Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo S.p.A., istituto bancario nazionale

Intesa Sanpaolo è il principale istituto di credito italiano, costituito nel 2007 grazie alla fusione dei principali gruppi bancari Sanpaolo IMI e Banca Intesa. Il gruppo bancario offre una serie di servizi bancari, attraverso la copertura capillare di circa 4.800 filiali presenti sul territorio nazionale. E' collocato tra i principali istituti bancari dell'eurozona, con una capitalizzazione di mercato che raggiunge i 29,2 miliardi di euro.

Intesa Sanpaolo è attivo nel settore relativo alle attività finanziarie (depositi, risparmio gestito, factoring, fondi pensione) e si rivolge al privato, alle piccole e grandi imprese.

Le attività del gruppo

Le attività del gruppo bancario sono composte dalle seguenti divisioni: Corporate e Investment Banking (capital markets, merchant banking, finanza strutturata), Banca dei Territori (unità bancaria domestica di private banking, leasing, bancassicurazione), Eurizon Capital (asset managment), Banche Estere (Intesa Sanpaolo Bank Albania, Banca Intesa Beograd - Serbia, Banca Koper - Slovenia, CIB Bank - Ungheria, Bank of Alexandria - Egitto ed altre) e la rete di promotori finanziari e private banker che opera attraverso la divisione Banca Fideuram.

La struttura organizzativa

Il gruppo bancario Intesa Sanpaolo si avvale del modello dualistico di amministrazione e controllo, il quale prevede gestioni separate. Il consiglio di Sorveglianza, ove i membri sono nominati dall’assemblea degli azionisti, svolgono la funzione di controllo e di indirizzo strategico, mentre il Consiglio di Gestione, nominato a sua volta dal consiglio di sorveglianza, si occupa della gestione relativa all'impresa sociale.

Le radici del gruppo Intesa Sanpaolo

Le origini del gruppo bancario Intesa Sanpaolo, nascono dalla fusione dei gruppi bancari: Banca Intesa e Sanpaolo IMI.

Banca Intesa

Banca Intesa è stata costituita nel 1998 a seguito dell'accordo di fusione tra le banche Fondazione Cariplo (Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde), le cui origini storiche risalgono al 1823 ed il Banco Ambrosiano Veneto (costituito nel 1990 a seguito dell'incorporazione per fusione della Banca cattolica del Veneto). In seguito la Banca Intesa, concluse una serie di acquisizioni come la Banca Popolare FriulAdria, la Cassa di risparmio di Parma e Piacenza e la Banca CIS. Nel 2001 a seguito della fusione con la Banca Commerciale Italiana (banca nata nel lontano 1894, che dal 1934 è passata sotto il controllo dell'IRI fino al 1994), il gruppo trasformò la denominazione sociale inizialmente in IntesaBci e dal 2003 in Banca Intesa.

Sanpaolo IMI

Sanpaolo IMI è stato costituito a Torino nel 1998 a seguito della fusione dell'Istituto Mobiliare Italiano del Ministero del Tesoro, ovvero banca d'affari e d'investimento pubblica IMI, attiva nel settore finanziario internazionale (nel 1991 venne privatizzata quotandosi alla Borsa di Milano e su quella americana del New York Stock Exchange) con l'Istituto bancario San Paolo di Torino (le cui origini risalgono al 1563 con il Monte di Pietà di Torino).
Negli anni successivi il gruppo Sanpaolo IMI inizia una serie di acquisizioni come il Banco di Napoli, la Cassa di Risparmio di Forlì e della Romagna, la Banca Nazionale del Lavoro.

Il progetto di fusione

Nel 2006 le due realtà bancarie Banca Intesa ed l'istituto Sanpaolo Imi hanno portato a termine l'accordo di fusione, che è stato convalidato e reso operativo il 2 gennaio 2007, diventando così il principale gruppo bancario italiano nelle attività di retail, wealth management e corporate.

I principali dati finanziari ed economici di Intesa San Paolo

Intesa Sanpaolo ha la propria sede principale a Torino in Piazza San Carlo, 156, mentre la sede secondaria si trova a Milano. Il gruppo bancario è presente a livello internazionale attraverso le proprie controllate in diverse nazioni europee (1.290 filiali), nel nord Africa (183 filiali) ed in Medio Oriente. La forza lavoro è composta da circa 96.170 dipendenti, dislocati nelle varie località.

Intesa Sanpaolo è quotata alla Borsa valori di Milano, nel segmento MTA con il simbolo ISP ed ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2012 con un utile netto di 1,6 miliardi di euro.

Per maggiori informazioni: INTESASANPAOLO



Borsa italiana in ribasso con balzo spread. Bancari negativi. FTSE MIB -0,73%

Borsa italiana in ribasso con balzo spread.

