Ford

Ford Motor Company, casa automobilistica americana

Ford Motor Company, ovvero Ford, è un'industria storica americana, leader a livello globale nel settore automovie, del quale è il secondo costruttore americano. Il gruppo si occupa principalmente della produzione e relativa commercializzazione di autoveicoli appartenenti ai marchi Ford e Lincoln.

Le origini

Le origini della società risalgono al 1903, quando un intraprendente Henry Ford, assieme ad un gruppo di collaboratori, costituì a Detroit l'azienda Ford Motor Company, sita in una vecchia fabbrica che produceva vagoni ferroviari, che venne trasformata in casa automobilistica.

La storia di Henry Ford

Henry Ford (Michigan, 1863-Detroit, 1947), figlio di agricoltori di origini irlandesi, ebbe un'infanzia non facile, che lo portò fin dall'età di 16 anni ad intraprendere la carriera lavorativa in un'azienda meccanica. Negli anni successivi si occupa della riparazione di motori a vapore. Lavora anche in una segheria e nel 1891 entra all'Edison Illuminating Company, in qualità di tecnico. Ivi, dopo qualche anno, venne nominato capo ingegnere.

Appassionato di meccanica, nel 1896 inventa e costruisce un prototipo di quadriciclo leggero formato da un semplice telaio, ruote da bicicletta e motore a due marce, che in seguito si trasforma in autoveicolo, grazie anche all'apporto finanziario dei soci che credono dal principio alla sua idea.

Lo sviluppo della Ford

Nel 1903 viene costituita la Ford Motor Company, con un capitale pari a 28.000 dollari, allo scopo di produrre autoveicoli accessibili a tutti, grazie al costo contenuto.

Il primo autoveicolo denominato "modello A", fu un 2 cilindri, che raggiungeva i 35 km orari (i modelli delle autovetture erano denominati dalle lettere alfabetiche).

Nel 1908 la casa automobilistica presenta il nuovo modello Ford T: estremamente semplice, economico e con buone prestazioni, esso riscosse da subito un enorme successo.

Negli anni successivi, la società riesce ad abbassare il prezzo finale della Ford T, abbattendo i costi di produzione grazie all'utilizzo della tecnica organizzativa, introdotta proprio da Henry Ford: la catena di montaggio. Questa consentì una produzione totale di oltre 15 milioni di autovetture, trasformando l'azienda in un'industria automobilistica a livello internazionale.
Il modello messo in atto da Ford divenne fin dal principio la nuova dottrina del settore industriale, applicato dalle grandi case produttrici e studiato dai principali economisti mondiali.

Il periodo bellico

Durante il periodo bellico, la casa automobilistica si trasforma in un'industria bellica, producendo apparecchiature, veicoli militari, motori aerei e carri armati, diventando uno dei punti di riferimento per l'intero comparto dell'industria militare.

Nel 1929 la Ford apre uno stabilimento in Germania, a Colonia, e, dallo scoppio della Seconda Guerra mondiale, la società si trova a produrre mezzi bellici per il fronte tedesco. Solo nel 1941 l'attività della società rallenta e cessa, in concomitanza con l'ingresso in guerra della potenza americana.

La crescita sotto la guida di Henry Ford II

Nel 1947 viene a mancare l'industriale Henry Ford e la presidenza della casa automobilistica passa al giovane nipote Henry Ford II (Detroit, 1917-Detroit, 1987).

Sotto la guida del nipote, la società torna a rifiorire e a risollevarsi dal periodo buio della guerra. L'azienda converte dunque la produzione e torna ad occuparsi della fabbricazione di automobili ad uso civile, presentando sul mercato nuovi modelli; tra questi, la Thunderbird, la Mustang e la Fiesta. La società mira inoltre ad espandere la propria attività oltre oceano, principalmente in Germania ed in Inghilterra.

Le acquisizioni di Ford

Nel 1987 (anno che coincide con la morte di Henry Ford II), la casa automobilistica, ormai radicata a livello internazionale, inizia ad allargare il proprio business attraverso le acquisizione di altre industrie del settore automovie. Nel 1987 porta a termine l'acquisizione della lussuosa casa automobilistica Aston Martin, cui seguiranno quella della Jaguar nel 1989, della Land Rover nel 2000 e della Volvo.

La crisi del 2007

In seguito alla crisi economica mondiale del 2007, che ha colpito in modo severo anche il settore automovie, il gruppo Ford accusa gravi perdite, pur rimanendo l'unica realtà del settore automovie a non avvalersi dei prestiti del Governo americano. L'azienda, per sopperire ai problemi economici e finanziari, è allora costretta a ridurre il personale e a cedere tutte le aziende automobilistiche acquisite nel corso degli anni: la casa automobilistica Aston Martin viene dunque acquisita dalla società del Regno Unito, Prodrive, mentre Jaguar e Land Rover passano alla Tata; Volvo, infine, viene acquisita dalla società cinese Geely.
Al termine della politica di risanamento il gruppo automobilistico resta formato dai marchi Ford e Lincoln e nell'arco del 2009 riesce a riportare l'utile in azienda.

I principali dati economico finanziari della Ford

Ford Motor Company ha la propria sede negli Stati Uniti, a Dearborn, nel Michigan, ed è presente a livello globale in varie nazioni, con stabilimenti ed uffici; conta una forza lavoro composta da circa 164.000 dipendenti.
Il gruppo è guidato dall'Amministratore delegato Alan R. Mullaly, mentre al pronipote di Henri Ford, William Clay Ford (Detroit, 1957), è affidata la presidenza.

