Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo S.p.A., casa di alta moda italiana

Salvatore Ferragamo S.p.A. è una delle principali case di moda a livello mondiale. Il gruppo tessile si occupa dalla creazione, produzione e relativa distribuzione di prodotti di alta qualità per l'uomo e la donna. La vasta gamma di articoli spazia dall'abbigliamento, pelletteria, calzature ed accessori in materiali pregiati. I prodotti del brand Salvatore Ferragamo comprendono anche diversi articoli di profumeria, orologi ed occhiali, prodotti su licenza da terzi.

Gli articoli vengono commercializzati a livello internazionale attraverso la gestione diretta di circa 360 boutique monomarca site nelle principali città del mondo e tramite una vasta rete di spazi o punti vendita gestiti da terzi.

La composizione del gruppo tessile

Il gruppo è composto dalla società Salvatore Ferragamo S.p.A., la quale funge anche da capo gruppo e da diverse azienda controllate come Ferragamo Parfums S.p.A., Ferragamo France, Ferragamo UK, Ferragamo Austria, Ferragamo Monte Carlo, Ferragamo Argentina, Gruppo F. USA, Ferragamo Retail Macau e molte altre.

Le origini ed il suo pioniere

Le radici della società affondano nella Firenze del 1927, quando venne costituito il Calzaturificio Ferragamo e C., grazie al contributo del campano Salvatore Ferragamo. Salvatore Ferragamo (Avellino, 1898 - Firenze, 1960), si avvicina al mondo del lavoro in tenera età, difatti ad undici anni inizia a lavorare prezzo un calzolaio di Napoli, come apprendista. Appena quattordicenne Salvatore Ferragamo, si trasferisce dai fratelli migrati in America. Attorno al 1920 Salvatore Ferragamo apre una bottega di riparazioni a Santa Barbara (California) e ben presto inizia a produrre calzature, destinate all'industria cinematografica, riscuotendo grande successo.
Nel 1923 inaugura nella città di Hollywood il suo negozio Hollywood Boot Shop, che segnerà l'inizio della sua carriera nel mondo delle calzature.

Lo sviluppo della maison Salvatore Ferragamo

Nel 1927 Salvatore Ferragamo rientra in Italia, precisamente a Firenze, dove apre il suo laboratorio artigianale di calzature, destinato inizialmente alla clientela americana.
Attorno al 1950, l'azienda ormai radicata sul territorio nazionale con 700 dipendenti, vanta una produzione di circa 350 paia di scarpe al giorno, destinate all'alta borghesia.

In seguito alla scomparsa del mago delle calzature, avvenuta nel 1960, il timone passa alla moglie di Salvatore Ferragamo, Wanda Miletti. Sotto la sua guida e quella dei figli, la società ha continuato ad espandersi, ampliando il proprio core business nel settore delle pelletterie e del tessile, affermandosi nel settore del lusso.

L'approdo in Borsa

La casa d'alta moda con un giro d'affari di circa 1 miliardo di euro (2011), ha debuttato sul listino di Piazza Affari nel giugno 2011, quotandosi sul Mercato Telematico Azionario. Il prezzo di collocamento è stato fissato a 9,7 euro per azione. Le azioni vengono negoziate sul mercato MTA, con il simbolo SFER.

I principali dati economico finanziari della Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo S.p.A., ha la propria sede centrale a Firenze in Via Tornabuoni 2, nel Palazzo Spini Feroni, sede storica dell'azienda, acquisita nel lontano 1938. La maison del lusso è presente sul territorio nazionale e nel mondo, con filiali e negozi in diverse nazioni. la forza lavoro è composta da circa 3.000 dipendenti.

Il gruppo presieduto da Ferruccio Ferragamo, ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013, con un fatturato pari a 1.258 milioni di euro, registrando un aumento del 9% rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con ricavi per 1.153 milioni di euro.

L'azionista di riferimento del gruppo tessile, appartiene alla Ferragamo Finanziaria S.p.A., la quale possiede il 57,75% del capitale sociale.

Per maggiori informazioni: SALVATORE FERRAGAMO



Ftse Mib: spunti di trading. Moncler e Ferragamo sotto la lente

Il Ftse Mib avvia un primo recupero dai minimi di area 20.500, ma è presto per cantare vittoria. L'analisi di Moncler e Salvatore Ferragamo.

