Recordati

Recordati S.p.A., gruppo farmaceutico internazionale

Recordati S.p.A. è un gruppo leader a livello internazionale nel settore dell'industria chimica e farmaceutica. La società si occupa della ricerca e dello sviluppo delle malattie rare, delle aree terapeutiche, di farmaci innovativi e di principi attivi per l'industria farmaceutica.

La struttura del gruppo

Il gruppo farmaceutico, di cui Recordati S.p.A. funge anche da capogruppo, opera attraverso le proprie controllate nelle principali nazioni europee, nell'est Europa, Turchia, Russia e negli Stati Uniti.

Appartengono alla holding dell'industria farmaceutica le seguenti aziende: Recordati Polska, Opalia Pharma (Tunisia), Innova Pharma (italia), Laboratories Bouchara Recordati (Francia), Jaba Recordati (Portogallo), Casen Recordati (Spagna), Recordati Ireland, Recordati Pharma (Germania), Recordati Romania, Herbacos Recordati (Repubblica Ceca e Slovacca), Recordati Ilac (Turchia), Rusfic/Recordati Ukraine/FicMedical (Russia, Ucraina e C.S.I.). il gruppo internazionale Orphan Europe, Recordati Hellas Pharmaceuticals (Grecia), Recordati Pharmaceuticals (Regno Unito), e l'azienda sita negli Stati Uniti Recordati Rare Diseases.

Le origini

Le origini dell'azienda ci riportano a Correggo Emilia del 1926, quando Giovanni Recordati (1898 -1952) trasforma l'antica farmacia, nata originariamente come spezieria di famiglia, (fondata dal nonno Giovanni Battista Recordati nel lontano 1820) in un vero e proprio laboratorio farmaceutico, denominato Laboratorio Farmacologico Reggiano. Il laboratorio si occupa della ricerca farmaceutica e della produzione di una vasta gamma di farmaci, trasformandosi nell'arco degli anni seguenti in una grande realtà del settore

Lo sviluppo sotto la guida di Arrigo Recordati

Nel 1953 in seguito alla scomparsa di Giovanni Recordati, le redini dell'azienda vengono tramandate al figlio Arrigo Recordati (1927-1999). In seguito la sede e lo stabilimento vengono trasferiti a Milano, ampliando così il laboratorio di ricerca e nel 1956 viene commercializzato sul mercato il nuovo farmaco un vasodilatatore coronarico, Recordil , seguito da altri farmaci. L'azienza continua a svilupparsi: dal lato produttivo, orienta le propria attività nel comparto della chimica farmaceutica, mentre l'espansione continua attraverso la conclusione di importanti parnership, come con la Roche (all'epoca Syntex Corporation) e con l'inaugurazioni di nuove consociate in America latina.

L'ingresso di Eni in Recordati

Nel 1977 Recordati vede l'ingresso di un nuovo socio, l'azienda Eni guidata all'epoca da Pietro Sette, la quale acquisì il 50% dell'azionariato. L'azienda in questo modo si avvicino al comparto della chimica fine ed ampliando la propria attività all'estero. Negli anni successivi Recordati portò a termine un accordo con la società Eni, il quale prevedeva l'acquisto del 35% del capitale sociale di Recordati.

L'approdo in Borsa

Nel 1984 l'industria della famiglia Recordati, con un giro d'affari stimato attorno ai 100 miliardi di vecchie lire e due stabilimenti uno a Milano e l'altro a Campoverde di Aprilia, debutta a Piazza Affari, quotando circa il 25% del capitale sociale, mentre il prezzo di collocamento viene fissato a circa 2,2 euro per azione.

L'espansione internazionale

Nel 1999 muore l'imprenditore e Presidente di Recordati, Arrigo Recordati. L'ingegner Giovanni Recordati, già da anni presente in azienda, come Amministratore Delegato di Recordati, figlio di Arrigo Recordati, viene nominato Presidente.

Sotto la sua guida l'azienda farmaceutica prosegue i laboratori di ricerca con gli studi scientifici internazionali e continua a svilupparsi attraverso il lungo processo d'espansione sui mercati esteri, consolidando così le attività a livello internazionale.

I principali dati economico fiscali di Recordati

Recordati ha la propria sede principale a Milano in Via Matteo Civitali, 1 ed è presente a livello internazionale con diverse filiali ed uffici. La forza lavoro è composta da circa 4.000 dipendenti.

L'industria farmaceutica è quotata alla Borsa valori di Milano, nel segmento MTA, con il simbolo REC.

Il gruppo farmaceutico, guidato dal Presidente ed Amministratore Delegato, Giovanni Recordati, ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013, con un fatturato pari a 941,6 milioni di euro.

