Eni

ENI, società operante nel ramo energetico

ENI S.p.A., ex Ente Nazionale Idrocarburi, è una delle principali società italiane, che opera nel segmento energetico. La società si occupa della produzione e relativa distribuzione di prodotti che spaziano tra energia elettrica, gas naturale, petrolio, gas metano, polietilene, ai lubrificanti industriali.

L'azienda è attiva nelle filiere:
- Exploration and Production, per la ricerca e produzione di idrocarburi;
- Gas and Power, che si occupa della vendita del gas naturale e della produzione e relativa distribuzione di energia elettrica;
- Refining and Marketing, sezione dedicata alla raffinazione e distribuzione dei prodotti petroliferi.

Il simbolo di Eni S.p.A.

L'azienda si contraddistingue da sempre per il suo marchio: il cane a sei zampe, che è stato ideato e disegnato da Luigi Broggini, il quale partecipò ad un concorso pubblicitario bandito dalla stessa Eni.

Le origini ed Enrico Mattei

La società affonda le sue origini nel 1953, quando viene istituito dallo Stato italiano (con la legge numero 136 del 1953), l'Ente Nazionale Idrocarburi, ente economico di diritto pubblico.
La nuova realtà industriale, presieduta dall'imprenditore nonché politico, Enrico Mattei (Acqualagna, 1906 - Bascapè, 1962), ha come scopo il detenere il controllo delle attività nazionali di produzione e distribuzione degli idrocarburi, anche se all'epoca esistevano già rinomate società di idrocarburi: tra queste, Agip (1926), Anic (1936) e Snam (1941).

Con la nuova legge, ENI si presenta come gruppo petrolifero ed energetico, il quale detiene il controllo delle aziende Agip, Snam ed Anic, godendo così del monopolio sulle attività della produzione di idrocarburi della Pianura Padana.

Il contributo del Presidente Enrico Mattei

Ad Enrico Mattei viene allora affidato l'incarico di Presidente; in qualità di Commissario, Maffei viene inoltre incaricato di gestire il problema della liquidazione delle attività inerenti la società Agip (nata sotto il regime fascista), che lo stesso riesce invece a riorganizzare, facendo diventare Agip una azienda fondamentale per il gruppo ENI.

Sotto la sua guida ENI si sviluppa sul territorio nazionale, attraverso l'ampliamento della rete di gasdotti e l'apertura di una serie di distributori di benzina Agip; si espande inoltre tramite acquisizioni, quali quella con la società Pignone (1954) e con la società tessile Lanerossi, la costituzione della società Saipem e l'apertura degli stabilimenti a Ravenna e a Gela.

In quegli anni Enrico Mattei conclude importanti accordi sul mercato internazionale, tra cui alcune concessioni petrolifere con produttori esteri (in Africa e Medio Oriente) mentre con l'Unione Sovietica porta a termine il contratto di fornitura di idrocarburi e la costruzione di un metanodotto; ciò comportò la rottura dell'oligopolio delle principali industrie petrolifere, quello delle cosiddette "sette sorelle".

Nel 1962 il colosso produce un fatturato di circa 357 miliardi di vecchie lire, dispone di 15 petroliere e conta una forza lavoro pari a 55.700 persone. Enrico Mattei guida il gruppo energetico fino al 1962, anno della sua scomparsa, dovuta ad un fatale incidente aereo.

Le attività dell'Eni e la Montedison

Inizialmente la presidenza del colosso energetico viene assunta da Marcello Boldrini, coadiuvato dal dirigente Eugenio Cefis (Cividale del Friuli, 1921 - Lugano, 2004), che nel 1967 ne diventa Presidente. In quegli anni la società continua a concludere accordi per la fornitura di petrolio, ma si concentra principalmente nelle attività del segmento chimico, diventando azionista di riferimento della società Montedison (1968). Nel 1971 Eugenio Cefis abbandona i vertici dell'ENI ed assume la presidenza di Montedison.

Nonostante la crisi petrolifera degli anni a seguire, ENI porta a termine importanti accordi, quale quello relativo l'importazione europea di gas naturale con la società National Iranian Gas Company, viene inaugurato il metanodotto Olanda - Italia, e nel 1980 la società esce dall'azionariato di Montedison e rileva le attività di Liquichimica e di SIR-

Nel 1992 con il decreto legge 333 del luglio 1992 (Governo Amato), il colosso energetico è composto da realtà differenti: esso include le società Snam, Samim S.p.A., Lanerossi, Anic, Agip ed altre, vanta una presenza in campo redazionale con Il Giorno e l'Agenzia Giornalistica Italiana), è attivo nel segmento farmaceutico con le società Sclavo e Recordati e possiede l'attività dei motel AGIP. Eni viene trasformato in società per azioni.

La società viene controllata dal Ministero del Tesoro, e dal Presidente Gabriele Cagliari (coinvolto poi nell'inchiesta di Tangentopoli) e dall'Amministratore delegato Franco Bernabè.

Fino al 1992 l'ente pubblico ENI rimane sotto il controllo del Ministero delle Partecipazioni Statali (che a sua volta subiva le influenze politiche prima della Democrazia Cristiana e poi quelle del Partito Socialista Italiano).

La privatizzazione ed il collocamento in Borsa di Eni

Nel 1995 il Ministero del Tesoro ha avviato il lungo processo di privatizzazione di ENI (effettuata in cinque fasi e conclusasi nel 2001, mantenendo circa il 30% del capitale sociale). Il gruppo fa allora il suo debutto alla Borsa Valori di Milano con doppia quotazione anche sul New York Stock Exchange e sul Seaq International di Londra.
In seguito al collocamento, le aziende AGIP e Snam vengono accorpate alla ENI S.p.A.

