Leonardo

Leonardo, industria a partecipazione statale

Leonardo, già Leonardo-Finmeccanica S.p.A., è uno dei principali gruppi industriali italiani, attivo a livello internazionale nei settori dell'alta tecnologia. Il gruppo è impegnato nelle filiere aerospaziali della difesa e della sicurezza, attraverso le quali si occupa della progettazione e relativa produzione di elicotteri, aero strutture, satelliti, velivoli civili ed industriali ed elettronica per la sicurezza; è inoltre presente anche nelle filiere dei trasporti e dell'energia.

L'azionista di riferimento della capogruppo Leonardo S.p.A. (alla quale fanno riferimento circa 500 aziende) è il Ministero dell'Economia e delle Finanze, il quale detiene il controllo aziendale, con una quota pari al 30,2% dell'azionariato.

Le origini

Le radici della società ci riportano nel periodo del dopoguerra, impegnato nella ricostruzione delle attività nazionali e precisamente nel 1948, quando l'Istituto per la Ricostruzione Industriale, IRI, costituì la Società Finanziaria Meccanica Finmeccanica, che fungeva da finanziaria per l'industria meccanica ed era composta dalle società Ansaldo, Filotecnica Salmoiraghi, Alfa Romeo, Cantieri Riuniti dell'Adriatico, Navalmeccanica ed altre aziende del segmento.

Lo sviluppo di Leonardo-Finmeccanica

L'azienda subì un rapido processo di industrializzazione, basti pensare che nel 1960 il giro d'affari raggiunse i 124 miliardi, con oltre 30.000 dipendenti. Nell'arco degli anni successivi l'azienda cedette alcuni rami industriali (tra cui le aziende ferroviarie e quelle elettroniche), focalizzando ed ampliando il proprio core business nel ramo elettromeccanico, rappresentato dalle società Ansaldo, Aeritalia (costituita nel 1969 da Fiat e Finmeccanica), attiva nel comparto aerospaziale, e dal settore automobilistico, con la società Alfa Romeo, che nel 1986 venne ceduta alla Fiat.

La crisi energetica

In seguito alla crisi energetica, che colpì il paese nel 1973, il gruppo cedette alcune aziende e si concentrò nelle attività elettromeccaniche, rilanciando l'azienda Ansaldo nei trasporti e nei sistemi industriali. Finmeccanica entrò allora nel settore aerospaziale, attraverso la società Aeritalia (ceduta da Fiat): iniziò così un lungo processo di espansione, attraverso varie acquisizioni ed accordi sul mercato italiano ed estero.

Il collocamento in Borsa di Leonardo-Finmeccanica

Nel 1992 la società trasforma la sua denominazione sociale diventando società per azioni, anche se di fatto resta sotto il controllo pubblico (visto che l'azionista principale è il Ministero dell'Economia); Finmeccanica S.p.A. fa il suo debutto in Borsa a Milano, quotandosi sul mercato telematico.

La trasformazione in holding industriale

In seguito alla riduzione della partecipazione pubblica dell'IRI (che collocò sul mercato gran parte dell'azionariato di Finmeccanica), avvenuta nel 2000, Finmeccanica si trasforma da finanziaria a gruppo industriale.

Negli anni successivi il gruppo continua a specializzandosi nei settori produttivi degli elicotteri, dell'elettronica per la difesa, in ambito aerospaziale e in quello aeronautico, attraverso il lungo processo di espansione. Quest'ultimo ha interessato acquisizioni e costituzioni di nuove aziende, quali Telespazio, AnsaloniBreda, Elsag, Alenia Aeronautica, Datamat e la società americana Agusta Westland, diventando così una realtà a livello globale.

I principali dati economico finanziari

Leonardo S.p.A. ha la sede principale a Roma, in piazza Monte Grappa, 4 ed è presente a livello mondiale con stabilimenti ed uffici negli Stati Uniti e in Polonia, Gran Bretagna, Arabia Saudita, Cina, Turchia, Malesia, Brasile e Russia; la forza lavoro è composta da circa 66.782 dipendenti, dislocati nelle varie località.

Il gruppo internazionale, guidato dal Manager Alessandro Pansa è presente con oltre 240 sedi sul mercato estero è quotato alla Borsa di Milano, nel segmento MTA, con il simbolo FNC ed ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 17,571 miliardi di euro in crescita rispetto ai 15,89 miliardi del 2012, a loro volta in flessione rispetto all'anno 2011 conclusosi con ricavi per 17,3 miliardi di euro.

Per maggiori informazioni: LEONARDO



Ftse Mib pronto a regalare nuovi rialzi? I titoli da cavalcare

Il Ftse Mib si è riportato su dei livelli dai quali potrà proiettarsi verso i recenti massimi e anche oltre. L'analisi di Pietro Origlia.