Per maggiori informazioni: RECORDATI



Brusca flessione per i titoli del settore farmaceutico

Brusca flessione per i titoli del settore farmaceutico e cura della persona.

Brusca flessione per i titoli del settore farmaceutico

Ftse Mib: fase correttiva alle porte? I titoli long e short ora

Il Ftse Mib ha raggiunto un nuovo top dell'anno per poi chiudere la settimana poco sotto il precedente: un segnale ribassista? Ce lo dice Roberto Scudeletti.

Ftse Mib: fase correttiva alle porte? I titoli long e short ora

Segnali di forza sopra 38,50 euro per Recordati

Recordati ha disegnato un canale ribassista dal top del 30 agosto, canale che potrebbe però dimostrarsi un "flag", figura di continuazione del precedente uptrend.

Segnali di forza sopra 38,50 euro per Recordati

Borse contrastate, bene Piazza Affari

Le buone trimestrali del comparto bancario arrivate da Wall Street aiutano il settore e la Borsa milanese. Sul fondo Recordati, Ferragamo e Campari.

Borse contrastate, bene Piazza Affari

Dividendi Piazza Affari e rendimento azionario, Recordati 1000%

Dopo Recordati, Amplifon campione di rendimenti in Borsa. I titoli che hanno reso di più a Piazza Affari negli ultimi dieci anni. Azioni Campari sul gradino più basso del podio. Ecco tutti i rialzi a tre cifre.

Dividendi Piazza Affari e rendimento azionario, Recordati 1000%

I 6 migliori e i 6 peggiori titoli secondo l'analisi tecnica tra i 100 piu' liquidi del mercato

I 6 migliori e i 6 peggiori titoli secondo l'analisi tecnica tra i 100 piu' liquidi del mercato.

I 6 migliori e i 6 peggiori titoli secondo l'analisi tecnica tra i 100 piu' liquidi del mercato

Piazza Affari in progresso con banche e industriali, focus su USA-Cina. FTSE MIB +1,03%

Piazza Affari in progresso con banche e industriali, focus su USA-Cina.

Piazza Affari in progresso con banche e industriali, focus su USA-Cina. FTSE MIB +1,03%

Piazza Affari in parità: bene i bancari, utility e farmaceutici in rosso. FTSE MIB +0,04%

Piazza Affari in parità: bene i bancari, utility e farmaceutici in rosso.

Piazza Affari in parità: bene i bancari, utility e farmaceutici in rosso. FTSE MIB +0,04%

Settore farmaceutico in rosso

Settore farmaceutico e cura della persona in rosso: l'indice STOXX Europe 600 Health Care segna -0,9%, con Novartis -0,5%, Sanofi -0,5%, Astrazeneca -0,7%, Bayer -0,5%.

Settore farmaceutico in rosso

Recordati, resta aperta la via del rialzo

Recordati ha disegnato un canale ribassista dal top del 30 agosto, canale che potrebbe però dimostrarsi un "flag", figura di continuazione del precedente uptrend.

Recordati, resta aperta la via del rialzo

Piazza Affari positiva, bene i petroliferi. BTP in leggero calo. FTSE MIB +0,30%

Piazza Affari positiva, bene i petroliferi.

Piazza Affari positiva, bene i petroliferi. BTP in leggero calo. FTSE MIB +0,30%

Farmaceutici in verde

Positivi i titoli del settore farmaceutico e cura della persona: Amplifon +1,8%, Recordati +1,2%, Diasorin +0,2%.

Farmaceutici in verde

Borsa italiana in lieve calo. Deboli i bancari. Stabile lo spread. FTSE MIB -0,13%

Borsa italiana in lieve calo.

Borsa italiana in lieve calo. Deboli i bancari. Stabile lo spread. FTSE MIB -0,13%

Recordati in ribasso, pesa downgrade Credit Suisse

Credit Suisse ha tagliato il rating su Recordati a "underperform" da "neutral".

Recordati in ribasso, pesa downgrade Credit Suisse

Piazza Affari piomba sui minimi da inizio settembre, spread in fibrillazione. FTSE MIB -2,87%

Piazza Affari piomba sui minimi da inizio settembre, spread in fibrillazione.

Piazza Affari piomba sui minimi da inizio settembre, spread in fibrillazione. FTSE MIB -2,87%

Seduta negativa anche per i titoli del settore farmaceutico

Seduta negativa anche per i titoli del settore farmaceutico/cura della persona, nonostante le loro attitudini difensive.

Seduta negativa anche per i titoli del settore farmaceutico
apk