Intel

RSS

Intel Corporation, industria americana di semiconduttori

Intel attualmente produce microprocessori, componenti di rete, chipset per motherboard (scheda madre), chip per schede video e molti altri circuiti.


Grafico interattivo NYSE:INTC offerto da TradingView

Intel Corporation, industria americana di semiconduttori

Intel Corporation è una multinazionale americana, attiva nel segmento dei semiconduttori ed è annoverata come il maggior produttore a livello mondiale di chip. L'azienda si occupa della produzione di dispositivi di memoria, microprocessori e di tutta una serie di circuiti specifici per il segmento networking, communication e personal computing.

Le origini ed i suoi pionieri

Le origini della società ci riportano nella California del 1968, quando venne costituita la NM Electronics, con lo scopo di produrre semiconduttori. I suoi pionieri furono il fisico Robert Norton Noyce (Burlington, 1927 – Austin, 1990) e l'informatico Gordon Moore (San Francisco, 1929), insieme agli investitori Arthur Roccia e Max Palevsky. Robert Norton Noyce fu uno degli inventori del circuito integrato, mentre il suo socio Robert Norton Noyce è l'autore della legge di Moore, riguardante l'evoluzione temporale della potenza del computer.

Gli inizi

L'anno successivo, l'azienda cambia nome trasformandosi in Integrated Electronics Corporation, che successivamente viene abbreviata in Intel Corporation. Inizialmente l'azienda si occupa principalmente della produzione di componenti per memorie (DRAM, SRAM e ROM), riscontrando grandi successi. In seguito amplia il proprio core business, concentrandosi nella produzione di microprocessori. Nel 1971 venne prodotto e commercializzato il primo microprocessore monolitico 4004 Intel, che segnò un grande successo e nell'arco di breve tempo la compagnia divenne leader del settore.

Lo sbarco in Borsa

Nel 1971 la società decise di collocarsi sul mercato telematico di New York, il titolo azionario venne collocato al prezzo di 23,50 dollari per azione.

Lo sviluppo e le acquisizioni

Nel 1982 la Intel diventa fornitore di IBM del microprocessore 8086 che verrà applicato ai PC IBM. In seguito verranno prodotti i nuovi processori Pentium (dedicati al settore server), il sistema Ethernet relativo alla comunicazione dei computer ed altro.

Nell'arco degli anni la società ha continuato ad espandersi ed ampliare il proprio core business con l'apertura di nuove filiali a livello internazionale ed attraverso il processo di acquisizioni, come la società americana, attiva nel settore della sicurezza informatica, McAfee (2010), la divisione wireless della società tedesca Infineon Technologies, la società specializzata nelle tecnologie firewall Stonesoft, l'azienda americana Sensory Networks (2013) ed altre.

I principali dati economico finanziari

Intel Corporation ha la propria sede principale in California (Silicon Valley) a Santa Clara. L'azienda è presente a livello internazionale con strutture ed uffici che spaziano dalla Costa Rica, Irlanda, Russia, Israele, Cina, India, Vietnam, Irlanda all'Italia, dove è attiva dal 1978. La forza lavoro è composta da circa 104.700 dipendenti, dislocati nelle varie località.

Intel Corporation è quotata alla Borsa valori di New York ed i titoli azionari vengono scambiati sul mercato del Nasdaq, con il simbolo INTC.

Il colosso statunitense dell'informatica che è guidato dal manager Brian M. Krzanich ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2012, con ricavi per 53,3 miliardi di dollari, registrando una flessione del 1,2%, rispetto all'anno precedente conclusosi con un fatturato di 54 miliardi di dollari.

Il manager Brian M. Krzanich, classe 1960 fa parte del team Intel dal 1982. Nel maggio del 2013, è stato eletto amministratore delegato, sostituendo così l'uscente CEO, il manager Paul Otellini (dimissioni annunciate nel novembre del 2012).

