Alibaba Group

RSS

Alibaba, la piattaforma e-commerce più grande al mondo

Alibaba Group è una compagnia cinese privata con sede a Hangzhou, ad est della Cina. Annoverata come la più grossa piattaforma online business-to-business, essa è composta da una famiglia di compagnie attive nel campo del commercio elettronico: mercato online, piattaforme di pagamento e compravendita, motori di ricerca per lo shopping e servizi per il cloud computing sono solo alcune tra le attività gestite dal gruppo renminbi.

La derivazione del nome Alibaba

“Un giorno ero in un caffè di San Francisco e pensavo che Alibaba sarebbe stato un buon nome. Quando arrivò la cameriera le chiesi ‘sai qualcosa di Alibaba?’, al che quella mi disse “Sì”. Le ho chiesto allora cosa sapesse di Alibaba ed ella rispose “Alibaba e i 40 ladroni”. Questo era il nome giusto, pensai. Uscii dal caffè e posi la stessa domanda a 30 persone a caso e la risposta fu sorprendete: quasi tutti mi dissero ‘Apriti Sesamo!’”

E’ cominciata così la storia di Alibaba e del suo fondatore, Jack Ma, il quale ha tenuto a spiegare gli albori della nascita della società di business online. Alibaba, ha precisato lo stesso, è un soggetto rappresentativo, collegato a quel personaggio scaltro, sveglio e d’aiuto per la comunità, conosciuto dalle nazionalità di tutto il mondo e facile da pronunciare.

L’evoluzione di Alibaba e del business-to-business

Il gruppo Alibaba ha iniziato la propria attività nel 1999, con un sito web dal nome Alibaba.com, portale di business-to-business volto a collegare il settore manifatturiero cinese con la domanda esterna. Il portale consumer-to-consumer del gruppo è invece rappresentato da Taobao, simile per modalità di esecuzione ad eBay e annoverato tra i 20 portali più visitati al mondo.

Da solo, Alibaba, gestisce il 60% delle spedizioni di pacchi per l’acquisto online dell’intera Cina.

La società può inoltre far leva su un’altra importante realtà: quella di Alipay, il servizio di pagamento online che effettua circa la metà del totale delle transazioni via web in Cina. Di queste, la stragrande maggioranza delle transazioni è imputabile ad ordini di Alibaba.

Nel 2012 due dei portali di Alibaba sono giunti a gestire vendite per 1,1 trillions di yuan, il corrispettivo di circa 170 miliardi di dollari, superando competitors affermati del settore quali eBay ed Amazon.com assieme.

Dati odierni su Alibaba

La società opera primariamente all’interno della People’s Republic of China e nel marzo 2013 ha ricevuto l’approvazione del giornale britannico The Economist, il quale ne ha stimato la valutazione complessiva tra i 55 e i 120 miliardi di dollari.

Nel maggio 2014 Alibaba ha presentato la documentazione per la richiesta di quotazione sulla piazza di Wall Street (pur non essendo quotata sul listino di Honk Hong).
Il 19 settembre 2014 Alibaba approda sul mercato di New York (senza precedente quotazione sul listino cinese) con un'IPO ritenuta la più grande della storia (maggiore ancora di Facebook): con 21,8 miliardi di dollari raccolti sul mercato ed un prezzo per azione oltre il massimo della fprchetta (60-65) a 68 dollari, Alibaba ha chiuso la prima giornata di quotazione a +38%.

I principali dati finanziari

Il successo di Alibaba, giunta ad esser la più grande realtà dell’e-commerce al mondo, conta poco meno di 21mila dipendenti, ed ha registrato nel 2013 un giro d’affari pari a 7,95 miliardi di dollari,con utili arrivati a quota 3,56 miliardi. Inoltre, le vendite di Alibaba si sono attestate nel 2013 a 240 miliardi di dollari, ben superiori ai 100 miliardi registrati da Amazon.

Per maggiori informazioni: ALIBABA



Shanghai in recupero. Il Nikkei 225 segna rialzo dello 0,09%

Dopo una chiusura d'ottava in calo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici Usa venerdì il Nasdaq, deprezzatosi dell'1,65%), la nuova settimana è iniziata in tono positivo per l'Asia anche se nel corso della sessione i guadagni si sono in parte azzerati, in scia alla debolezza dei corsi del greggio e alle conferme del rallentamento dell'economia di Pechino dopo i dati di venerdì sull'inflazione cinese.

Shanghai in recupero. Il Nikkei 225 segna rialzo dello 0,09%







Wall Street: un titolo che potrebbe essere un asso nella manica

Dopo aver toccato i massimi a giugno, Alibaba ha visto un crollo di quasi un terzo del valore. Ma ora potrebbe essere giunto il momento della riscossa.

Wall Street: un titolo che potrebbe essere un asso nella manica

Monnalisa sigla un accordo con Mei.com, principale store online cinese del luxury

Monnalisa SpA (Aim Italia -Ticker MNL), azienda leader nel settore dell'abbigliamento di fascia alta per bambini, ha siglato un accordo con Mei.

Monnalisa sigla un accordo con Mei.com, principale store online cinese del luxury

Wall Street: investire seguendo i gestori di fondi, con 8 Titoli

Titoli tecnologici, FAANG+BAT in cima all'interesse dei fund managers. Ecco quanto è emerso dal BAML's Fund Manager Survey anche per quel che riguarda l'andamento dell'economia globale nel 2019.

Wall Street: investire seguendo i gestori di fondi, con 8 Titoli

A Wall Street le vendite si fanno strada. I titoli da seguire

Il mercato mantiene un'intonazione negativa dopo che il primo dato macro di oggi non ha riservato alcuna sorpresa. Attesa per i discorsi di alcuni membri della Fed.

A Wall Street le vendite si fanno strada. I titoli da seguire

Wall Street nella tempesta: sindrome cinese, paura tassi Fed

Dow Jones, azioni Verizon in controtendenza. Azioni società cinesi in netto calo, tutta colpa di JP Morgan. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street nella tempesta: sindrome cinese, paura tassi Fed

Farfetch va in rally di oltre il 50% nel debutto al Nyse

Farfetch venerdì è andata in rally di oltre il 50% nella giornata di debutto al New York Stock Exchange (Nyse), dopo avere prezzato l'Ipo a 20 dollari per azione, sopra alla forchetta prevista di 17-19 dollari.

Farfetch va in rally di oltre il 50% nel debutto al Nyse

Analisi del sottostante: Alibaba

La guerra sui dazi innescata dal presidente statunitense Donald Trump fa cambiare i programmi di Alibaba.

Analisi del sottostante: Alibaba

Dazi: Alibaba cancella 1 mln di posti di lavoro promessi in Usa

Arrivano le prime, macroscopiche conseguenze della politica dei dazi Usa contro la Cina.

Dazi: Alibaba cancella 1 mln di posti di lavoro promessi in Usa

La guerra dei dazi ridona smalto ad Alibaba

Dopo il sell-off di questa estate il titolo è scambiato a un tasso di sconto superiore al 30% rispetto al fair value.

La guerra dei dazi ridona smalto ad Alibaba

Wall Street, investire digitale con 15 nomi da shopping secolare

Investimenti pubblicitari nel digitale, in crescita ed attesi al 55% del totale nel 2022. Ecco allora 15 potenziali cavalli vincenti per i prossimi anni considerando che i fondamentali restano molto buoni.

Wall Street, investire digitale con 15 nomi da shopping secolare

Alibaba: cambiamenti al vertice

Novità ai vertici per Alibaba.

Alibaba: cambiamenti al vertice
apk