Rcs Mediagroup

RCS MediaGroup, gruppo editoriale

RCS MediaGroup è uno dei principali gruppi editoriali italiani, attivo a livello nazionale e internazionale


Grafico interattivo MIL:RCS offerto da TradingView

RCS MediaGroup, gruppo editoriale

RCS MediaGroup S.p.A., è uno dei principali leader a livello internazionale nel comparto dell'editoria multimediale. Inoltre, per quanto concerne l'attività della raccolta pubblicitaria, l'azienda rappresenta uno dei primari operatori sul mercato italiano e quello spagnolo.

La composizione

La holding è composta dalla RCS MediaGroup, la quale funge anche da capogruppo e da diverse aziende controllate, come le società RCS Quotidiani, RCS Periodici, RCS Libri ed altre.

Il gruppo che opera nel settore editoriale, si occupa della produzione libraria, dell'editoria elettronica, della stampa periodica e di quella quotidiana. L'azienda è attiva nel comparto riguardante i prodotti radiofonici e quelli televisivi (tv digitale e satellitare).

Il settore riviste e la produzione libraria di RCS MediaGroup

RCS MediaGroup edita i quotidiani nazionali: La Gazzetta dello Sport ed il Corriere della Sera. Nel comparto dei periodici, l'azienda è presente con tre settimanali come Io Donna e Oggi, undici mensili (Living, Dove, Insieme, Amica, Io e il mio bambino, Style Magazine) un semestrale ed un bimensile.

L'azienda Rcs Libri si occupa della produzione libraria e di quella relativa all'editoria scolastica e professionale, attraverso i marchi BUR, Bompiani, Lizard, Casa editrice Adelphi, casa editrice Marsilio, Sonzogno, Rizzoli, Fabbri, Sansoni, La nuova Italia, Edizioni del Quadrifoglio, Oxford University Press, Tramontana, La Tribuna ed altri.

Sul mercato spagnolo la holding è presente attraverso la controlla Unidad Editorial con le case editrici (A Esfera dos Livros, La Esfera de los Libros), i quotidiani (Expansión, Marca ed El Mundo) e le riviste (Golf Digest, Telva, Actualidad Económica, Marca Motor).

Negli Stati Uniti RCS MediaGroup opera nel comparto librario attraverso l'azienda Rizzoli International Publications.

Le origini ed il suo pioniere Angelo Rizzoli

Le radici del gruppo editoriale, risalgono nella Milano dei primi anni del 1900, grazie al contributo dell'imprenditore Angelo Rizzoli. Angelo Rizzoli (Milano, 1889 - Milano, 1970), finite le scuole elementari, andò a lavorare come operaio presso una tipografia lombarda. Nel 1909 il giovane Angelo Rizzoli, decise di mettersi in proprio ed acquisì una tipografia, inizialmente denominata A Rizzoli e C.

L'espansione

Negli anni seguenti la modesta tipografia si sviluppò e trasformò in una fabbrica poligrafica, dotata di un moderno impianto per la stampa del rotocalco, dando avvio così alla pubblicazione di riviste in proprio.
Nel 1952 la Rizzoli (società di capitali dal 1929), venne trasformata in Rizzoli Editore S.p.A. e successivamente inaugurò diverse librerie nelle città italiane di Milano e Roma.

Le acquisizioni di Andrea Rizzoli

In seguito alla scomparsa del fondatore Angelo Rizzoli, avvenuta nel 1970, le redini della società passano al figlio Andrea Rizzoli (Milano, 1914 – Nizza,1983). Sotto la sua guida l'azienda continuò a svilupparsi, attraverso il lungo processo di espansione iniziato dal padre.

Nel 1974 Andrea Rizzoli porta a termine due importanti acquisizioni: l'Editoriale Corriere della Sera (1974) e l'azienda N.E.S. (Nuove Edizioni Sportive) S.p.A., proprietaria della Gazzetta dello Sport. L'operazione per la completa acquisizione del capitale sociale, venne a costare oltre 50 miliardi di vecchie lire .

La società, ora denominata Rizzoli - Corriere della Sera S.p.A., viene così trasformata nel principale gruppo editoriale nazionale.

Angelo Rizzoli e la Rizzoli - Corriere della Sera S.p.A

Nel 1978 l'impero mediatico della famiglia Rizzoli è presieduto dal figlio di Andrea Rizzoli, l'imprenditore Angelo Rizzoli,(Como,1943 – Roma, 2013). Il maggiore gruppo editoriale nazionale è gravato dai debiti, dovuti ai cospicui investimenti aziendali, difatti il Corriere riporta perdite per circa 5 miliardi di vecchie lire l'anno.

