Saipem

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Piazza Affari termina in parità, bene utility e bancari, vendite su industriali e petroliferi. FTSE MIB +0,05%

Piazza Affari termina in parità, bene utility e bancari, vendite su industriali e petroliferi.

Piazza Affari termina in parità, bene utility e bancari, vendite su industriali e petroliferi. FTSE MIB +0,05%

Ftse Mib: a rischio un ribasso improvviso. I titoli in e out

Per il Ftse Mib la salita potrà funzionare se avverrà in maniera lenta, senza sottovalutare il rischio di una forte delusione dalle Banche Centrali. L'analisi di Davide Biocchi.

Ftse Mib: a rischio un ribasso improvviso. I titoli in e out

Piazza Affari positiva con utility e bancari, scende lo spread. FTSE MIB +0,35%

Piazza Affari positiva con utility e bancari, scende lo spread.

Piazza Affari positiva con utility e bancari, scende lo spread. FTSE MIB +0,35%

Il Punto sui Mercati

Clima estivo a Piazza Affari.

Il Punto sui Mercati

Saipem arretra verso la base del range

Saipem (-2%)arretra nuovamente verso la base del range in cui oscilla da oltre un mese, a 4,27 circa.

Saipem arretra verso la base del range

Borsa italiana riduce le perdite viste in avvio. FTSE MIB -0,02%

Borsa italiana riduce le perdite viste in avvio.

Borsa italiana riduce le perdite viste in avvio. FTSE MIB -0,02%

Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio

Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio: oscilla poco sopra i minimi dal 5 luglio toccati ieri sera.

Vendite sui petroliferi in scia alla debolezza del greggio

Ftse Mib: è il momento di vendere? I titoli su cui intervenire

Il Ftse Mib rimane per ora sopra la soglia dei 22.000 punti e la view non cambierà fino alla tenuta di un livello chiave. L'analisi di Pietro Origlia.

Ftse Mib: è il momento di vendere? I titoli su cui intervenire

Ftse Mib: spunti di trading. Eni e Saipem sotto la lente

Il Ftse Mib perde quota dopo ripetuti tentativi al rialzo, lanciando un primo segnale di incertezza. L'analisi di ENI e Saipem.

Ftse Mib: spunti di trading. Eni e Saipem sotto la lente

Borse: Europa debole, e Wall Street non l’aiuta

A Piazza Affari il ribasso è contenuto dai guadagni delle utilities, molto male i petroliferi, il risparmio gestito ed il settore bancario.

Borse: Europa debole, e Wall Street non l’aiuta

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,56%

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi.

Piazza Affari negativa con bancari e petroliferi. FTSE MIB -0,56%

Saipem: decisione della Cassazione algerina su commessa GK3 nel 2009

Il 2 febbraio 2016 Saipem aveva informato che in pari data il Tribunale di Algeri aveva pronunciato sentenza di primo grado nel procedimento "Sonatrach 1" nei confronti di Saipem Contracting Algérie, società del gruppo Saipem registrata in Algeria, in relazione alla procedura di gara per l'assegnazione nel 2009 della commessa GK3.

Saipem: decisione della Cassazione algerina su commessa GK3 nel 2009

Piazza Affari sotto la parità. Vendite su petroliferi e bancari. FTSE MIB -0,18%

Piazza Affari sotto la parità.

Piazza Affari sotto la parità. Vendite su petroliferi e bancari. FTSE MIB -0,18%

Piazza Affari: quali sorprese avremo in estate? Le blue chip hot

Il Ftse Mib dovrebbe mantenersi in un range molto stretto, con possibili escursioni più verosimilmente verso il basso che verso l'alto. L'analisi di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari: quali sorprese avremo in estate? Le blue chip hot

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi. FTSE MIB +0,08%

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi.

Borsa italiana poco mossa, deboli i petroliferi. FTSE MIB +0,08%

Petroliferi negativi in scia al greggio

Petroliferi negativi in scia alla netta flessione del greggio di ieri a fine pomeriggio (toccati i minimi dal 9 luglio).

Petroliferi negativi in scia al greggio
apk