Caro benzina: risparmia sulla polizza in 6 semplici mosse!

Tra il costo della benzina alle stelle, il pagamento del bollo e la polizza assicurativa, le spese dell'auto oggi hanno raggiunto cifre stratosferiche! Sebbene sul prezzo del gasolio non si può avere controllo, puoi cercare di limitare le spese sull'auto tagliando sul costo della polizza. Ti assicuro che è più semplice di quanto tu possa pensare: ti basterà seguire i 6 semplici consigli illustrati in questa guida.

Image

Con l'incredibile aumento del prezzo della benzina, le spese per mantenere l'auto oggi sono diventate insostenibili per la maggior parte delle famiglie. Dallo scoppio della guerra in Ucraina, abbiamo assistito in poco tempo a un balzo inarrestabile e incontrollato del prezzo del petrolio (e non solo). 

Su un costo così elevato, a poco serviranno i tagli sulla benzina da 25 centesimi previsti dal governo, se non quantomeno a scongiurare ulteriori rincari. 

Proprio di recente infatti, il Consiglio dei ministri ha approvato una misura per fornire aiuti finanziari alle famiglie in difficoltà, aggiungendo 1,2 milioni ai 4 milioni già previsti per le misure di contenimento delle spese, tra cui la riduzione di 25 centesimi sul prezzo della benzina fino al prossimo 30 aprile. 

"Tassiamo una parte degli straordinari profitti che i produttori stanno facendo grazie all'aumento dei costi delle materie prime e distribuiamo questo denaro alle imprese e famiglie che si trovano in grande difficoltà" 

Ma accanto al caro benzina, secondo un'analisi condotta da Facile.it anche i contratti assicurativi diventeranno più costosi nel 2022.

La ripresa massiva della circolazione dei mezzi post lockdown ha registrato anche un incremento del tasso di incidenti in strada, che a loro volta determineranno aumenti del costo della polizza. Si parla nel dettaglio di circa 35-40 euro in più per ciascun proprietario d'auto. 

Insomma, tra caro benzina, bollo e polizza, le spese sull'automobile hanno raggiunto cifre spaventose, che gravano pesantemente sui nostri portafogli. Come è possibile limitare queste incredibili spese?

Se da un lato per il prezzo del carburante c'è poco che possiamo fare, vediamo quali accorgimenti si possono adottare per dare un po' di sollievo al portafogli risparmiando sulla polizza. 

Caro benzina: risparmia con le assicurazioni online 

Se è vero che a parte scegliere la stazione di benzina con il prezzo leggermente meno caro non resta molto altro da fare per la questione gasolio, come possiamo agire sulle spese del nostro veicolo tagliando sulla polizza? 

Un modo potrebbe essere quello di sottoscrivere polizze online, più economiche rispetto a quelle tradizionali per l'assenza di sedi fisiche. 

Da qualche tempo infatti si parla sempre più di queste compagnie assicurative che operano online e della loro convenienza. Con l'avanzamento rapido del fenomeno della digitalizzazione, molti servizi hanno cavalcato l'onda digitale affermando la loro presenza nel mondo virtuale. 

I contratti assicurativi che vengono gestiti esclusivamente online determinerebbero un risparmio finale di circa ben il 40%, secondo quanto riporta casasuper.it. Vale insomma proprio la pena di prenderli quantomeno in considerazione! Tra la polizza online e quella tradizionale in filiale non cambia assolutamente nulla: i servizi e la copertura erogati sono i medesimi. 

A cambiare sono ovviamente le modalità, per cui le competenze informatiche saranno senz'altro necessarie se dovrai gestire il tuo contratto dalla tua Area Personale online. L'unica e fondamentale accortezza prima di stipulare un contratto online è quella di verificare bene l'affidabilità del sito per evitare di cadere vittima di una truffa. 

Come difendersi dal rischio truffe? Se hai trovato la compagnia assicurativa giusta per te e vuoi verificarne l'affidabilità, ti basterà collegarti al sito dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni IVASS e cercare il nome della compagnia all'interno dell'elenco delle assicurazioni online certificate. Se è presente, potrai procedere senza problemi! 

Caro benzina: chiedi più preventivi sulla polizza

Se l'assicurazione online non ti avesse convinto, perché probabilmente non ti sentiresti a tuo agio nel gestire il tuo contratto esclusivamente online, allora puoi seguire questo secondo suggerimento. 

Per far fronte al caro benzina, è giunta l'ora di mettere a confronto di anno in anno diverse polizze tra loro, per trovare quella più vantaggiosa.  

Per fortuna, dal 2013 non è più necessario fare una disdetta ufficiale alla tua vecchia compagnia assicurativa, né pagare una penale. Dovrai semplicemente attendere che il contratto attualmente in vigore scada per poterne firmare uno nuovo più conveniente oppure decidere di rinnovare. 

Va da sé quindi che nelle settimane precedenti la data di scadenza del tuo attuale contratto dovrai attivarti per richiedere più preventivi da diverse compagnie assicurative. Sicuramente non pochi italiani, nonostante la legge in vigore dal 2013, hanno pensato comunque di rinnovare il solito contratto per questioni di comodità.  

Ma in un frangente in cui le spese sull'auto sono in grande aumento soprattutto per il caro benzina, spendere qualche minuto del tuo prezioso tempo nel trovare soluzioni di risparmio oggi diventa indispensabile. 

