Enel

Enel, Ente Nazionale per L'Energia Elettrica

Enel S.p.A., ovvero Ente Nazionale per L'Energia Elettrica, è la più grande società italiana di energia elettrica, annoverata tra le principali aziende del segmento energetico del mercato europeo e di quello dell'America Latina.

Il gruppo gestisce una vasta gamma di impianti: da centrali idroelettriche, geotermiche, eoliche, fotovoltaiche, termoelettriche, nucleari alle fonti rinnovabili. Dal 2011 il 42% della produzione di energia elettrica è da considerarsi "pulita", senza emissioni di anidride carbonica.

La multinazionale offre inoltre ai propri clienti una variegata scelta di servizi e soluzioni dedicate al ramo gas e quello relativo all'energia elettrica.

La storia ed gli inizi di Enel

Le origini della società risalgono al 1962, quando venne costituito l'Ente Nazionale per l’Energia Elettrica, in seguito ad un Provvedimento da parte della Camera dei Deputati. Diventato legge il 6 dicembre 1962 (Governo Fanfani), il Provvedimento si prefiggeva lo scopo di nazionalizzare le aziende del segmento della produzione, trasporto, importazione o esportazione, distribuzione e relativa commercializzazione dell'energia elettrica (quali la Edison, la Sme e la Centrale) per migliorare e ottimizzare le risorse.

L'anno successivo Enel da avvio al processo di assorbimento di dette imprese, mentre a Roma viene fondato il "Centro Nazionale di Dispacciamento", con lo scopo di gestire e coordinare i vari impianti di produzione sul suolo nazionale. Nello stesso anno, tuttavia, la società viene coinvolta assieme a Montedison nel disastro del Vajont (ottobre 1963), nel quale persero la vita circa 2.000 persone: tale fatto blocca la produzione e l'ampliamento delle due per un breve periodo.

Negli anni successivi l'industria elettrica Enel è ormai radicata sul territorio nazionale, ma le risorse idroelettriche non riescono a coprire il fabbisogno delle molteplici richieste di utenza, accresciutosi a causa della forte espansione economica, che ha cambiato lo stile di vita delle famiglie italiane, con la diffusione sempre maggiore di elettrodomestici. L'azienda decide dunque di ricorrere alla produzione termoelettrica.

La crisi petrolifera

A causa della crisi petrolifera negli anni settanta, il colosso italiano è costretto a ridurre "a orario" la distribuzione di energia elettrica del Paese e a riprendere gli studi del progetto relativo all'energia nucleare.

Il disastro nella centrale nucleare di Chernobyl (avvenuto in Ucraina nel 1986) costringe all'abbandono del Piano Energetico Nazionale e alla chiusura degli stabilimenti di carbone e delle centrali nucleari.

La legge 9/1991 ed il decreto Bersani

Nel 1999 la nuova legge 9/1991, varata dal Governo, permette ad Enel di avviare nuove Società per Azioni, sia su territorio nazionale che estero (dello stesso segmento), dando avvio così alla liberalizzazione del ramo energetico. Nel 1992 Enel cambia denominazione sociale e si trasforma in S.p.A., avente come unico azionista il Ministero del Tesoro (con il decreto legge n. 333 dell’11 luglio 1992, cambiato in legge n. 359).

Con il decreto Bersani (per la liberalizzazione del mercato elettrico) Enel si divide in rami: produzione, esportazione, importazione, acquisto e distribuzione dell'energia elettrica in società; la gestione ed il dispacciamento nazionale dell'energia elettrica vengono invece assegnate in concessione alla neo scorporata società di Enel “Gestore della Rete di Trasmissione", detenuta dal Ministero del Tesoro. Inoltre vengono costituite le società Trasmissione Elettrica Rete Nazionale (Terna), Enel Produzione e Enel Distribuzione.

Il collocamento in Borsa e la privatizzazione

Nello stesso anno Enel si quota sia presso la Borsa di Milano, sia a New York, al Stock Exchange, iniziando così il processo di privatizzazione. La società continua ad espandersi sul mercato nazionale ed estero, attraverso l'acquisizione di diverse aziende, quali la società americana CHI Energy, attiva ne ramo delle energie rinnovabili (2000), la società Slovenské Elektràrne (SE), principale azienda di energia elettrica della Slovacchia (2005), le aziende rumene Electrica Dobrogea ed Electrica Banat (2005), la società Endesa, una delle principali aziende elettriche della Spagna e del Portogallo (2007).

Nel 2010 Enel avvia in Veneto, il primo impianto ad idrogeno del mondo; nello stesso anno inaugura a Siracusa la innovativa centrale solare termodinamica "Archimede".
L'anno successivo la multinazionale porta a termine importanti accordi inerenti il mercato delle automobili elettriche, con le case automobilistiche Nissan, Daimler, Piaggio,Toyota e Renault.

I principali dati economico finanziari del gruppo Enel

Il gruppo Enel S.p.A. ha la sede principale a Roma, in Viale Regina Margherita, 137 ed è presente con filiali e uffici di rappresentanza in 40 nazioni, in America del Nord, Africa (con giacimenti in Algeria, Marocco, Egitto), Russia, penisola Iberica ed Europa, fornendo gas ed elettricità a 61 milioni di utenze; conta circa 73.804 dipendenti.
Il principale azionista del gruppo è il Ministero dell'Economia e delle Finanze, il quale detiene il 31,24% dell'azionariato.