Nel 1981 l' Editoriale Corriere della Sera è colpito dallo scandalo della Loggia P2 , che coinvolge quali tesserati, il direttore del gruppo editoriale, il manager Bruno Tassan Din ed Angelo Rizzoli (proprietario del 90,2% del capitale sociale).

L'amministrazione controllata

Nel 1983 il gruppo editoriale passa sotto l'amministrazione controllata, ottenuta dal Tribunale di Milano nel mese di febbraio dello stesso anno. Nelle settimane successive, il direttore generale Bruno Tassan Din ed Angelo Rizzoli vengono arrestati per bancarotta patrimoniale societaria in amministrazione controllata. Tutti i beni dell'imprenditore Angelo Rizzoli vengono posti sotto sequestro, compreso il gruppo editoriale, posseduto dall'imprenditore per il 50,2% del capitale sociale.

L'ingresso dei nuovi soci

Nel 1984 il Tribunale di Milano, ovvero i custodi giudiziari, dispongono la vendita della casa editrice, L'ingresso della cordata di nuovi soci è rappresentata da Mediobanca, dalla finanziaria Gemina (di proprietà della Fiat) e dalla Pirelli. Il prezzo della vendita viene fissato a circa 9 miliardi di vecchie lire, un prezzo decisamente inferiore rispetto al valore reale di mercato (valutata circa 270 miliardi di vecchie lire, come risulta dalla perizia contabile, eseguita dal Tribunale di Milano, dal prof. Guatri). n seguito all'acquisizione l'azienda trasforma la propria denominazione in RCS Editori S.p.A. (1986).

Nel 1990 amplia la propria attività sul mercato spagnolo, acquisendo parte della Unidad Editorial S.A., azienda proprietaria del secondo quotidiano d'informazione spagnolo, El Mundo.

Da Hdp S.p.A. a RCS Mediagroup S.p.A.

Nel 1997 in seguito allo scorporo delle attività industriali di Gemina, viene costituita la Holding di Partecipazioni Industriali, HDP. HDP S.p.A. detiene diverse aziende come la società di moda GFT NET e l'azienda di abbigliamento sportivo FILA, inoltre è il principale azionista del gruppo RCS, del quale detiene il completo controllo. Successivamente decide di focalizzare il proprio core business nel comparto dell'editoria e di conseguenza dismette le altre attività. Nel 2003 l'azienda trasforma la propria denominazione in RCS Mediagroup S.p.A.

L'azionariato di RCS MediaGroup

L'azionista di riferimento di RCS MediaGroup S.p.A. è rappresentato dalla società Giovanni Agnelli e C. s.a.p.a., la quale detiene il 16,734% del capitale sociale, seguono Mediobanca S.p.A. (9,93%), Diego della Valle (7,325%), Invesco Ltd (5,026%), Intesa SanPaolo (4,1%), Pirelli & C ($,4%), Cairo Urbano Roberto (3,3%) e Rotelli Paolo (3,3%).

I principali dati economico finanziari

RCS Mediagroup S.p.A. ha la propria sede principale in Via Rizzoli, 8 a Milano. Il gruppo è presente a livello internazionale con filiali ed uffici in Spagna, Portogallo, Inghilterra (editore GE Fabbri), Francia (casa editrice Flammarion), Stati Uniti e Cina. La forza lavoro si compone da circa 3.000 persone.

Il gruppo editoriale è quotato alla Borsa valori di Milano,sul mercato MTA, con il simbolo RCS.

La casa editrice, presieduta dal professor Angelo Pravasoli e dal manager Pietro Scott Jovane, nella veste di amministratore delegato, ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013 con un fatturato che si attesta attorno ai 1.314,8 milioni di euro, registrando una flessione del 13,1% rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con ricavi per 1.513 milioni di euro.

