Credito Emiliano

Il gruppo Credem, Credito Emiliano

Credem, ovvero Credito Emiliano S.p.A., è un gruppo bancario privato italiano, che offre una vasta gamma di servizi bancari dedicati ad imprese e privati.
Il gruppo si occupa del bankassurance e dell'asset management, attraverso i propri marchi Credemvita e Euromobiliare.

Il Gruppo Credem è composto da quattro filiere:

  • Banca e Credito, con attività di leasing, factoring, banca commerciale e agente in attività finanziaria
  • Asset Managment, tra cui Euromobiliare (private banking, gestione del risparmio e Sicav) e Credit International Lux (private corporate e leasing internazionale)
  • Attività diverse, tra le quali CredemHolding, CredemTel, Magazzini generali delle Tagliate, Credem CB, CanossaCB e Euromobiliare (fiduciaria)
  • Bankassurance, tra cui CredemVita e CredemAssicurazioni.

Le origini bancarie

Le origini dell'istituto risalgono a Reggio, nell'Emilia, nel lontano 1910, quando venne costituita la Banca Agricola Commerciale di Reggio Emilia, grazie all'iniziativa di un gruppo di imprenditori locali, per sostenere e sviluppare l'economia locale emiliana.

Le acquisizioni e lo sbarco in Borsa di Credem

La banca, radicata sul territorio regionale, nell'arco dei decenni si espande a livello nazionale, con la prima acquisizione della Banca milanese Belinzaghi (1983) ed il conseguente cambio di denominazione sociale in Credito Emiliano S.p.A.; continua poi con altre acquisizioni ed incorporazioni di rami aziendali,
tra le quali quelle con Banca di Girgenti, Istituto Bancario Siciliano, Euromobiliare Mutui, Banca Tamborino Sangiovanni, Banca della Provincia di Napoli, Banca dei Laghi.

Nel 1997 il gruppo bancario fa il suo debutto a Piazza Affari, dove è quotato tutt'oggi nel segmento MTA, con il simbolo CE.

I principali dati economico finanziari

Credito Emiliano ha la propria sede principale a Reggio nell'Emilia, in Via Emilia San Pietro, 4 ed è presente sul territorio internazionale nel Lussemburgo e in Svizzera.
A livello nazionale opera attraverso 600 dipendenze, dislocate in 19 regioni, con circa 5.600 dipendenti; annovera inoltre una rete vendita di circa 800 promotori finanziari.

Il gruppo bancario ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2013 con un utile netto pari a 115,913 milioni di euro, in calo rispetto ai 121,24 milioni del 2012 (contro i 96,63 milioni di euro del 2011, anno in cui aveva registrato un aumento del 25.5%, a seguito del quale è stata distribuito un dividendo nel mese di maggio).

Per maggiori informazioni: CREDEM



Credem sottotono: per Kbw sottoperformerà, prezzo obiettivo a 5,5 euro

Sottotono nel primo pomeriggio il titolo del Credito Emiliano.

Credem sottotono: per Kbw sottoperformerà, prezzo obiettivo a 5,5 euro

Bancari a buon mercato. I titoli da preferire a Piazza Affari

I titoli del comparto guadagnano terreno quest’oggi sostenuti anche da un report di Exane che parla di valutazioni molto interessanti. Gli esperti rivedono al ribasso le stime sull’eps e diversi target price, ma suggeriscono varie opportunità di acquisto.

Bancari a buon mercato. I titoli da preferire a Piazza Affari

Exane alza il giudizio per Credito Emiliano

Gli analisti di Exane alzanto il giudizio per Credito Emiliano da "neutral" a "outperform".

Exane alza il giudizio per Credito Emiliano

Credem: confermata la solidità patrimoniale del Gruppo

La Banca Centrale Europea ha pubblicato gli esiti dell'attività di "Comprehensive Assessment" condotta sui principali Gruppi Bancari Europei.

Credem: confermata la solidità patrimoniale del Gruppo

Banche in buona salute. I titoli preferiti dagli esperti

I titoli del comparto risalgono la china quest’oggi, incoraggiati anche dalle indicazioni positive che arrivano da Mediobanca, i cui analisti mantengono il rating “overweight” sul settore. Gli scenari attesi in vista degli esami della BCE e le strategie su numerosi titoli.

Banche in buona salute. I titoli preferiti dagli esperti

Piazza Affari: i titoli sotto osservazione

Moleskine esce dal portafoglio per raggiungimento del target.

Piazza Affari: i titoli sotto osservazione

Titoli sotto osservazione: Credem

L'operazione TLTRO potrebbe essere il booster per i titoli del settore bancario. Segnaliamo Credem.

Titoli sotto osservazione: Credem

Credem: Fitch conferma rating BBB+ con outlook negativo

Fitch Ratings, in data 10 Luglio, ha confermato tutti i rating assegnati al Credito Emiliano (Credem).

Credem: Fitch conferma rating BBB+ con outlook negativo

Credem: S&P conferma i rating

In data 17 giugno, Standard & Poor's Ratings ha confermato i rating a lungo termine "BBB-" e a breve termine "A3", precedentemente assegnati a Credito Emiliano (Credem).

Credem: S&P conferma i rating

Focus sui bancari: il portafoglio vincente dove piccolo è meglio

Siamo proprio certi che i grandi colossi bancari sono sicuri? Non per Stefano Masullo, Socio Fondatore di Assoconsulenza, Associazione Italiana Consulenti di Investimento.

Focus sui bancari: il portafoglio vincente dove piccolo è meglio

Credito Emiliano: stacco dividendo (0,12 euro per azione)

Credito Emiliano stacca una cedola da 0,12 euro.

Credito Emiliano: stacco dividendo (0,12 euro per azione)

Analisti ottimisti sui bancari. I titoli ideali per lo shopping

Quest’oggi i titoli del comparto perdono terreno malgrado le indicazioni positive arrivate da Deutsche Bank che guarda con fiducia al settore, pur attendendosi un primo trimestre debole. Le strategie sui vari protagonisti di Piazza Affari.

Analisti ottimisti sui bancari. I titoli ideali per lo shopping

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 2 aprile in Borsa

Carige, Credem, Cir, Finmeccanica e Ansaldo. Sono questi alcuni dei titoli che potrebbero reagire alla tornata di notizie e di indiscrezioni che li vede protagonisti. Ecco perché.

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 2 aprile in Borsa

Credem: escluse acquisizioni

Adolfo Bizzocchi, direttore generale di Credito Emiliano, in una intervista al Sole 24 Ore ha escluso acquisizioni.

Credem: escluse acquisizioni

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 18 marzo in Borsa

Pirelli, Fiat, Azimut, Mps e Unicredit. Ecco alcuni titoli che potrebbero reagire alla tornata di notizie e di indiscrezioni che li vede protagonisti.

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 18 marzo in Borsa

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 17 marzo in Borsa

Unicredit, Pirelli, Telecom, Saipem, Cementir e Risanamento. Ecco alcuni titoli che potrebbero reagire alla tornata di notizie e di indiscrezioni che li vede protagonisti.

Titoli nel mirino. Ecco cosa si muoverà il 17 marzo in Borsa
apk