Texas Instruments

Texas Instruments Incorporated, produttore statunitense di semiconduttori

TI, ovvero Texas Instruments Incorporated, è un'azienda statunitense, attiva nel settore elettronico. La società è tra i principali produttori a livello globale di semiconduttori e chip per dispositivi mobili.

Il gigante texano risulta tra i primi tre produttori mondiali di microchip, sensori di rilevamento e DSP. e dispone di oltre 2.900 brevetti. L'azienda si occupa della produzione e relativa commercializzazione di una vasta gamma di articoli elettronici come i dispositivi elettronici, processori di segnali digitali, circuiti integrati, processori multi core e calcolatori elettronici.

Le origini

Le radici della società affondano a Dallas del 1930, quando venne costituita la GSI, Geophysical Service Incorporated, grazie al contributo degli imprenditori Clarence Karcher ed Eugene McDermott. Inizialmente l'azienda era attiva nel settore petrolifero ed era impegnata nelle ricerche petrolifere, ovvero rilevazioni geologiche.

Durante il periodo bellico, la società diversifica la propria attività, entrando nel settore elettronico, precisamente occupandosi della produzione di macchinari elettronici per la trasmissione dati.

Da Geophysical Service Incorporated alla Texas Instruments

In seguito ad una nuova ristrutturazione societaria, avvenuta nel 1951, Geophysical Service Incorporated, trasforma la propria denominazione in Texas Instruments Incorporated.

Texas Instruments Incorporated orienta il proprio core business nel settore dei semiconduttori e nel 1954 l'azienda produce l'innovativo transistor al silicio. Nel 1958 l'azienda realizza il primo circuito integrato, progettato dell'ingegner Jack Kilby, riscuotendo un grande successo a livello internazionale.

L'espansione di Texas Instruments

Negli anni seguenti l'azienda continua a svilupparsi ed ad estendere la propria attività a livello internazionale, inaugurando stabilimenti operativi in diverse nazioni come in Gran Bretagna a Bedford, Francia, Germania, Olanda.

Il mercato dell'elettronica del consumo

Alla fine degli anni Settanta l'azienda in costante sviluppo, continua ad espandere la propria attività a livello internazionale, portando a termine diverse acquisizioni, specializzandosi anche nel settore dell'elettronica di consumo (calcolatrici tascabili, orologi digitali, sensori), trasformandosi in uno dei principali produttori a livello globale per la tecnologia dei semiconduttori.

La crisi economica degli anni Ottanta

Negli anni Ottanta, l'azienda texana subì un periodo di crisi economica, registrando importanti perdite economiche, che portarono al licenziamento di circa 10.000 persone (1982).

Negli anni successivi la società iniziò progressivamente ad uscire dalla crisi, abbandonando alcune attività, come la divisione Defense Systems & Electronics, concentrando il business nelle seguenti aree operative: sensori di rilevamento ad alta precisione, microchip e semiconduttori e processori di segnali digitali.

I principali dati economici di Texas Instruments

Texas Instruments Incorporated ha la propria sede principale nel Texas a Dallas. Inoltre l'azienda è presente con filiali ed uffici in diverse parti del mondo come in Europa, India, Giappone e conta circa 30.000 dipendenti

La società di semiconduttori è quotata al listino telematico della Borsa di New York, al Nasdaq, con il simbolo TXN.

Il gigante texano ha archiviato l'esercizio fiscale relativo all'anno 2014, riportando ricavi per 13 miliardi di dollari, in aumento rispetto all'anno precedente conclusosi con un fatturato pari a 12,2 miliardi di dollari.

Per maggiori informazioni: TEXAS INSTRUMENTS



Wall Street parla il gestore, lista titoli Jensen Quality Growth

Intervista MarketWatch al fund manager Rob McIver. Jensen Quality Growth Fund batte l'S&P 500 nel lungo periodo. Le 29 azioni buone per tutte le stagioni. Broadridge Financial Solutions e VF Corp. tra gli acquisti recenti.

Wall Street parla il gestore, lista titoli Jensen Quality Growth







Wall Street tutta in attacco, semiconduttori tra i grandi bomber

Nvidia compra Mellanox per 6,8 miliardi di dollari. Azioni comparto semiconduttori in grande spolvero. Nasdaq, Apple e Facebook ben viste dalle case di brokeraggio. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street tutta in attacco, semiconduttori tra i grandi bomber

STM: settore sotto la lente grazie ai server intelligenti

Stm rompe finalmente il canale ribassista che ha avvolto le quotazioni da mesi, spingendosi in prossimità dei 15 euro: dopo lo smaltimento delle scorte la domanda di memorie tornerà forte grazie ai server di nuova generazione.

STM: settore sotto la lente grazie ai server intelligenti

Wall Street sceglie 2 colori, forti chipmakers e compagnie aeree

Nyse, crollano i titoli della McCormick. Azioni chipmakers in denaro dopo le trimestrali. Luce verde sulle compagnie aeree. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street sceglie 2 colori, forti chipmakers e compagnie aeree

Wall Street contrastata. Shutdown: oggi il voto al Senato

Il mercato mostra un andamento incerto malgrado le buone indicazioni sui sussidi attesi ora altri dati macro. In serata i conti di Intel e Starbucks.

Wall Street contrastata. Shutdown: oggi il voto al Senato

Wall Street trimestrali a mercati USA chiusi, da Ford a Xilinx 

La trimestrale di Ford non incanta. Azioni Xilinx innestano il turbo in after hours. Texas Instruments, utili Q4 2018 oltre le attese.

Wall Street trimestrali a mercati USA chiusi, da Ford a Xilinx 

Wall Street ritrova subito il sorriso. Focus su conti e shutdown

Il mercato mostra una buona intonazione dopo la discesa di ieri, con un occhio al voto di domani al Senato e agli sviluppi Cina-Usa. Diversi i titoli da seguire.

Wall Street ritrova subito il sorriso. Focus su conti e shutdown

Borsa e Finanza: tante trimestrali Usa in arrivo oggi

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: tante trimestrali Usa in arrivo oggi

Wall Street, trimestrale IBM e fuoco di fila per il 23 gennaio

IBM Q4 2018, utili e ricavi oltre le attese, titolo vola in after hours. Le trimestrali del 23 gennaio prima dell'apertura di Wall Street, e dopo la chiusura ufficiale delle contrattazioni, con tanti chipmakers!

Wall Street, trimestrale IBM e fuoco di fila per il 23 gennaio

Piazza Affari: dopo le prime piogge arriverà anche il temporale?

Il Ftse Mib è stato respinto dai recenti massimi e ora sta mettendo in pericolo i primi supporti chiave: nuove vendite dietro l'angolo?

Piazza Affari: dopo le prime piogge arriverà anche il temporale?

Borse ad un test decisivo: diverse le trappole lungo il sentiero

Il rally messo a segno dagli indici azionari nelle ultime settimana è atteso ad un importante banco di prova. Tanti i temi caldi con cui fare i conti: le attese per le prossime sedute.

Borse ad un test decisivo: diverse le trappole lungo il sentiero

Wall Street, 8 Titoli in cash per un 2019 volatile-imprevedibile

Morningstar, i titoli top per cash flow. Otto titoli BUY con il mercato azionario USA volatile, da Adobe a Texas Instruments e passando per Honeywell. Per cavalcare un 2019 imprevedibile!

Wall Street, 8 Titoli in cash per un 2019 volatile-imprevedibile
apk