La società continua nella sua crescita, estendendosi a livello globale attraverso accordi ed acquisizioni: tra queste, l'azienda belga Distrigas S.A., attiva nella distribuzione di gas naturali in Belgio, Germania e Lussemburgo, e l'acquisizione di Sarcis S.p.A..

La realtà odierna

Oggi la società Eni S.p.A., presieduta dal dirigente Giuseppe Recchi (Napoli, 1964), con Amministratore delegato Paolo Scaroni, ha la sede principale a Roma, in Piazzale Enrico Mattei, 1 ed è presente a livello internazionale in 90 diverse Nazioni, con attività di produzione, gasdotti, oleodotti, uffici; conta una forza lavoro, composta da circa 77.838 dipendenti.

Gli azionisti di controllo (luglio 2014) sono rappresentati da: Cassa depositi e prestiti S.p.A., che detiene il 25,76% del capitale sociale (del quale il 70% è controllato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze) ed il Ministero dell'Economia e delle Finanze che possiede il 4,34% dell'azionariato.
Tra gli azionisti di rilievo, invece, si annovera la detenzione della People's Bank Of China al 2,1%.

I principali dati finanziari di Eni

La multinazionale Eni quota alla Borsa di Milano, nel segmento FTSE Mib, con il simbolo ENI; quota inoltre sul mercato telematico del New York Stock Exchange.

ENI S.p.A. ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 116.107 milioni di euro, in calo rispetto ai 127,2 miliardi di euro del 2012, che a loro volta avevano mostrato un aumento del 18,2% sul 2011.

Per maggiori informazioni: ENI



Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio

Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio: oscilla poco sopra i minimi dal 5 luglio toccati ieri sera.

Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio

Ftse Mib: è il momento di vendere? I titoli su cui intervenire

Il Ftse Mib rimane per ora sopra la soglia dei 22.000 punti e la view non cambierà fino alla tenuta di un livello chiave. L'analisi di Pietro Origlia.

Ftse Mib: è il momento di vendere? I titoli su cui intervenire

Ftse Mib: spunti di trading. Eni e Saipem sotto la lente

Il Ftse Mib perde quota dopo ripetuti tentativi al rialzo, lanciando un primo segnale di incertezza. L'analisi di ENI e Saipem.

Ftse Mib: spunti di trading. Eni e Saipem sotto la lente

Borse: Europa debole, e Wall Street non l’aiuta

A Piazza Affari il ribasso è contenuto dai guadagni delle utilities, molto male i petroliferi, il risparmio gestito ed il settore bancario.

Borse: Europa debole, e Wall Street non l’aiuta

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,56%

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi.

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,56%

Piazza Affari sotto la parità. Vendite su petroliferi e bancari. FTSE MIB -0,18%

Piazza Affari sotto la parità.

Piazza Affari sotto la parità. Vendite su petroliferi e bancari. FTSE MIB -0,18%

Eni: dall'8 al 12 luglio acquistate 1.114.315 azioni proprie

Eni ha acquistato nel periodo compreso tra l'8 e il 12 luglio 2019 n.

Eni: dall'8 al 12 luglio acquistate 1.114.315 azioni proprie

Piazza Affari: quali sorprese avremo in estate? Le blue chip hot

Il Ftse Mib dovrebbe mantenersi in un range molto stretto, con possibili escursioni più verosimilmente verso il basso che verso l'alto. L'analisi di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari: quali sorprese avremo in estate? Le blue chip hot

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi. FTSE MIB +0,08%

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi.

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi. FTSE MIB +0,08%

Petroliferi negativi in scia al greggio

Petroliferi negativi in scia alla netta flessione del greggio di ieri a fine pomeriggio (toccati i minimi dal 9 luglio).

Petroliferi negativi in scia al greggio

Ftse Mib: target ambiziosi nel mirino. I titoli su cui puntare

Il Ftse Mib è alle prese ora con i massimi dell'estate 2018, la rottura dei quali darà il via ad una nuova gamba rialzista. L'analisi e le strategie di Roberto Scudeletti.

Ftse Mib: target ambiziosi nel mirino. I titoli su cui puntare

Piazza Affari poco mossa, i BTP tornano a correre. FTSE MIB -0,02%

Piazza Affari poco mossa, i BTP tornano a correre.

Piazza Affari poco mossa, i BTP tornano a correre. FTSE MIB -0,02%

Petroliferi in flessione, greggio stabile sotto i massimi della scorsa settimana

Petroliferi in flessione.

Petroliferi in flessione, greggio stabile sotto i massimi della scorsa settimana

Rendimenti del BTP ancora in calo

Ancora forti acquisti sui titoli di Stato dell'Eurozona nel primo pomeriggio.

Rendimenti del BTP ancora in calo

ENI debole ma Equita dice Buy: la preview sui conti

Eni cala in controtendenza col Ftse Mib. Intanto arriva una nuova preview sui prossimi conti trimestrali del colosso petrolifero, attesi il 26 luglio.

ENI debole ma Equita dice Buy: la preview sui conti

Eni al vaglio del Credit Suisse

Eni finisce sotto la lente di Credit Suisse che conferma la raccomandazione 'outperform', ma taglia il target price da 20,5 a 18,5 euro.

Eni al vaglio del Credit Suisse
apk