una via diversa rispetto a quella ordinaria;

- fatti utilizzando chiavi false, smarrite o che siano state sottratte all'assicurato o ai suoi familiari. In questa fattispecie però esiste un limite temporale ben specifico perché la copertura abbia efficacia, nel senso che deve risultare che il furto si verifichi al massimo nei tre giorni successivi all’avvenuta denuncia di smarrimento;

- che avvengono in presenza dell’assicurato o dei sui familiari;

- messi in atto dai collaboratori domestici;

- fatti con minacce e violenza;

- che riguardano oggetti o capi di abbigliamento di valore.

Assicurazione furti in casa: oggetto della copertura

Dopo aver visto quale tipo di furti copre, vediamo quale è effettivamente l’oggetto della copertura.

Essendo la polizza riferita direttamente all’immobile, la copertura si estende a tutto ciò che è compreso all’interno dell’immobile come ad esempio smartphone, televisori, fotocamere e videocamere, beni d’arredamento, tappeti pregiati, capi d’abbigliamento e così via.

In aggiunta, la cosa importante, è che la copertura opera anche nell’ipotesi in cui il furto sia avvenuto nei locali dell’abitazione quali cantina o box.

Cosa però fondamentale da tenere a mente, è che non rientrano in questa copertura i gioielli, il contante e i titoli di credito. Per questo motivo, e per assicurare questi beni contro il rischio di furto, è necessario stipulare una polizza specifica che prende il nome di “garanzia furto preziosi”.

In aggiunta, affinché la copertura operi, nelle clausole contrattuali è previsto che sia necessario che la casa sia sufficientemente protetta da appositi mezzi di chiusura quali porte blindate o inferriate, oppure è necessario ad esempio che la casa sia dotata di un apposito sistema integrato di antifurto.

L’importanza della presenza di queste misure di sicurezza poi è tale che in mancanza la compagnia può anche rifiutare l’indennizzo all’assicurato.

Assicurazione furto casa: cosa fare in caso di furto

Una volta che si ravvisi che ci sia stata l’intrusione del ladro in casa, il primo passo da fare è presentare immediata denuncia presso le forze dell’ordine, e immediatamente, nelle 48 ore successive a questo evento, procedere con il relativo inoltro della denuncia alla compagnia di assicurazione affinché proceda a stimare quelli che sono i danni che l’assicurato ha effettivamente riportato.

Insieme alla denuncia, alla compagnia di assicurazione devono sempre essere rese note alcune informazioni importanti quali l’indirizzo dell’abitazione che ha subito il furto, il numero della polizza di riferimento, una descrizione minuziosa dei fatti accaduti che aiuti la compagnia ad una ricostruzione quanto più fedele degli eventi in modo da stimare, nella maniera più precisa possibile, i danni subiti.

Infine, unitamente alla denuncia e alle informazioni sopra esposte, bisognerà sempre fornire un elenco di tutti gli oggetti che sono stati effettivamente rubati o che nella rapina sono stati danneggiati.

Analoghe informazioni sono necessarie quando il furto abbia avuto per oggetto beni che erano all’interno del garage dell’abitazione stessa.

Assicurazione furto casa: quanto costa

Il costo di questo tipo di polizza è collegato a differenti fattori, quali la tipologia della costruzione e la sua categoria catastale, i suoi metri quadri ed il comune dove essa è ubicata.

Ad ogni modo quando si stipula un’assicurazione sulla casa, bisogna dire che l’ammontare dell’indennizzo da parte della compagnia in favore dell’assicurato, è sempre soggetto ad un massimale che è l’importo massimo che la compagnia si impegna a rimborsare qualora si verifichi l’evento dal quale scaturisce l’obbligo della copertura, in questo caso il furto.

Normalmente il massimale coincide con il valore dell’immobile e del suo contenuto in modo che, se si verifica l’evento dannoso, l’indennizzo comunque consente il completo ristoro del danno subito.

Secondo delle stime condotte da Facile.it il costo di un’assicurazione sulla casa varia tra i 2 e gli 8 euro al mese se si considera un massimale di 5 mila euro. Laddove si andasse ad inserire la garanzia accessoria per i gioielli e i preziosi, il costo è compreso tra 1 e 3 euro al mese con un massimale di 2 mila euro.

Tuttavia bisogna fare sempre attenzione a quello che viene effettivamente liquidato in caso di risarcimento, perché normalmente, questo tipo di polizze sono primo rischio assoluto.

In questo tipo di contratto il risarcimento dell’assicuratore prende in considerazione solo la somma che effettivamente risulta essere necessaria per acquistare oppure riparare beni di pari prestazione e caratteristiche di quelli sottratti, fino al valore indicato sul contratto; questo implica che all’atto della stipula bisogna fare molta attenzione nella scelta del massimale.

Bisognerebbe infatti scegliere quell’importo che sia quanto più possibile vicino al reale valore dei beni da assicurare, in quanto una sua sovrastima oltre a non essere utile in sede di risarcimento, finirebbe solo per far lievitare il premio. Una sua sottostima al contrario, potrebbe generare un rimborso tale da non coprire effettivamente, tutti i danni subiti.

Assicurazione furti casa: attenzione a questi casi

Abbiamo visto che non in tutti i casi di furto questo tipo di copertura opera. Ad esempio con riferimento ad infissi, inferriate ed allarmi, va sempre detto che la polizza specifica sempre le caratteristiche che devono possedere e i materiali nei quali devono essere costruiti perché possa attivarsi la copertura in caso di furto.

Unitamente, il fatto che un’abitazione abbia un sistema di allarme potrebbe essere una condizione fondamentale affinché alcune compagnie accettino la stila di questo contratto anche concedendo sconti, tuttavia, se si rileva che al momento del furto questi allarmi erano disattivati l’assicurato non avrà diritto a nessun risarcimento.

Fondamentale inoltre, affinché il danno sia risarcito, è che la compagnia rilevi effettivi segnali di effrazione all’abitazione e che in alcun modo il furto debba essere stato agevolato dall’assicurato o dai suoi familiari con dolo o colpa grave.

In tale eventualità si può perdere completamente il diritto al risarcimento oppure avere diritto solo ad un risarcimento parziale.

La presenza di segni di scasso è poi fondamentale quando si sia avuto il furto di gioielli o oggetti preziosi custoditi all’interno di una cassaforte, unico caso tra l’altro, in cui il furto di preziosi è effettivamente risarcito.  

Va inoltre detto che tutte queste polizze operano solo se poi a commettere il furto sia stato un soggetto terzo completamente estraneo al nucleo familiare, pertanto il furto anche di eventuali coinquilini ugualmente non è risarcibile.

Se il furto è commesso invece da personale domestico, affinché i danni materiali possano trovare ristoro, si deve trattare esclusivamente di personale regolarmente assunto altrimenti la copertura non risulta valida.

Attenzione inoltre a chi si fa entrare in casa, perché in questo caso se i ladri entrano nelle abitazioni sotto mentite spoglie, comunque i furti commessi dagli stessi non trovano ristoro.

Attenzione poi ai furti commessi con i proprietari in casa, questi avranno applicato sul risarcimento uno scoperto del 25%. Il risarcimento sarà invece integrale, anche in presenza dei proprietari in casa, se si ravvede che l’ingresso nell’abitazione sia avvenuto forzando tutti i sistemi di protezione e chiusura.

Inoltre, si deve fare molta attenzione anche a stare lontani da casa per tempi molto lunghi, in quanto normalmente la compagnia non rimborsa furti, se l’immobile è disabitato per un lasso temporale variabile tra i 45 e i 60 giorni consecutivi.