Per maggiori informazioni: RCS MediaGroup

Nome società RCS MEDIAGROUP
Paese Italia
Mercato FTSE ITALIA MID CAP
Settore MEDIA
Codice Alfa RCS
Codice Isin IT0004931496
Codice Reuters RCSM.MI
Sito web società Link
Telefono +390225841
Fax +390225885508
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Via Rizzoli 8, 20132 Milano (MI)
Società revisione Deloitte & Touche S.p.A.
Azioni in circolazione 521.864.957
Capitale Sociale 411.327.596
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0
Data di collocamento 04/10/2001
Prezzo di collocamento € 1.163
Ultimo dividendo € 0.0600
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 22/05/2019
Ultima raccomandazione 10/05/2019
Emittente KEPLER CHEUVREUX
Raccomandazione Hold
Target Price € 1.15
Andamento rating
 
Cairo Urbano Roberto
Cimbri Carlo
Petruccioli Stefania
Della Valle Diego
Tronchetti Provera Marco
Pompignoli Marco
Micciche' Gaetano
Dalmonte Alessandra
Capparelli Maria
Simontacchi Stefano
Gava Veronica
Romiti Cesare
Fornara Uberto
Colombo Enrico Maria
Croci Guido
Tagliavini Paola Annunziata
Moroni Marco
Tula Piera
Maspes Maria Pia
Cairo Urbano Roberto 60.46 %
Della Valle Diego 7.62 %
Unipol Gruppo S.p.A. 4.89 %
Pirelli & C SpA 4.73 %
Mediobanca Spa 9.93 %
31/12/2018 Variaz. % 31/12/2017
TOTALE RICAVI 995,40 11,12% 895,80
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 161,70 17,00% 138,20
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 113,50 18,72% 95,60
RISULTATO ANTE IMPOSTE 100,50 14,99% 87,40
RISULTATO NETTO 85,30 19,97% 71,10
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA -187,60 -34,73% -287,40
PATRIMONIO NETTO 254,50 48,40% 171,50
CAPITALE INVESTITO 479,00 4,38% 458,90
Ultimo Aggiornamento: 17/06/2019

Sotto la lente dell'analisi tecnica

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani.

Sotto la lente dell'analisi tecnica







RCS affonda improvvisamente, poi riduce le perdite

RCS MediaGroup, -4,1% a 0,88 euro, recupera dopo l'improvvisa accelerazione al ribasso accusata poco dopo le 14 (con passaggio in asta di volatilità): toccato a 0,8230 euro il minimo da ottobre 2018.

RCS affonda improvvisamente, poi riduce le perdite

Appuntamenti societari di Lunedì 20 Maggio 2019

Oggi in agenda.

Appuntamenti societari di Lunedì 20 Maggio 2019

Appuntamenti societari della settimana dal 20 al 24 maggio 2019

Questa settimana in agenda.

Appuntamenti societari della settimana dal 20 al 24 maggio 2019

Borsa Italiana, i dividendi di oggi

Oggi, lunedì 20 maggio 2019, le seguenti società quotate a Piazza Affari staccano un dividendo.

Borsa Italiana, i dividendi di oggi

Borsa Italiana, i dividendi di lunedì 20 maggio 2019

Lunedì 20 maggio 2019 le seguenti società quotate a Piazza Affari staccheranno un dividendo.

Borsa Italiana, i dividendi di lunedì 20 maggio 2019

Piazza Affari chiude sui massimi di seduta, brillano Prysmian e STM. FTSE MIB +1,45%

Piazza Affari chiude sui massimi di seduta, brillano Prysmian e STM.

Piazza Affari chiude sui massimi di seduta, brillano Prysmian e STM. FTSE MIB +1,45%

RCS sui minimi da fine novembre

RCS MediaGroup -6,7% accelera al ribasso e tocca i minimi da fine novembre.

RCS sui minimi da fine novembre

Piazza Affari positiva ma sotto i massimi, Prysmian e STM in evidenza. BTP in rosso. FTSE MIB +0,52%

Piazza Affari positiva ma sotto i massimi, Prysmian e STM in evidenza.

Piazza Affari positiva ma sotto i massimi, Prysmian e STM in evidenza. BTP in rosso. FTSE MIB +0,52%

Piazza Affari in verde ma sotto i massimi: focus su negoziati USA-Cina. FTSE MIB +0,28%

Piazza Affari in verde ma sotto i massimi: focus su negoziati USA-Cina.

Piazza Affari in verde ma sotto i massimi: focus su negoziati USA-Cina. FTSE MIB +0,28%

Piazza Affari in verde. Bene Unipol e lusso. FTSE MIB +0,64%

Piazza Affari in verde.

Piazza Affari in verde. Bene Unipol e lusso. FTSE MIB +0,64%

RCS sui minimi da fine novembre: Kepler Cheuvreux riduce target

RCS MediaGroup, -2,7% a 1,0960 euro, sui minimi da fine novembre.

RCS sui minimi da fine novembre: Kepler Cheuvreux riduce target
apk