La casa automobilistica è quotata alla Borsa di New York, sul mercato NYSE, con il simbolo F ed ha chiuso l'esercizio relativo al 2013 con un fatturato pari a 146,917 miliardi di dollari in crescita rispetto ai 133,559 miliardi del 2012, a loro volta in flessione rispetto all'esercizio precedente conclusosi con ricavi per 135,6 miliardi.

Per maggiori informazioni: FORD



Ford: tra 5 anni vetture senza pilota. Ma intanto Google...

Tra qualche anno non sarà più necessario imparare a guidare un'automobile ma sarà necessario imparare a programmarla. Sì, perché a quanto pare l'auto senza guidatore è dietro l'angolo ad aspettarci. E col motore acceso.

Ford: tra 5 anni vetture senza pilota. Ma intanto Google...

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

Analisti concentrati sul settore automobilistico: due grandi nomi sotto la lente.

Buy&Sell: promossi e bocciati dagli analisti

Wall Street, riposizionamento di portafoglio forte e chiaro

Dow Jones, lettera su Boeing e Caterpillar, giornata nera per Ford, mentre Facebook è sui guadagni dopo la trimestrale. I temi caldi della seduta a Wall Street. Il Nasdaq, intanto, avanza quatto quatto verso i massimi all time.

Wall Street, riposizionamento di portafoglio forte e chiaro

Wall Street non trova aiuto nei sussidi e resta debole

L'unico dato macro di oggi ha deluso le attese e così l'attenzione si sposta sulle ultime trimestrali societarie. In serata i conti di Amazon.

Wall Street non trova aiuto nei sussidi e resta debole

A Wall Street la cautela regna sovrana. Buoni i dati sul lavoro

Le buone indicazioni arrivate dal mercato del lavoro non accendono l'entusiasmo degli investitori. Diversi i titoli da seguire oggi.

A Wall Street la cautela regna sovrana. Buoni i dati sul lavoro

3 idee per sfruttare i macrotrend del decennio

Nessuno ha la lampada magica ma guardando ad alcuni titoli, oggi, è possibile intuire quali saranno i miglioriinvestimenti per domani. E anche per dopodomani.

3 idee per sfruttare i macrotrend del decennio

Wall Street debole in attesa di dati macro e Beige Book

Gli investitori optano per la cautela in una giornata che sarà scandita da vari aggiornamenti macro e culminerà con la diffusione del report della Fed. Diversi titoli da seguire.

Wall Street debole in attesa di dati macro e Beige Book

La top 10 dei dividendi da comprare subito

Buoni fondamentali, rendimenti sostenibili e grandi nomi presenti sui mercati internazionali. I 10 nomi degni di nota.

La top 10 dei dividendi da comprare subito

3 dividendi oltre il 3,2%

Coca Cola è da sempre considerato uno dei più grandi dividendi tra le compagnie statunitensi: 54 anni di rialzi consecutivi della cedola, un marchio conosciuto nel mondo e un mercato internazionale. Ma c'è chi può fare di meglio.

3 dividendi oltre il 3,2%

Lo scossone del Nikkei pesa anche su Wall Street

Il mercato ha praticamente ignorato i due dati macro di oggi, mantenendo un'intonazione negativa. Sotto i riflettori Facebook e Ford, in serata i conti di altri big del settore high-tech.

Lo scossone del Nikkei pesa anche su Wall Street

Fca: più lontano lo scenario M&A. Gli analisti restano bullish

Il titolo si è spinto in avanti nel giorno in cui ha preso il via la produzione della Jeep Renegade in Cina. Si guarda alle ultime dichiarazioni di Marchionne: la view degli analisti e le strategie da seguire.

Fca: più lontano lo scenario M&A. Gli analisti restano bullish

La paura degli attacchi a Bruxelles frena anche Wall Street

Il mercato mostra un'intonazione negativa in attesa dei pochi dati macro di oggi. Dollaro in frenata contro lo yen, avanzano oro e petrolio.

La paura degli attacchi a Bruxelles frena anche Wall Street

10 azioni "Cenerentola" sottovalutate dal mercato

Ci sono vari motivi per cui un titolo è in calo, sottovalutato oppure evita sistematicamente di seguire la corrente di un rally. Attualmente secondo un analista sarebbero 10 quelli più interessanti.

10 azioni "Cenerentola" sottovalutate dal mercato

6 Blue Chip con dividendi oltre il 4%

I rendimenti sui titoli da dividendo sono significativamente aumentati rispetto all'anno scorso, ma sono ancora irrisori rispetto al passato, anche perché sono solo 20 aziende nell'indice S&P 500 che possono vantare un rendimento superiore al 4%. Eccone 6. E a prezzi di saldo.

6 Blue Chip con dividendi oltre il 4%

Wall Street punta al rialzo prima del week-end

Il mercato trova sostegno nei primi dati macro diffusi oggi in attesa di conoscere altri aggiornamenti più tardi. Diversi i titoli da seguire.

Wall Street punta al rialzo prima del week-end

A Wall Street tornano in campo gli acquirenti

Dopo le indicazioni dal fronte macro i futures sugli indici si spingono in avanti, sostenuti anche dalle buone notitie legate ad alcune trimestrali. In serata i conti di Amazon.com e di Microsoft.

A Wall Street tornano in campo gli acquirenti
apk