Exor

Exor, ex IFI, Istituto Finanziario Italiano

Exor, fino al 1º marzo 2009 IFI Istituto finanziario industriale, è una società finanziaria italiana, holding della famiglia Agnelli.


Grafico interattivo MIL:EXO offerto da TradingView

Exor, ex IFI, Istituto Finanziario Italiano

Exor S.p.A. è una delle principali aziende attive a livello internazionale nel ramo degli investimenti. Exor è la holding appartenente alla famiglia Agnelli (Giovanni Agnelli e C. Sapa). L'azienda si occupa principalmente di investimenti di lungo periodo, su società del mercato europeo ed americano appartenenti a rami differenti.

La società d'investimento oggi

Exor S.p.A nella realtà odierna detiene la quota maggioritaria delle società FIAT S.p.A. (30,05% dell'azionariato), FIAT Industrial (30,01%), costituita nel 2011, la società svizzera SGS (15% del capitale) e C&W Group (69,19% dell'azionariato), che si occupa a livello internazionale dei servizi di real estate. Exor detiene inoltre il 63,77% dell'azionariato della società Juventus Football Club ed è proprietaria del 17,40% del capitale sociale della banca d'investimento internazionale, Gruppo Banca Leonardo. E' presente nel settore immobiliare londinese con la società Almacantar (36,29% della quota) e partecipa con il 4,72% del capitale sociale nel gruppo redazionale londinese The Economist Newspaper.

Dalle origini ai giorni nostri

Le radici della società affondano nel 1927, quando il Senatore Giovanni Agnelli (Villar Perosa, 1866 - Torino, 1945), socio fondatore di Fabbrica Italiana Automobili Torino (FIAT, 1899), costituisce l'Istituto Finanziario Italiano, conosciuto sotto IFI, con l'obiettivo di gestire e supervisionare le varie partecipazioni aziendali da lui detenute. Tra queste, la quota azionaria detenuta in FIAT e in altre realtà imprenditoriali, come Cinzano, SIP-Società Idroelettrica Piemontese, Vetrocoke, Sava.

Nel 1957 l'Istituto Finanziario Industriale Laniero (ex Istituto Commerciale Laniero Italiano), attivo nel settore finanziario tessile, viene acquisito dalla società IFI. Il gruppo finanziario italiano, che si è espanso anche sul mercato estero, decide nel 1968 di costituire la società IFI International, con lo scopo di unificare e gestire le varie partecipazioni detenute nelle società internazionali.

Lo sbarco in Borsa e le acquisizioni

Nel 1968 la società fa il suo debutto nel mondo borsistico, quotandosi nel settore delle azioni privilegiate. Negli anni successivi la società della famiglia Agnelli continua ad espandersi attraverso acquisizioni, tra cui la società La Rinascente, acquisendo la quota maggioritaria della Toro Assicurazioni. Nel 1983 la famiglia Agnelli, attraverso la IFIL, fonda (tra le prime sul mercato nazionale) la società di gestioni dei fondi Primigest. Negli anni 2000 le società IFI ed IFIL detengono il controllo della società turistica Alpitour, ceduta poi nel 2011.
Nel 2008 la società IFIL viene incorporata dall'azienda IFI e, a seguito della fusione, viene cambiata la denominazione sociale in EXOR S.p.A.

Exor ed i principali dati economici

La holding della famiglia Agnelli ha sede principale a Torino, in Via Nizza, 250. Exor S.p.A. e quota alla Borsa Valori di Milano, nel segmento MTA, con il simbolo EXP; dal 24 giugno del 2013 vengono negoziate solo le azioni ordinarie, in quanto si è conclusa la conversione delle azioni di risparmio e quelle privilegiate.

Il gruppo torinese, presieduto da John Elkann, ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 113,740 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 110,67 miliardi del 2012. L'utile societario per l'anno 2013 è cresciuto a 2,085 miliardi.