Borsa italiana in ribasso con balzo spread. Bancari negativi. FTSE MIB -0,73%

Bancari Italia in netto calo su debolezza BTP dopo dichiarazioni Salvini

Bancari italiani in netto calo a causa della debolezza dei BTP e del conseguente allargamento dello spread: le dichiarazioni di Salvini su flat tax e patto sovranista al Parlamento Europeo fanno crescere la tensione sull'obbligazionario Italia.

Bancari Italia in netto calo su debolezza BTP dopo dichiarazioni Salvini

Ftse Mib: scivolone verso i minimi 2018? I titoli da scegliere

Piazza Affari pagherà ancora pegno all'incertezza politica, in uno scenario che permane neutro-ribassista. Quali titoli mettere in portafoglio ora? Ce lo dice Fabrizio Brasili.

Ftse Mib: scivolone verso i minimi 2018? I titoli da scegliere

Azimut giù causa spread: in ombra la nuova alleanza con Intesa

Azimut cala in controtendenza con Ftse Mib. Oggi intanto arriva la notizia di una partnership nel trading con il gruppo Intesa Sanpaolo.

Azimut giù causa spread: in ombra la nuova alleanza con Intesa

Top news

-

Top news

Intesa Sanpaolo-Azimut, al via una partnership commerciale

Intesa Sanpaolo avvia l'offerta integrata di servizi che vanno dall'execution al post trading grazie alle sinergie presenti all'interno della Divisione Corporate & Investment Banking guidata da Mauro Micillo.

Intesa Sanpaolo-Azimut, al via una partnership commerciale

Piazza Affari scenderà ancora dopo breve recupero. I titoli hot

Il Ftse Mib difficilmente tornerà per ora sui massimi dell'anno: il rimbalzo in atto avrà il fiato corto e sarà da sfruttare per aprire nuovi short. La view di Gianvito D'Angelo.

Piazza Affari scenderà ancora dopo breve recupero. I titoli hot

Ftse Mib in affanno: quali i rischi ora? I titoli da seguire

Il Ftse Mib resta in una situazione di incertezza: troverà le energie per superare i primi ostacoli o vivrà nuova negatività nel breve? L'analisi e le strategie di Roberto Scudeletti.

Ftse Mib in affanno: quali i rischi ora? I titoli da seguire

Il Ftse Mib non ha ancora toccato il fondo. I titoli nel mirino

Il Ftse Mib ha inviato ieri ulteriori segnali negativi che portano a mettere in conto nuove vendite nel breve. L'analisi e le strategie di Gianluigi Raimondi.

Il Ftse Mib non ha ancora toccato il fondo. I titoli nel mirino

Ftse Mib: spunti di trading. Unicredit e Intesa sotto la lente

Il Ftse Mib scende ancora e sembra puntare ora ad area 20.000, dove ci sarà un nuovo scontro tra orsi e tori. L'analisi di Unicredit e Intesa Sanpaolo.

Ftse Mib: spunti di trading. Unicredit e Intesa sotto la lente

Ftse Mib: dove si fermerà la discesa? I titoli in pericolo ora

Il Ftse Mib dovrebbe trovare a breve un'area di prezzo dove fermarsi un attimo e da cui provare ad avviare un recupero, da sfruttare però per vendere. La view di Pietro Paciello.

Ftse Mib: dove si fermerà la discesa? I titoli in pericolo ora

Minimi shock per Anima holding. E la discesa non si ferma

Pessima evoluzione ribassista per Anima Holding che rompe il forte supporto psicologico a 3 euro, avvitandosi ulteriormente sotto livelli di prezzo che rappresentano i minimi storici: non basta la delusione sulla raccolta dei primi mesi a giustificare valori così bassi.

Minimi shock per Anima holding. E la discesa non si ferma

Bancari: preferire Unicredit a Intesa in vista delle elezioni UE

C'è grande attesa per l'appuntamento elettorale in Europa che a detta di Mediobanca non deve essere sottovalutato questa volta, viste le possibili ripercussioni sul settore bancario. I titoli da preferire e da evitare ora.

Bancari: preferire Unicredit a Intesa in vista delle elezioni UE

Ftsemib future: livelli chiave per la giornata di oggi

Seduta cruenta per il Ftsemib future che parte tonico aggredendo la resistenza migliore, ma da cui viene respinto avvitandosi in una evoluzione negativa che rischiava di diventare pesante: il colpo di reni finale salva i compratori in evidente affanno.

Ftsemib future: livelli chiave per la giornata di oggi

Intesa azzera i guadagni d'inizio anno: opportunità in vista?

Dopo il sontuoso dividendo assegnato che tante perplessità ha suscitato tra gli analisti, Banca Intesa al netto dello stacco, perde ancora terreno.

Intesa azzera i guadagni d'inizio anno: opportunità in vista?

Piazza Affari in flessione. Negativi TIM, bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,61%

Piazza Affari in flessione.

Piazza Affari in flessione. Negativi TIM, bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,61%
apk