Il colosso elettrico, timonato dal Manager Fulvio Conti, è quotato alla Borsa Valori di Milano, nel segmento MTA, con il simbolo ENEL ed ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 77,258 miliardi, in diminuzione rispetto agli 84,899 miliardi di euro del 2012, che avevano registrato a tempo loro un aumento del 6,8% rispetto all'esercizio precedente. Tale crescita è stata resa possibile soprattutto tramite i ricavi ottenuti dal trasporto e dalle vendite dell'energia elettrica.

Per maggiori informazioni: ENEL



L'Angolo del Trader

Enel, +0,23% a 6,0780 euro, sottotono ieri nonostante il forte calo dei rendimenti, circostanza che ha permesso agli altri titoli del comparto utility di guadagnare nettamente terreno.

L'Angolo del Trader

Ftse Mib: spunti di trading. Enel e Tenaris sotto la lente

Il Ftse Mib ieri ha dato vita ad una bella reazione, ma servono ulteriori sforzi rialzisti nel breve. L'analisi di Enel e Tenaris.

Ftse Mib: spunti di trading. Enel e Tenaris sotto la lente

Piazza Affari e BTP rimbalzano grazie a USA-Cina e ipotesi governo tecnico. FTSE MIB +1,36%

Piazza Affari e BTP rimbalzano grazie a USA-Cina e ipotesi governo tecnico.

Piazza Affari e BTP rimbalzano grazie a USA-Cina e ipotesi governo tecnico. FTSE MIB +1,36%

Piazza Affari: torna l'incubo Argentina? I titoli più a rischio

Il Ftse Mib al pari degli altri indici UE perde quota, appesantito anche dai timori legati alla crisi politica argentina. I titoli italiani più esposti e gli impatti calcolati dagli analisti.

Piazza Affari: torna l'incubo Argentina? I titoli più a rischio

Utility positive con calo rendimenti, Enel appesantita dall'Argentina

Utility positive grazie al calo dei rendimenti: il BTP 10a rende l'1,67% (chiusura ieri a 1,73%), il BTP 5a rende l'1,05% (da 1,11%), il BTP 2a rende lo 0,21% (da 0,29%).

Utility positive con calo rendimenti, Enel appesantita dall'Argentina

Utility: un buon affare dopo i recenti cali? I titoli buy e sell

Le utility provano a rimanere a galla, ma non tutte riescono nell'intento: quali i titoli da mettere in portafoglio? Le indicazioni degli analisti.

Utility: un buon affare dopo i recenti cali? I titoli buy e sell

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

L'Angolo del Trader

Campari, +2,94% a 8,06 euro, ieri ha reagito dopo la recente flessione, portandosi sopra la prima resistenza rappresentata dal massimo di giovedì scorso a 8,0550.

L'Angolo del Trader

Piazza Affari sotto la parità, poco mossi i BTP. FTSE MIB -0,30%

Piazza Affari sotto la parità, poco mossi i BTP.

Piazza Affari sotto la parità, poco mossi i BTP. FTSE MIB -0,30%

Telecom Italia e' in flessione e tocca un supporto rilevante

Telecom Italia e' in flessione e tocca un supporto rilevante in questa prima seduta dell'ottava su indiscrezioni raccolte da Bloomberg alla fine della scorsa settimana secondo cui Enel starebbe trattando con alcuni fondi infrastrutturali esteri (tra cui Macquarie) per cedere meta' cira della sua quota in Open Fiber e agevolare l'integrazione delle reti.

Telecom Italia e' in flessione e tocca un supporto rilevante

Telecom snobba i rumor e cala. Ubs: focus su Spread e Open Fiber

Telecom Italia arretra ancora dopo l'affondo di venerdì, non trovando alcun sostegno nelle indiscrezioni su Open Fiber. Per UBS l'unica chance di rilancio è un aumento di capitale.

Telecom snobba i rumor e cala. Ubs: focus su Spread e Open Fiber

Telecom: rumor su intervento fondi in Open Fiber

Telecom Italia -0,5% in flessione su indiscrezioni raccolte da Bloomberg alla fine della scorsa settimana secondo cui Enel sta trattando con alcuni fondi infrastrutturali esteri (tra cui Macquarie) per cedere la sua quota (50%) in Open Fiber e agevolare l'integrazione delle reti.

Telecom: rumor su intervento fondi in Open Fiber

Pubblica utilita' Eurostoxx ad un punto di svolta

Pubblica utilita' Eurostoxx ad un punto di svolta.

Pubblica utilita' Eurostoxx ad un punto di svolta

Piazza Affari: non c'è spazio per i buy. I titoli da salvare

Il Ftse Mib ha violato un importante supporto e ora rischia un'altra gamba ribassista nel breve. L'analisi e le strategie di Davide Biocchi.

Piazza Affari: non c'è spazio per i buy. I titoli da salvare

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli
apk