Johnson & Johnson

Johnson & Johnson, colosso farmaceutico americano

Johnson & Johnson è una multinazionale americana, attiva nel settore riguardante l'industria farmaceutica. La holding si occupa della produzione di prodotti ed apparecchiature riguardanti le terapie farmaceutiche e chirurgiche, inoltre produce e distribuisce prodotti per la cura della persona e quelli automedicanti.

La struttura societaria è suddivisa nelle seguenti filiere:

  • Medicale e diagnostico
  • Largo Consumo
  • Farmaceutico

La multinazionale possiede numerosi marchi trai i quali vanno citati: Johnson's Baby (prodotti per la cura dei bambini), Clean & Clear (per la cura del viso), Piz Buin (prodotti solari), Neutrogena (creme per la cura della persona), Acuvue (marchio delle lenti a contatto), gli assorbenti marchiato O.B. e Carefree, le medicazioni Tylenol e molti altri.

Le origini di Johnson & Johnson

Le origini della società ci riportano negli Stati Uniti, precisamente nel New Jersey del 1886, quando Robert Wood Johnson (Carbondale, Pennsylvania 1845 - New Brunswick, New Jersey 1910) assieme ai due fratelli, costituì la Johnson & Johnson. Inizialmente la società si occupava della produzione in via sperimentale delle garze antisettiche da utilizzare nella chirurgia moderna.

In seguito alla scomparsa del fondatore avvenuta nel 1910, le redini dell'azienda passarono al fratello James W. Johnson. Sotto la sua guida l'azienda venne estesa sul
mercato estero, mentre la produzione venne diversificata, introducendo sul mercato nuovi prodotti come le creme per neonati ed i cerotti all'ossido di zinco.

La guida di Robert Wood generale Johnson II

Dal 1932 la società venne guidata dal figlio del fondatore, Robert Wood Johnson II, il quale continuò il processo di espansione internazionale (come il Brasile, l'Argentina e l'India), trasformando l'azienda in uno dei principali colossi del settore sanitario.

Robert Wood Johnson II (1893-1968), fu anche l'autore nel 1935 del documento Credo, una sorta di codice etico aziendale, che venne adottato dalla stessa Johnson & Johnson.

Lo sbarco in Borsa di Johnson & Johnson

Nel 1944 la multinazionale Johnson & Johnson venne collocata in Borsa, sul mercato telematico del New York Stock Exchange.
Nel corso dei decenni la società ha continuato a svilupparsi ed ampliare le proprie attività, attraverso il lungo processo di acquisizioni a livello internazionale, focalizzandosi principalmente nel settore riguardante farmaceutico ed in quello dell'igiene personale.

La presenza in Italia

La multinazionale è presente sul territorio italiano dal 1961, mentre nel 1965 è stata ha costituita a Milano la Johnson & Johnson Italia S.p.A., che in seguito è stata spostata nelle vicinanze della capitale, a Pomezia, precisamente a Pratica di Mare. La Johnson & Johnson Italia S.p.A. conta circa 1.200 dipendenti.

I principali dati economici di Johnson & Johnson

La multinazionale ha la propria sede principale in America, nel New Jersey. Il gruppo americano è presente in oltre 60 nazioni, con oltre 275 società controllate. La forza lavoro è composta da circa 127.600 dipendenti, dislocati nelle varie parti del mondo.

Johnson & Johnson è quotata alla borsa di New York, sull'indice Dow Jones Industrial Average, con il simbolo JNJ.

Il colosso americano, guidato dal manager Alex Gorsky ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 71,3 miliardi di dollari, registrando così un incremento del 6,1% rispetto all'anno precedente, conclusosi con ricavi totali per 67,224 miliardi di dollari.

Per maggiori informazioni: JOHNSON & JOHNSON










Wall Street bella al weekend, le trimestrali per la nuova ottava

Dow Jones, lettera su Intel e Visa. Settore retail, Nordstrom in rally. Nasdaq, Intuit scivola dopo la trimestrale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali USA attese per la prossima ottava, da HP a Best Buy, e passando per Dell e per Deere & Co.

Wall Street bella al weekend, le trimestrali per la nuova ottava

Buy&Sell, Wall Street gioca in difesa. I titoli promossi ora

Wall Street: una selezione delle ultime raccomandazioni degli analisti sui principali titoli degli indici azionari americani.

Buy&Sell, Wall Street gioca in difesa. I titoli promossi ora

Dividendi Wall Street basso rischio, 7 Titoli BUY lungo termine

7 Titoli BUY lungo termine per pensionati, sono azioni con dividendi a basso rischio, da Johnson & Johnson a Chevron, e passando per AT&T, CVS Health, General Dynamics, IBM e Pfizer in accordo con quanto è stato riportato da John Divine su U.S.News & World Report. Ecco, uno per uno, il dividend yield attualmente offerto da queste sette società quotate agli azionisti.

Dividendi Wall Street basso rischio, 7 Titoli BUY lungo termine

Il Punto sui Mercati

Piazza Affari poco mossa condizionata dalla Brexit.

Il Punto sui Mercati

Brexit: stasera il verdetto sulla legittimità dell'accordo con la Ue

Ore di attesa per il premier britannico Boris Johnson, dopo la sconfitta di ieri: lo speaker della Camera bassa del Parlamento britannico, John Bercow non ha ammesso la seconda proposta avanzata dal governo di tenere il "meaningful vote", il voto definitivo sull'accordo per la Brexit.

Brexit: stasera il verdetto sulla legittimità dell'accordo con la Ue

Regno Unito, Brexit: Johnson vuole voto su accordo ma senza modifiche

Il primo ministro britannico Boris Johnson vuole che il proprio accordo sulla Brexit venga messo ai voti oggi in Parlamento, ma senza la possibilità che siano apportate modifiche, riferisce il suo portavoce.

Regno Unito, Brexit: Johnson vuole voto su accordo ma senza modifiche

Borsa Usa: ultima seduta della settimana negativa, male Boeing e J&J

La Borsa di New York ha chiuso l'ultima seduta della settimana in ribasso a causa del deludente dato sul Pil cinese e del forte declino di Boeing e Johnson & Johnson.

Borsa Usa: ultima seduta della settimana negativa, male Boeing e J&J

Piazza Affari debole: Leonardo e auto sotto pressione, Brexit ancora in bilico. FTSE MIB -0,24%

Piazza Affari debole: Leonardo e auto sotto pressione, Brexit ancora in bilico.

Piazza Affari debole: Leonardo e auto sotto pressione, Brexit ancora in bilico. FTSE MIB -0,24%

Piazza Affari poco sotto la parità: attesa per voto Brexit. FTSE MIB -0,11%

Piazza Affari poco sotto la parità: attesa per voto Brexit.

Piazza Affari poco sotto la parità: attesa per voto Brexit. FTSE MIB -0,11%

Borsa italiana positiva con i bancari, auto in rosso dopo warning Renault. FTSE MIB +0,22%

Borsa italiana positiva con i bancari, auto in rosso dopo warning Renault.

Borsa italiana positiva con i bancari, auto in rosso dopo warning Renault. FTSE MIB +0,22%

Piazza Affari scivola in rosso nel finale: accordo Brexit ancora in bilico. FTSE MIB -0,23%

Piazza Affari scivola in rosso nel finale: accordo Brexit ancora in bilico.

Piazza Affari scivola in rosso nel finale: accordo Brexit ancora in bilico. FTSE MIB -0,23%
apk