Johnson & Johnson

Johnson & Johnson, colosso farmaceutico americano

Johnson & Johnson è una multinazionale americana, attiva nel settore riguardante l'industria farmaceutica. La holding si occupa della produzione di prodotti ed apparecchiature riguardanti le terapie farmaceutiche e chirurgiche, inoltre produce e distribuisce prodotti per la cura della persona e quelli automedicanti.

La struttura societaria è suddivisa nelle seguenti filiere:

  • Medicale e diagnostico
  • Largo Consumo
  • Farmaceutico

La multinazionale possiede numerosi marchi trai i quali vanno citati: Johnson's Baby (prodotti per la cura dei bambini), Clean & Clear (per la cura del viso), Piz Buin (prodotti solari), Neutrogena (creme per la cura della persona), Acuvue (marchio delle lenti a contatto), gli assorbenti marchiato O.B. e Carefree, le medicazioni Tylenol e molti altri.

Le origini di Johnson & Johnson

Le origini della società ci riportano negli Stati Uniti, precisamente nel New Jersey del 1886, quando Robert Wood Johnson (Carbondale, Pennsylvania 1845 - New Brunswick, New Jersey 1910) assieme ai due fratelli, costituì la Johnson & Johnson. Inizialmente la società si occupava della produzione in via sperimentale delle garze antisettiche da utilizzare nella chirurgia moderna.

In seguito alla scomparsa del fondatore avvenuta nel 1910, le redini dell'azienda passarono al fratello James W. Johnson. Sotto la sua guida l'azienda venne estesa sul
mercato estero, mentre la produzione venne diversificata, introducendo sul mercato nuovi prodotti come le creme per neonati ed i cerotti all'ossido di zinco.

La guida di Robert Wood generale Johnson II

Dal 1932 la società venne guidata dal figlio del fondatore, Robert Wood Johnson II, il quale continuò il processo di espansione internazionale (come il Brasile, l'Argentina e l'India), trasformando l'azienda in uno dei principali colossi del settore sanitario.

Robert Wood Johnson II (1893-1968), fu anche l'autore nel 1935 del documento Credo, una sorta di codice etico aziendale, che venne adottato dalla stessa Johnson & Johnson.

Lo sbarco in Borsa di Johnson & Johnson

Nel 1944 la multinazionale Johnson & Johnson venne collocata in Borsa, sul mercato telematico del New York Stock Exchange.
Nel corso dei decenni la società ha continuato a svilupparsi ed ampliare le proprie attività, attraverso il lungo processo di acquisizioni a livello internazionale, focalizzandosi principalmente nel settore riguardante farmaceutico ed in quello dell'igiene personale.

La presenza in Italia

La multinazionale è presente sul territorio italiano dal 1961, mentre nel 1965 è stata ha costituita a Milano la Johnson & Johnson Italia S.p.A., che in seguito è stata spostata nelle vicinanze della capitale, a Pomezia, precisamente a Pratica di Mare. La Johnson & Johnson Italia S.p.A. conta circa 1.200 dipendenti.

I principali dati economici di Johnson & Johnson

La multinazionale ha la propria sede principale in America, nel New Jersey. Il gruppo americano è presente in oltre 60 nazioni, con oltre 275 società controllate. La forza lavoro è composta da circa 127.600 dipendenti, dislocati nelle varie parti del mondo.

Johnson & Johnson è quotata alla borsa di New York, sull'indice Dow Jones Industrial Average, con il simbolo JNJ.

Il colosso americano, guidato dal manager Alex Gorsky ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 71,3 miliardi di dollari, registrando così un incremento del 6,1% rispetto all'anno precedente, conclusosi con ricavi totali per 67,224 miliardi di dollari.

Per maggiori informazioni: JOHNSON & JOHNSON










Schroders: Boris Johnson, le sfide per il neo-premier UK

Azad Zangana, Senior European Economist and Strategist di Schroders, ha voluto analizzare nel seguente report le maggiori sfide che il prossimo premier Boris Johnson dovrà affrontare dopo la vittoria nella gara per la guida dei Tory.

Schroders: Boris Johnson, le sfide per il neo-premier UK

Bond News: Euromacro

Non molte le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

Bond News: Euromacro

Zona Euro, Barnier: Ue pronta a collaborare con Johnson

Il negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, ha scritto su Twitter che l'Unione europea intende lavorare in modo costruttivo con il prossimo primo ministro britannico, Boris Johnson, per una Brexit ordinata.

Zona Euro, Barnier: Ue pronta a collaborare con Johnson

Regno Unito: Boris Johnson sarà premier

Boris Johnson ha guadagnato i consensi dei Tories e si è aggiudicato i voti di 92.

Regno Unito: Boris Johnson sarà premier

Sterlina in calo, Johnson verso la leadership dei Tory

La sterlina segna un ribasso dello 0,29% sul dollaro e dello 0,1% sull'euro nel giorno in cui la gara per la leadership del partito dei Conservatori britannici potrebbe terminare con la nomina di Boris Johnson a leader dello schieramento di maggioranza, quindi del governo, quindi dei negoziati sulla Brexit.

Sterlina in calo, Johnson verso la leadership dei Tory

Wall Street chiude in calo

La Borsa di New York ha chiuso la seduta in ribasso .

Wall Street chiude in calo

Wall Street stop: conta pulsazioni, raffica utili dalle banche

Dow Jones, JPMorgan Chase supera l'esame con i conti. Vendite su Johnson & Johnson. Nyse, lettera al close su Wells Fargo. Trimestrale The Charles Schwab Corporation in linea con le attese. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street stop: conta pulsazioni, raffica utili dalle banche

Borsa Usa: indici poco mossi

La Borsa di New York ha aperto la seduta poco mossa.

Borsa Usa: indici poco mossi

Johnson & Johnson migliora guidance ricavi 2019

Il gruppo farmaceutico e dei beni di consumo Johnson & Johnson ha rivisto al rialzo la stima sui ricavi 2019 a 82,4-83,2 miliardi di dollari da 82-82,8 miliardi della precedente guidance.

Johnson & Johnson migliora guidance ricavi 2019

J&J peggiore del Dow Jones. Indagine penale sul Baby Powder

Johnson & Johnson (J&J) ha chiuso con un crollo del 4,15% venerdì a Wall Street (peggiore performance del Dow Jones Industrial Average e seconda peggiore dell'S&P 500, dietro al tracollo del 16,12% di Illumina), dopo che Bloomberg ha riportato che lo U.

J&J peggiore del Dow Jones. Indagine penale sul Baby Powder

Wall Street aggiorna i record

La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in rialzo spinta dal possibile taglio dei tassi da parte della Fed nella riunione di questo mese.

Wall Street aggiorna i record
apk