Per maggiori informazioni: EXOR

Nome società EXOR
Paese Italia
Mercato FTSE MIB
Settore SERVIZI FINANZIARI
Codice Alfa EXO
Codice Isin NL0012059018
Codice Reuters EXOR.MI
Sito web società Link
Telefono +310202402222
Fax +310202402738
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Gustav Mahlerplein 25 - 1082 MS Amsterdam Olanda
Società revisione Ernst & Young
Azioni in circolazione 241.000.000
Capitale Sociale 241.000.000
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0
Data di collocamento 03/03/2009
Prezzo di collocamento € 5.631
Ultimo dividendo € 0.4300
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 26/06/2019
Ultima raccomandazione 03/12/2019
Emittente KEPLER CHEUVREUX
Raccomandazione Buy
Target Price € 77.00
Andamento rating
 
Mota De Sousa Horta Osorio Antonio
Elkann John Philip
Nasi Alessandro
Elkann Ginevra
Agnelli Andrea
Bolland Marc
Bethell Melissa
Debroux Laurence
Bae Joseph
Harris Associates LP 7.36 %
Giovanni Agnelli BV 52.99 %
Exor NV 3.62 %
Southeastern Asset Management Inc. 2.96 %
31/12/2018 Variaz. % 31/12/2017
TOTALE RICAVI 143.294,00 -0,09% 143.430,00
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 14.613,00 -13,26% 16.846,00
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 7.610,00 -18,57% 9.346,00
RISULTATO ANTE IMPOSTE 6.656,00 -14,26% 7.763,00
RISULTATO NETTO 5.416,00 16,57% 4.646,00
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 23.070,00 -9,13% 25.387,00
PATRIMONIO NETTO 36.445,00 16,86% 31.186,00
CAPITALE INVESTITO 69.705,00 23,21% 56.573,00
Ultimo Aggiornamento: 18/11/2019







Exor: Kepler Cheuvreux riduce target dopo accordo acquisto partecipazione CIR in GEDI

Exor +0,6% a 68,48 euro.

Exor: Kepler Cheuvreux riduce target dopo accordo acquisto partecipazione CIR in GEDI

CIR in correzione dopo ok vendita GEDI a Exor

CIR -5,8% in netta flessione dopo il +9,92% di ieri.

CIR in correzione dopo ok vendita GEDI a Exor

Borsa italiana in recupero dopo l'affondo di ieri. BTP restano sotto pressione. FTSE MIB +1,02%

Borsa italiana in recupero dopo l'affondo di ieri.

Borsa italiana in recupero dopo l'affondo di ieri. BTP restano sotto pressione. FTSE MIB +1,02%

L'Angolo del Trader

Fari puntati su UniCredit: il cda ha approvato il piano strategico 2020-2023, Team 23, che sarà presentato oggi ad analisti e investitori al Capital Markets Day a Londra.

L'Angolo del Trader

CIR: firmato accordo per la cessione a EXOR della partecipazione in GEDI a €0,46 per azione

In esito all'odierno Consiglio di Amministrazione di CIR – Compagnie Industriali Riunite S.

CIR: firmato accordo per la cessione a EXOR della partecipazione in GEDI a €0,46 per azione

Piazza Affari accelera al ribasso. BTP sotto pressione. FTSE MIB -2,28%

Piazza Affari accelera al ribasso.

Piazza Affari accelera al ribasso. BTP sotto pressione. FTSE MIB -2,28%

Piazza Affari in forte calo, utility e industriali sotto pressione. BTP in crisi. FTSE MIB -1,29%

Piazza Affari in forte calo, utility e industriali sotto pressione.

Piazza Affari in forte calo, utility e industriali sotto pressione. BTP in crisi. FTSE MIB -1,29%

CIR: Banca Akros migliora valutazioni

CIR +7,4% a 1,13 euro.

CIR: Banca Akros migliora valutazioni

Borsa italiana positiva con dati macro cinesi. FTSE MIB +0,56%

Borsa italiana positiva con dati macro cinesi.

Borsa italiana positiva con dati macro cinesi. FTSE MIB +0,56%

CIR accelera, oggi probaile cessione quota GEDI a Exor

CIR +3,3% guadagna terreno dopo che il gruppo, su richiesta della CONSOB, informa che "sono in corso discussioni con EXOR N.

CIR accelera, oggi probaile cessione quota GEDI a Exor

Ftse Mib: rischi al ribasso in aumento. I titoli long e short

Il Ftse Mib è tornato preda dell'incertezza e la retromarcia delle ultime sedute potrebbe portare a mettere in pericolo i prossimi supporti. L'analisi di Roberto Scudeletti.

Ftse Mib: rischi al ribasso in aumento. I titoli long e short
apk