FMI

Il Fondo Monetario Internazionale (International Monetary Fund, di solito abbreviato in F.M.I. in italiano e in I.M.F. in inglese) è un'organizzazione composta dai governi di 188 Paesi e insieme al Gruppo della Banca Mondiale fa parte delle organizzazioni internazionali dette di Bretton Woods, dalla località in cui si tenne la Conferenza che ne sancì la creazione. L'FMI è stato formalmente istituito il 27 Dicembre, 1945, quando i primi 29 stati firmarono l'accordo istitutivo e l'organizzazione nacque nel maggio del 1946. Attualmente gli Stati membri sono 186.



Voci di una bozza d’accordo. Colpo di coda delle Borse europee

Borse che da questa mattina sembravano improntate a una generale debolezza in attesa di schiarite attendibili, risultato piuttosto difficile da ottenere in questo frangente.

Voci di una bozza d’accordo. Colpo di coda delle Borse europee

Il FMI taglia le stime di crescita Usa

E’ ufficiale: gli Usa non crescono come dovrebbero. A decretarlo è niente di meno che il Fondo Monetario Internazionale e per lui Christine Lagarde che, partendo da questa constatazione, consiglia alla Federal Reserve di rinviare il rialzo dei tassi al 2016.

Il FMI taglia le stime di crescita Usa

Draghi rassicura: il QE continuerà fino alla fine

Il Quantitative easing sta facendo il suo dovere. O per meglio dire: lo continuerà a fare. Sì, perchè finora si è limitato a dare una mano al lato finanziario della questione, ora invece dovrà occuparsi di quello economico favorendo consumi e investimenti.

Draghi rassicura: il QE continuerà fino alla fine

La Grecia ha solo 2 miliardi. Ha più soldi Berlusconi

Lontana ormai la soglia dei 24 mila punti, Milano adesso sta combattendo contro la soglia dei 23mila. Dall’altra parte, la Grecia che invece conta i soldi, non oltre due miliardi. Pochi, pochissimi, troppo pochi per riuscire a mandare avanti uno stato e, contemporaneamente permettersi il lusso anche di pagare i troppi debitori

La Grecia ha solo 2 miliardi. Ha più soldi Berlusconi

Grexit: triennali di Atene al 28%

Grecia sempre più al centro della tragedia europea, eppure ogni volta che sembra sull’orlo della catastrofe, invece non accade mai nulla. Anche questa volta sarà così?

Grexit: triennali di Atene al 28%

FMI: siamo entrati nella Grande Stagnazione. E ci resteremo

Ormai il Fondo Monetario Internazionale ha decretato che gli squilibri ci sono e sono pericolosi. Troppo. L'allarme è stato lanciato da tempo ma forse non tutti si sono resi conto di una cosa: la nuova normalità si sta trasformando in nuova mediocrità ovvero una crescita bassa e per giunta nemmeno sostenibile.

FMI: siamo entrati nella Grande Stagnazione. E ci resteremo

Borse che corrono, ma i poteri forti frenano...

Se la crisi finanziaria è stata una brutta malattia, quelle che adesso stiamo guardando sui mercati e ancora di più sulla strada della anemica ripresa mondiale sono gli effetti devastanti delle sue cicatrici.

Borse che corrono, ma i poteri forti frenano...

Piazza Affari: niente nubi all'orizzonte. Tranne che per...

Piazza Affari è il nuovo must del 2015 e la dimostrazione arriva con il suo +25% in tre mesi, il che rende Milano la migliore tra le piazze di scambio al mondo, ma che conferma anche come, al di là delle potenzialità dei fondamentali, alla base ci siano anche dei pericoli non controllabili.

Piazza Affari: niente nubi all'orizzonte. Tranne che per...

Ottimismo (troppo?) su Eurozona: deflazione vinta già nel 2015

Non sperate che ci sia una ripresa, non crediate che in futuro si possa tornare a crescere con un rally che, a volte, toccava anche le due cifre. Meglio sostituire i sogni di gloria con altri meno ottimisti ma senza dubbio più realisti. E forse anche rassicuranti

Ottimismo (troppo?) su Eurozona: deflazione vinta già nel 2015

Grecia: prossimo ostacolo il FMI dopodomani. Sperando di farcela

Grecia. Tra le tante sfide adesso si guardia al 9 aprile, dopodomani e cioè quando Atene dovrà riuscire a trovare i soldi (tutti) per pagare uno dei suoi debiti (tanti) con l’Europa e con il mondo, anche se quello più grande lo avrebbe con se stessa e la sua popolazione.

Grecia: prossimo ostacolo il FMI dopodomani. Sperando di farcela

Piazza Affari nel 2015 batterà il Dax

Da un punto di vista strettamente finanziario, l'Italia è ormai avviata per essere la migliore tra le piazze mondiali, cosa che sembra stia già avvenendo dall'inizio dell'anno, nonostante le zavorre esterne. A dimostrarlo è anche l'interesse della Cina, come conferma Vincenzo Longo, Market Strategist di IG

Piazza Affari nel 2015 batterà il Dax

Il punto sui mercati: FOMC delibera sui tassi. Grecia a rischio

I principali dati finanziari e gli avvenimenti più importanti sui mercati finanziari nella settimana dal 16 al 20 marzo.

Il punto sui mercati: FOMC delibera sui tassi. Grecia a rischio

Svalutazioni e debiti da 9 mila mld. Gli Emergenti a rischio Fed

Se da una parte la dichiarazione dovish della Fed ha restituito un po’ di fiato alle ansiose sorti degli Emergenti, dall’altro lato è sembrata a molti come una sorta di primo tocco della campana di un requiem che da qui a 12 mesi gli costerà qualcosa come 9mila miliardi di dollari.

Svalutazioni e debiti da 9 mila mld. Gli Emergenti a rischio Fed

Grecia, tra pianti e sorrisi. Merkel recidiva, FMI ironico

La Grecia, per la Grecia, è in perfetta “crisi umanitaria”. La Grecia, per il resto del mondo, è in perfetta crisi e basta. E la cosa che stupisce è il fatto che nessuno, per ora, le abbia ancora del tutto voltato la schiena…

Grecia, tra pianti e sorrisi. Merkel recidiva, FMI ironico

Grecia: altri guai in vista, non basta quello fatto finora

Nemmeno loro, forse, sanno di preciso quante volte sono stati salvati e con ogni probabilità nessuno saprà mai le cifre reali di un disastro sociale senza precedenti. Unica certezza per tutti, quella secondo cui Atene si è ormai trasformata in una scomoda mantenuta a vita.

Grecia: altri guai in vista, non basta quello fatto finora

Il padre dell'Ue invoca la Grexit

Un dogma, quello dell'euro irreversibile, che adesso è rotto proprio da chi ha contribuito a crearlo: Valery Giscard d’Estaing, tifa per una Grexit. Controllata, soft ma che è pur sempre un salto nel buio. Intanto la Grecia, da possibile tragedia, si è trasformata in vera farsa.

Il padre dell'Ue invoca la Grexit
apk