Per maggiori informazioni: INTEL

Nome società INTEL
Paese USA
Mercato DOW JONES
Settore TECNOLOGIA
Codice Alfa INTC
Codice Isin US4581401001
Codice Reuters INTC.O
Sito web società Link
Telefono 408-765-8080
Fax
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società 2200 Mission College Boulevard Santa Clara, CA 95054 United States
Società revisione
Azioni in circolazione 2.147.483.647
Capitale Sociale n.d.
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale
Data di collocamento 05/12/1971
Prezzo di collocamento € 23.50
Ultimo dividendo n.d.
Tipo dividendo n.d.
Data pagamento n.d.
Ultima raccomandazione 11/07/2016
Emittente BERNSTEIN
Raccomandazione Market perform
Target Price € 0.00
Andamento rating
 
Ultimo Aggiornamento: 05/12/2014

STM scende ancora per diversi motivi, ma gli analisti dicono buy

Un mix di cattive notizie dal settore dei semiconduttori ha riportato il titolo sui livelli di aprile, da cui è partito un recupero per ora. I motivi alla base delle vendite e la view di Equita SIM.

STM scende ancora per diversi motivi, ma gli analisti dicono buy







Piazza Affari poco mossa: vendite su STM, bene FCA e Saipem. FTSE MIB -0,06%

Piazza Affari poco mossa: vendite su STM, bene FCA e Saipem.

Piazza Affari poco mossa: vendite su STM, bene FCA e Saipem. FTSE MIB -0,06%

Piazza Affari sotto la parità: deboli i bancari, bene i petroliferi. FTSE MIB -0,23%

Piazza Affari sotto la parità: deboli i bancari, bene i petroliferi.

Piazza Affari sotto la parità: deboli i bancari, bene i petroliferi. FTSE MIB -0,23%

Borsa italiana debole, brilla Mediaset. FTSE MIB -0,26%

Borsa italiana debole, brilla Mediaset.

Borsa italiana debole, brilla Mediaset. FTSE MIB -0,26%

STM debole in scia a Intel (-8,59%)

STMicroelectronics (-1,4%) debole in scia alla massiccia flessione di Intel venerdì al NASDAQ.

STM debole in scia a Intel (-8,59%)

Asia in negativo. A Tokyo Nikkei 225 in declino dello 0,74%

Dopo una chiusura d'ottava in negativo per Wall Street (peggiore dei tre maggiori indici Usa venerdì è stato il Nasdaq, in declino dell'1,46% su nuovi massimi), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza rimane ribassista, con tutti i riflettori puntati sul meeting della Bank of Japan (BoJ), che nella notte è attesa a una decisione sulle sue politiche monetarie.

Asia in negativo. A Tokyo Nikkei 225 in declino dello 0,74%

5 big da comprare al posto di FB

Dopo il crollo di FB a Wall Street inizia a serpeggiare la diffidenza verso l'hitech. Ma è proprio in momenti come questi che bisogna pensare alle immortali parole di Warren Buffett, "Sii cauto quando il mercato è avido e avido quando il mercato è cauto".

5 big da comprare al posto di FB

Wall Street nel marasma tecnologico, Twitter vittima sacrificale

Dow Jones, azioni Intel in forte calo. Nyse, Twitter in caduta libera su calo utenti attivi mensili. Nasdaq, Amazon.com riporta utili record. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street nel marasma tecnologico, Twitter vittima sacrificale

Wall Street su, ma non si scompone dopo il PIL. Crolla Twitter

Il mercato mantiene un'intonazione moderatamente rialzista in attesa della fiducia Michigan e intanto si guarda alle numerose trimestrali delle ultime ore.

Wall Street su, ma non si scompone dopo il PIL. Crolla Twitter

Top news

-

Top news

Piazza Affari su un livello spartiacque: seduta cruciale domani

Il Ftse Mib si è riportato sui minimi di lunedì scorso, da cui potrebbe partire una reazione o un nuovo affondo. Tanti i market movers della prossima sessione.

Piazza Affari su un livello spartiacque: seduta cruciale domani

Wall Street, 3 Titoli Internet of Things da comprare adesso

Con i chip che sono sempre più piccoli, e sempre più potenti, è tempo che a Wall Street si guardi all'IoT ed ai suoi sviluppi, prima che sia troppo tardi per entrare sul mercato.

Wall Street, 3 Titoli Internet of Things da comprare adesso
apk