Ftse Mib pronto a regalare nuovi rialzi? I titoli da cavalcare

Piazza Affari rimbalza dai minimi, Trump ipotizza un accordo con l'Iran. FTSE MIB +0,46%

Piazza Affari rimbalza dai minimi, Trump ipotizza un accordo con l'Iran.

Piazza Affari rimbalza dai minimi, Trump ipotizza un accordo con l'Iran. FTSE MIB +0,46%

Ftse Mib: ecco quando si scatenerà il toro. I titoli ancora buy

Il Ftse Mib prosegue nel canale rialzista iniziato a metà agosto scorso: possibili nuovi rialzi a breve? Le indicazioni di Gianluigi Raimondi.

Ftse Mib: ecco quando si scatenerà il toro. I titoli ancora buy

Piazza Affari recupera e passa in territorio positivo

Piazza Affari recupera e passa in territorio positivo, brilla Atlantia.

Piazza Affari recupera e passa in territorio positivo

Leonardo positiva con escalation militare in Medio Oriente

Leonardo +1,0% si conferma in buona forma e tocca a 11,16 euro i massimi da metà novembre.

Leonardo positiva con escalation militare in Medio Oriente

Covivio, ceduti in Italia asset per 162 milioni di euro

Nel quarto trimestre del 2019, Covivio, la ex Fonciere des regions che ha in Leonardo Del Vecchio (tramite Delfin) il proprio azionista singolo più rilevante, ha siglato accordi di vendita di sei edifici adibiti a uffici e di tre centri commerciali in Italia per un ammontare totale di 162 milioni di euro, con l'obiettivo di proseguire nell'ottimizzazione della qualità del portfolio attraverso operazioni di rotazione e finanziamento dei progetti di sviluppo a Milano.

Covivio, ceduti in Italia asset per 162 milioni di euro

Ftse Mib a sconto: attesi nuovi rialzi. I titoli buy per il 2020

Il Ftse Mib si è lasciato alle spalle un accordo da record, ma secondo gli analisti ci sono ancora margini al rialzo. I livelli da tenere d'occhio e le blue chips più promettenti ora.

Ftse Mib a sconto: attesi nuovi rialzi. I titoli buy per il 2020

Borsa italiana tonica in avvio. Faro su Brunello Cucinelli

Borsa italiana tonica in avvio, STM e Brunello Cucinelli sotto i riflettori.

Borsa italiana tonica in avvio. Faro su Brunello Cucinelli

Brunello Cucinelli: ricavi netti 2019 a € 607,8 mln, +9,9% a cambi correnti

Il Consiglio di Amministrazione di Brunello Cucinelli – maison italiana operante nel settore dei beni di lusso, quotata sul Mercato Telematico Azionario di Borsa Italiana – ha esaminato in data odierna i ricavi netti consolidati preliminari di vendita dell'anno 2019 e l'indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2019.

Brunello Cucinelli: ricavi netti 2019 a € 607,8 mln, +9,9% a cambi correnti

L'Angolo del Trader: Atlantia, Leonardo, STM

Si avvicina il momento della verità per Atlantia e per la controllata Autostrade per l'Italia.

L'Angolo del Trader: Atlantia, Leonardo, STM

Sotto la lente dell'analisi tecnica: Eni, Anima e Leonardo

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani.

Sotto la lente dell'analisi tecnica: Eni, Anima e Leonardo

Piazza Affari riduce le perdite in chiusura

L'azionario italiano riduce le perdite in chiusura di seduta, dopo aver registrato in giornata performance anche molto negative a seguito della tensione geopolitica in Medioriente.

Piazza Affari riduce le perdite in chiusura

Leonardo balza su ostacoli tenaci

Nelle ultime due sedute Leonardo (+2,84%) è riuscito a sfruttare un valido supporto in area 10,40 per riaffacciarsi su una resistenza tenace a 10,85 euro (massimi di dicembre).

Leonardo balza su ostacoli tenaci

Piazza Affari ancora in rosso: male le banche

L'azionario italiano riduce le perdite nel primo pomeriggio, ma registra ancora performance molto negative e sostanzialmente in linea con i ribassi degli altri indici azionari europei.

Piazza Affari ancora in rosso: male le banche

Leonardo in controtendenza: +2,32%

Venti di guerra sui mercati azionari: il derisking che pesa sui maggiori listini europei in queste ore a seguito dell'escalation delle tensioni Usa-Iran incoraggia però alcuni titoli delle società degli armamenti Ue.

Leonardo in controtendenza: +2,32%

Ftse Mib: doppio rischio al ribasso. Strategie su tanti titoli

Il Ftse Mib è ancora in un trend rialzista, ma la tenuta delle resistenze favorisce delle correzioni: quali scenari nel breve? Ce lo dice Roberto Scudeletti.

Ftse Mib: doppio rischio al ribasso. Strategie su tanti titoli
apk