Alibaba Group

Alibaba, la piattaforma e-commerce più grande al mondo

Alibaba Group è una compagnia cinese privata con sede a Hangzhou, ad est della Cina. Annoverata come la più grossa piattaforma online business-to-business, essa è composta da una famiglia di compagnie attive nel campo del commercio elettronico: mercato online, piattaforme di pagamento e compravendita, motori di ricerca per lo shopping e servizi per il cloud computing sono solo alcune tra le attività gestite dal gruppo renminbi.

La derivazione del nome Alibaba

“Un giorno ero in un caffè di San Francisco e pensavo che Alibaba sarebbe stato un buon nome. Quando arrivò la cameriera le chiesi ‘sai qualcosa di Alibaba?’, al che quella mi disse “Sì”. Le ho chiesto allora cosa sapesse di Alibaba ed ella rispose “Alibaba e i 40 ladroni”. Questo era il nome giusto, pensai. Uscii dal caffè e posi la stessa domanda a 30 persone a caso e la risposta fu sorprendete: quasi tutti mi dissero ‘Apriti Sesamo!’”

E’ cominciata così la storia di Alibaba e del suo fondatore, Jack Ma, il quale ha tenuto a spiegare gli albori della nascita della società di business online. Alibaba, ha precisato lo stesso, è un soggetto rappresentativo, collegato a quel personaggio scaltro, sveglio e d’aiuto per la comunità, conosciuto dalle nazionalità di tutto il mondo e facile da pronunciare.

L’evoluzione di Alibaba e del business-to-business

Il gruppo Alibaba ha iniziato la propria attività nel 1999, con un sito web dal nome Alibaba.com, portale di business-to-business volto a collegare il settore manifatturiero cinese con la domanda esterna. Il portale consumer-to-consumer del gruppo è invece rappresentato da Taobao, simile per modalità di esecuzione ad eBay e annoverato tra i 20 portali più visitati al mondo.

Da solo, Alibaba, gestisce il 60% delle spedizioni di pacchi per l’acquisto online dell’intera Cina.

La società può inoltre far leva su un’altra importante realtà: quella di Alipay, il servizio di pagamento online che effettua circa la metà del totale delle transazioni via web in Cina. Di queste, la stragrande maggioranza delle transazioni è imputabile ad ordini di Alibaba.

Nel 2012 due dei portali di Alibaba sono giunti a gestire vendite per 1,1 trillions di yuan, il corrispettivo di circa 170 miliardi di dollari, superando competitors affermati del settore quali eBay ed Amazon.com assieme.

Dati odierni su Alibaba

La società opera primariamente all’interno della People’s Republic of China e nel marzo 2013 ha ricevuto l’approvazione del giornale britannico The Economist, il quale ne ha stimato la valutazione complessiva tra i 55 e i 120 miliardi di dollari.

Nel maggio 2014 Alibaba ha presentato la documentazione per la richiesta di quotazione sulla piazza di Wall Street (pur non essendo quotata sul listino di Honk Hong).
Il 19 settembre 2014 Alibaba approda sul mercato di New York (senza precedente quotazione sul listino cinese) con un'IPO ritenuta la più grande della storia (maggiore ancora di Facebook): con 21,8 miliardi di dollari raccolti sul mercato ed un prezzo per azione oltre il massimo della fprchetta (60-65) a 68 dollari, Alibaba ha chiuso la prima giornata di quotazione a +38%.

I principali dati finanziari

Il successo di Alibaba, giunta ad esser la più grande realtà dell’e-commerce al mondo, conta poco meno di 21mila dipendenti, ed ha registrato nel 2013 un giro d’affari pari a 7,95 miliardi di dollari,con utili arrivati a quota 3,56 miliardi. Inoltre, le vendite di Alibaba si sono attestate nel 2013 a 240 miliardi di dollari, ben superiori ai 100 miliardi registrati da Amazon.

Per maggiori informazioni: ALIBABA










IVS Group, nel semestre utile in calo a 12,26 mln, ma crescono i ricavi

Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.

IVS Group, nel semestre utile in calo a 12,26 mln, ma crescono i ricavi

Alibaba posticipa la quotazione a Hong Kong

I disordini ad Hong Kong potrebbero spingere il colosso cinese dell'e-commerce Alibaba a posticipare la quotazione sulla piazza finanziaria asiatica di Hong Kong.

Alibaba posticipa la quotazione a Hong Kong

Borse asiatiche deboli

Prevalenza di segni meno questa mattina sui mercati azionari asiatici in scia all'andamento negativo di ieri a Wall Street, dovuto prevalentemente ai timori di una nuova recessione.

Borse asiatiche deboli

Alibaba ritarda la quotazione ad Hong Kong

Secondo fonti Reuters il gigante asiatico dell'e-commerce, Alibaba, avrebbe deciso di ritardare la propria quotazione sul listino di Hong Kong, che potrebbe valere tra i 10 e i 15 miliardi di dollari, a causa delle crescenti tensioni politiche che hanno portato a manifestazioni di massa e disordini nella regione.

Alibaba ritarda la quotazione ad Hong Kong

Alibaba: boom di ricavi

Boom di ricavi per Alibaba.

Alibaba: boom di ricavi

Balzo del 42% annuo per i ricavi di Alibaba nel primo trimestre

Alibaba Group Holding ha chiuso in rally del 3,03% giovedì al Nyse, dopo che il colosso cinese del commercio elettronico ha comunicato risultati per il primo trimestre dell'esercizio 2020 segnati dalla crescita del 42% dei ricavi a 114,92 miliardi di yuan (14,70 miliardi di euro), contro i 111,73 miliardi (14,30 miliardi di euro) del consensus di Refinitiv.

Balzo del 42% annuo per i ricavi di Alibaba nel primo trimestre

Ftse Mib sempre più in bilico: in ballo i minimi di inizio anno?

Il Ftse Mib ha negato con forza il rimbalzo di ieri, mettendo a rischio ora la tenuta di un supporto critico.

Ftse Mib sempre più in bilico: in ballo i minimi di inizio anno?

Borse europee deboli

Le principali Borse europee hanno aperto la seduta in calo.

Borse europee deboli

Metro proroga scadenza per offerte sulla sussidiaria cinese

Secondo quanto riportano fonti citate da Reuters, Metro avrebbe prorogato la scadenza per presentare offerte per acquisire il suo business cinese, in modo da garantire ai potenziali compratori maggiore tempo per la due diligence.

Metro proroga scadenza per offerte sulla sussidiaria cinese
apk