Per semplificarti la vita, oggi esistono alcuni tool online che fanno il lavoro per te. Tra questi citiamo Altroconsumoconnect.it, un portale che ti permetterà di confrontare i preventivi di ben 21 compagnie diverse, dandoti anche la possibilità di acquistare quella che preferisci direttamente online. 

Risparmia sulla polizza eliminando i servizi inutili

Un altro metodo per combattere almeno un po' il caro benzina e i costi dell'automobile è quello di verificare sempre il tuo contratti RC auto controllando tutti i pacchetti acquistati. Spesso succede che il costo finale del contratto assicurativo stipulato lievita perché comprende servizi accessori che in realtà sono superflui.

Un po' come succede con le compagnie telefoniche. Si attiva un contratto con servizi extra inizialmente gratuiti ma che poi diventano a pagamento e gravano sul costo finale. 

Questa operazione va praticata sempre in generale, chiedendo sempre chiarezza sulle garanzie accessorie attive e sui relativi costi. Ma sopratutto è buona pratica verificare quando si decide di rinnovare, sempre per il discorso che alcuni pacchetti al rinnovo non sono più inclusi nel prezzo come per l'anno precedente.

Ovviamente alcuni servizi di copertura aggiuntiva potrebbero rivelarsi utili in futuro, quindi occorre fare una valutazione in base all'uso che si fa dell'auto. 

Se l'uso della tua autovettura è molto limitato probabilmente una polizza di base sarà sufficiente. Oppure se possiedi un garage, potresti risparmiare sul pacchetto che copre i danni al tuo veicolo.   

Caro benzina: risparmia sull'auto attivando la scatola nera

Ebbene sì. Alcune polizze assicurative offrono la possibilità di pagare un costo inferiore accettando di installare la scatola nera sul proprio veicolo, per tracciare le abitudini di guida e modellare i futuri costi sulla base di questo. 

La scatola nera non è altro che un localizzatore GPS che monitorerà quindi le abitudini di guida dell'automobilista in base ad alcuni criteri, quali chilometraggio, velocità, stile di guida, posizione del veicolo. 

Se ti reputi un autista modello, che guida poco e non fa incidenti, quest'opzione secondo quanto afferma bilanciofamiliarepersonale.it, ti consentirà di risparmiare fino al 30% sulla polizza e quindi sulle spese dell'auto. 

Naturalmente oltre al vantaggio economico, la scatola nera è un valido alleato in caso di furto - per poter localizzare il tuo veicolo - o in caso di incidente, poiché in grado di avviare chiamate di emergenza. 

Caro benzina: risparmia sulla polizza senza rateizzare!

L'errore che molti fanno è pensare che il pagamento a rate possa dare sollievo al proprio portafogli. Niente di più sbagliato!

Certamente, la rateizzazione renderà i tuoi pagamenti più agevolati al momento, ma se il fine ultimo è risparmiare (come penso che sia) sappi che suddividere la tua polizza in piccole rate non ti aiuterà. Almeno non nella maggior parte dei casi.

Questo metodo infatti farà crescere degli interessi che incideranno sul costo finale, il quale risulterà aumentato e non di poco rispetto alla soluzione con pagamento unico.

Mi rendo conto che il pagamento annuale in un momento di difficoltà finanziarie potrebbe costituire un'uscita difficile da sostenere, per cui prediligilo solo se ti è possibile o, se puoi, cerca di mettere un gruzzolo da parte nel tempo in vista di questa spesa.

Un'altra soluzione potrebbe essere il finanziamento a tasso zero. Questo è l'unico caso in cui il pagamento a rate non inciderà sul prezzo finale, poiché non verrà applicata alcuna tassa aggiuntiva. Questo tipo di contratto tuttavia non è universale e ogni compagnia assicurativa - oltre a prevederlo o meno - ne detta naturalmente anche le modalità di pagamento.

Riduci le spese con la Legge Bersani

Infine, questo ultimo consiglio può essere utile a chi decide di acquistare una nuova automobile (che sia nuova di zecca o usata non fa differenza).  La legge Bersani del 2007 ha introdotto alcune novità nel mondo delle assicurazioni, rendendo i contratti più accessibili. 

Tra queste, la possibilità di beneficiare di una classe di merito inferiore a quella di ingresso quando si acquista una nuova autovettura, ereditando la stessa classe di merito di un veicolo già assicurato, di cui lo stesso nucleo familiare risulti già in possesso.

La classe di merito di ingresso infatti farebbe schizzare il costo della polizza alle stelle!  

Tuttavia, naturalmente ci sono delle condizioni da rispettare per poterne usufruire. È necessario che: 

  • il proprietario della nuova auto e di quella già assicurata sia la stessa persona;
  • il proprietario della nuova auto sia un familiare convivente del proprietario dell'auto già assicurata;
  • il veicolo da assicurare non deve mai essere stato assicurato in precedenza dallo stesso proprietario;
  • i due veicoli devono essere dello stesso tipo (ad esempio: due auto o due moto);
  • il contratto assicurativo dal quale si erediterà la classe di merito deve essere attivo e non scaduto o sospeso.

Ricordiamo poi che questo decreto è valido solo per le persone fisiche ma non per le imprese. 

Siamo giunti alla fine di questa guida, dopo aver illustrato 6 semplici passaggi per risparmiare sulla tua polizza assicurativa e limitare un po' le spese finali dell'auto. Mi raccomando, ora non ti resta che metterli in pratica!