Ftse Mib: spunti di trading. Moncler e Ferragamo sotto la lente

Borse in recupero, continua lo Stop and Go

A Piazza Affari brillano le utilities che ritoccano i loro record storici. Sul fondo Azimut che deve rifiatare. Male anche i titoli bancari.

Borse in recupero, continua lo Stop and Go

Buy&Sell: cosa comprare e cosa vendere

Il FtseMib disegna una hanging man che fotografa un recupero finale degli acquirenti dopo un veloce approfondimento sotto area 21.000 punti.

Buy&Sell: cosa comprare e cosa vendere

Ftse Mib: ecco quando temere un serio affondo. I titoli in e out

Il Ftse Mib danza tra supporti e resistenze e nel breve sarà cruciale la tenuta dei recenti minimi per evitare una discesa anche brusca. L'analisi di Roberto Scudeletti.

Ftse Mib: ecco quando temere un serio affondo. I titoli in e out

Appuntamenti societari di Lunedì 20 Maggio 2019

Oggi in agenda.

Appuntamenti societari di Lunedì 20 Maggio 2019

Appuntamenti societari della settimana dal 20 al 24 maggio 2019

Questa settimana in agenda.

Appuntamenti societari della settimana dal 20 al 24 maggio 2019

Borsa Italiana, i dividendi di oggi

Oggi, lunedì 20 maggio 2019, le seguenti società quotate a Piazza Affari staccano un dividendo.

Borsa Italiana, i dividendi di oggi

Borsa Italiana, i dividendi di lunedì 20 maggio 2019

Lunedì 20 maggio 2019 le seguenti società quotate a Piazza Affari staccheranno un dividendo.

Borsa Italiana, i dividendi di lunedì 20 maggio 2019

Dividendi Ftse Mib: 21 titoli staccano lunedì. Chi rende di più?

A Piazza Affari lunedì prossimo più della metà dei titoli del Ftse Mib staccherà il dividendo, con un impatto atteso sull'indice di circa 500 punti. Le cedole in arrivo e le indicazioni sui migliori e peggiore rendimenti.

Dividendi Ftse Mib: 21 titoli staccano lunedì. Chi rende di più?

Piazza Affari: è l'ora di un recupero. I titoli da riscoprire

Il Ftse Mib può metere a segno ora un discreto rimbalzo, quindi stop agli short e spazio a qualche acquisto selettivo: ecco su quali blue chips. Le indicazioni di Pietro Paciello.

Piazza Affari: è l'ora di un recupero. I titoli da riscoprire

Analisi del sottostante: Ferragamo

Ferragamo ha corso ieri a Piazza Affari dopo i risultati dei primi tre mesi del 2019 e le positive indicazioni per il mercato asiatico.

Analisi del sottostante: Ferragamo

Ftse Mib colpito da dazi e spread: i titoli pronti a ripartire

Il Ftse Mib potrà mettere in un angolo la correzione delle ultime settimane solo con il ritorno al di sopra di una soglia di prezzo ben precisa. L'analisi e le strategie di Pietro Origlia.

Ftse Mib colpito da dazi e spread: i titoli pronti a ripartire

Piazza Affari penalizzata dai titoli del comparto bancario

Vola Ferragamo dopo i conti. Massimo storico per Ferrari. Male i titoli bancari, in controtendenza Banco BPM. Ancora giù Telecom.

Piazza Affari penalizzata dai titoli del comparto bancario

Piazza Affari riduce il rosso nel finale. Bancari negativi con lo spread, bene auto e Ferragamo. FTSE MIB -0,14%

Piazza Affari riduce il rosso nel finale.

Piazza Affari riduce il rosso nel finale. Bancari negativi con lo spread, bene auto e Ferragamo. FTSE MIB -0,14%

Piazza Affari in netto calo. Bancari sotto pressione con balzo spread. FTSE MIB -1,33%

Piazza Affari in netto calo.

Piazza Affari in netto calo. Bancari sotto pressione con balzo spread. FTSE MIB -1,33%

Ferragamo: broker migliorano valutazioni dopo conti trim1

Salvatore Ferragamo, +9,0% a 21,09 euro, balza in avanti dopo la pubblicazione dei risultati del primo trimestre.

Ferragamo: broker migliorano valutazioni dopo conti trim1
apk