Moncler

Moncler, azienda tessile per l’abbigliamento invernale

La società Moncler è una delle eccellenze mondiali del comparto abbigliamento (specifico per l’inverno).

Le origini di Moncler

Fondata nel 1952 dal francese René Ramillon (a Monestier de Clermont), la società inizia fin dal 1954 a produrre il capo che poi la contraddistinguerà nel corso degli anni: il piumino. In principio il gruppo si occupa di fabbricare sacchi a pelo imbottiti e tende con struttura telescopica per l’esterno (che incontravano particolare favore dal pubblico), includendo nella gamma di prodotti un solo capo d’abbigliamento: un tipo di mantella foderata con cappuccio.
Il nome Monclair non è di per sé parola di senso compiuto, ma deriva dall’unione del luogo d’origine e di fondazione della società: Mon-Cler, località vicina a Grenoble.

Il passaggio di produzione: dai sacchi a pelo ai piumini

La nascita dei piumini Moncler viene ricondotta al 1954, quando gli operai dell’azienda iniziano a patire il freddo dell’inverno. Tali piumini erano indossati in fabbrica al di sopra della tuta da lavoro. Fu il francese Lionel Terray (alpinista professionista conosciuto in tutto il mondo, nonché amico fidato di René Ramill) a capire la genialità e la potenzialità del prodotto utilizzato dai dipendenti come soluzione al problema pratico del freddo. L’accortezza di Terray nel cogliere l’innovazione del piumino da indossare, portò Moncler a creare la prima gamma specializzata di soprabiti imbottiti, prima per l’alta quota (con la linea Moncler pour Lionel Terray”) e in un secondo momento per la vita quotidiana.

La specificità dei piumini Moncler venne inoltre scelta come equipaggiamento ufficiale per una serie di spedizioni, tra cui la spedizione italiana del 1954 sul Karakorum, che portò alla conquista della seconda vetta più alta del mondo, il K2 (grazie ad Achille Compagnoni e Lino Lacedelli) e la spedizione francese del 1955 sulla cima del monte Makalu, appartenente alla catena dell’Himalaya.

I progetti di Moncler

Nel 1964 Moncler diventa fornitore ufficiale delle spedizioni in Alaska per Lionel Terray e, nel 1968, rifornisce la nazionale francese di sci alpino (con un doppio piumino) in occasione dei Giochi Olimpici Invernali di Grenoble. Da quel momento, Moncler cambia il proprio marchio distintivo, passando dal Monte Eguit, all’attuale galletto.
La stessa nazionale francese, soddisfatta delle proprie divise, incarica Moncler nel 1972 di produrre una nuova variante di piumino singolo più dinamico per la squadra di discesa libera. Moncler crea allora le due varianti "Huascaran" e "Nepal", specificamente pensate per gli sciatori.

Il crescente impatto del turismo da neve porta Moncler a incrementare il proprio giro d’affari per fama e profitti.
Dal 1980, la contaminazione con lo stile di Chantal Thomass, porta Moncler a colorare i propri capi di un’ampia gamma di sfumature accese, rinnovando il look classico del piumino.

Sviluppo ed acquisizioni recenti di Moncler

Nel 1992, Moncler diventa italiano, grazie all’acquisizione da parte della casa veneta Pepper Industries, che cederà il tutto alla società Finpart prima e all’attuale Presidente e Direttore creativo Remo Ruffini poi (nel 2003).
Nel 2008 il gruppo Carlyle acquista una quota di Moncler del 48%, lasciando a Ruffini il 38%.
Nel 2011 il fondo francese Eurazeo diviene primo azionista del gruppo col 45% di partecipazione. Al secondo posto rimane Ruffini con una quota scesa al 32%, mentre il Carlyle passa dal 48% al 17,8%.
Nel 2013 Moncler viene quotata alla Borsa di Milano, entrando a far parte dei maggiori titoli quotati facenti parte del settore del lusso; nel marzo 2014 il gruppo viene inserito nel segmento FTSE MIB.

I principali dati finanziari

Il gruppo Moncler ha sede in Via Enrico Stendhal 47, a Milano, e rappresenta una delle maggiori realtà italiane attiva nel settore tessile. La società è quotata su Borsa Italiana dal 16 dicembre 2013, con il simbolo MONC, dopo un IPO iniziale con prezzo a 10,2 euro per azione ed una domanda 31 volte superiore all’offerta.

Per maggiori informazioni: MONCLER



Piazza Affari in parità, attesa per giudizio S&P. Male i petroliferi, sale TIM. FTSE MIB -0,03%

Piazza Affari in parità, attesa per giudizio S&P.

Piazza Affari in parità, attesa per giudizio S&P. Male i petroliferi, sale TIM. FTSE MIB -0,03%

Moncler ha violato un forte supporto

Moncler ha violato venerdì in area 36,50 la trend linecrescente disegnata dai minimi di dicembre inviando un segnale di debolezza.

Moncler ha violato un forte supporto

Seduta difficile per i titoli del lusso

Vendite anche sul settore del lusso a Piazza Affari.

Seduta difficile per i titoli del lusso

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib: spunti di trading. Ferragamo e Moncler sotto la lente

Il Ftse Mib prova a forzare area 22.000, mostrando al momento scarsa capacità di estensione al rialzo. L'analisi di Ferragamo e Moncler.

Ftse Mib: spunti di trading. Ferragamo e Moncler sotto la lente

Piazza Affari sui massimi da agosto. Poste, Prysmian e banche sugli scudi, debacle Juventus. FTSE MIB +0,37%

Piazza Affari sui massimi da agosto.

Piazza Affari sui massimi da agosto. Poste, Prysmian e banche sugli scudi, debacle Juventus. FTSE MIB +0,37%

Piazza Affari in rialzo. Bene Poste e bancari, debacle Juventus. FTSE MIB +0,39%

Piazza Affari in rialzo.

Piazza Affari in rialzo. Bene Poste e bancari, debacle Juventus. FTSE MIB +0,39%

Lusso: un buon affare a Piazza Affari? I titoli buy e sell

Seduta contrastata quella odierna per i titoli del lusso che raccolgono giudizi molto diversi dalle banche d'affari. I nomi da preferire e da evitare ora.

Lusso: un buon affare a Piazza Affari? I titoli buy e sell

Moncler in calo dopo parole Ruffini

Moncler, -1,0% a 36,30 euro, perde terreno all'indomani delle parole del presidente e a.

Moncler in calo dopo parole Ruffini

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Moncler, Ceo: buon primo trimestre

Il Ceo di Moncler, Remo Ruffini, nel corso dell'assemblea degli azionisti della società ha definito "buono" l'andamento del primo trimestre 2019.

Moncler, Ceo: buon primo trimestre

Moncler: Kepler Cheuvreux conferma valutazioni positive

Moncler +0,9% a 36,63 euro.

Moncler: Kepler Cheuvreux conferma valutazioni positive

Moncler: ottava in affanno

Avvio d'ottava in affanno a Piazza Affari per Moncler.

Moncler: ottava in affanno
apk