Trevi Finanziaria Industriale

Trevi Finanziaria Industriale S.p.A., operatore nel ramo dell'ingegneria del sottosuolo

Trevi Finanziaria Industriale S.p.A. è una holding finanziaria, appartenente al Gruppo Trevi. Il Il gruppo è specializzato nel ramo delle trivellazioni e perforazioni. L'azienda si occupa della costruzione di impianti di perforazione che vengono utilizzati nei pozzi per l'estrazione di idrocarburi (Oil e Gas) e dei servizi di ingegneria delle fondazioni per le costruzioni ed altro (Core Business).

L'operatore emiliano è composto dalla Trevi Finanziaria Industriale S.p.A., la quale funge anche da capolista e dalle aziende controllate:

  • Soilmec S.p.A., società che si occupa della produzione e distribuzione di attrezzature per l’ingegneria del sottosuolo;

  • Trevi S.p.A. attiva nel settore relativo all'attività di ingegneria del sottosuolo;

  • Drillmec S.p.A., azienda impegnata nella ricerca idrica e nella produzione e relativa commercializzazione di impianti per la perforazione di pozzi petroliferi (idrocarburi) e geotermici;

  • Petreven S.p.A. azienda attiva nei servizi di perforazione petrolifera e nel comparto drilling;

  • Trevi Energy S.p.A. comprende le attività di progettazione e sviluppo del ramo riguardante l'energia rinnovabile.

Le origini ed il suo pioniere

Le origini dell'azienda affondano nella città di Cesena del 1957, durante il boom edilizio, quando il giovane ed intraprendente Davide Trevisani, costituì l'Impresa Palificazioni TREVISANI Geom. DAVIDE. L'azienda si occupava della produzione di pali trivellati, utilizzati nel settore delle fondazioni, ovvero scavi.

Lo sviluppo

Negli anni successivi la società ha continuato a svilupparsi ed estendersi, specializzandosi nel settore delle trivellazioni e delle perforazioni, trasformandosi in una delle principali realtà del settore.

Alla fine degli anni Sessanta, l'azienda guidata dall'imprenditore Davide Trevisani e dai fratelli Gianluigi e Cesare Trevisani ha ampliato la propria attività, entrando nel comparto metalmeccanico. A tale scopo sono nate le aziende Drillmec, specializzata negli impianti meccanici petroliferi e Soliman (1969), attiva nella produzione di macchinari utilizzati per l'ingegneria del sottosuolo.

Nel 1983 la società trasforma la propria denominazione da Impresa Palificazioni Trevisani Geom. Davide a Trevi S.p.A..

Il gruppo ha continuato il lungo processo di espansione a livello internazionale, portando a termine diverse join venture come l'acquisizione della società nordamericana I.C.O.S. Boston, trasformandosi in uno dei principali operatori a livello mondiale nell'ingegneria del sottosuolo.

L'approdo in Borsa

Nel 1999 Trevi Finanziaria Industriale S.p.A., appartenente alla famiglia Trevisani, debutta sul mercato telematico della Borsa valori di Milano, nel segmento standard Il prezzo del collocamento è stato fissato a 2,9 euro per azione.

Successivamente la piccola multinazionale continua la propria crescita a livello globale, acquisendo diverse società tra le quali vanno citate l'azienda storica geotecnica Ing. Giovanni Rodio S.p.A. (2004), la società in Arabia Saudita, Arabian Soil Contractors Ltd. (2009), la società colombiana Galante S.A. (2009), la società statunitense Watson Inc (2009), l'azienda bielorussa OJSC Seismotekhnika, di cui detiene il controllo (2013) e la società nigeriana Foundation Construction Ltd (2013).

I principali dati economico fiscali

Trevi Finanziaria Industriale S.p.A. ha la propria sede principale a Cesena in Via Larga, 201. Il gruppo è presente a livello globale con filiali ed uffici in oltre 36 nazioni come il Venezuela, Argentina, Nigeria, Kuwait, Turchia, Brasile Stati Uniti. La forza lavoro complessiva è costituita da circa 5.800 dipendenti.

La società è quotata alla Borsa Valori di Milano al segmento MTA, con il simbolo TFI.

Il gruppo romagnolo ha concluso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2014, riportando ricavi per 1,25 milioni di euro, in leggera flessione rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con un fatturato pari a 1,27 milioni di euro.

Per maggiori informazioni: TREVI FINANZIARIA INDUSTRIALE



Trevi Finanziaria Industriale (+1,8%): closing per lavori diga Mosul in poche settimane

Trevi Finanziaria Industriale (+1,8%) in verde dopo che ieri l'ambasciata italiana a Baghdad ha informato che il governo dell'Iraq ha "deciso nella seduta odierna di assegnare il contratto per la manutenzione urgente della diga di Mosul alla società italiana".

Trevi Finanziaria Industriale (+1,8%): closing per lavori diga Mosul in poche settimane

Borsa italiana in pesante flessione: Ftse Mib -3,05%. Bancari e petroliferi ancora sotto pressione, crolla Ferrari dopo dati 2015

Borsa italiana in pesante flessione: Ftse Mib -3,05%.

Borsa italiana in pesante flessione: Ftse Mib -3,05%. Bancari e petroliferi ancora sotto pressione, crolla Ferrari dopo dati 2015

Trevi Finanziaria Industriale (+2,4%): Gentiloni, aggiudicato contratto diga Mosul

Trevi Finanziaria Industriale (+2,4%) in verde: il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, ha comunicato che il gruppo si è aggiudicato il contratto per i lavori di messa in sicurezza della diga di Mosul in Iraq.

Trevi Finanziaria Industriale (+2,4%): Gentiloni, aggiudicato contratto diga Mosul

Trevi Finanziaria Industriale: rimbalzo al test della resistenza

Rallenta il rimbalzo che Trevi Finanziaria Industriale ha intrapreso dal minimo a 1,1890 euro di giovedì 21 gennaio.

Trevi Finanziaria Industriale: rimbalzo al test della resistenza

Il portafoglio ideale a Piazza Affari. I consigli di Mediobanca

In un mercato sempre più difficile da gestire vista la negatività che ci accompagna da inizio anno, sono preziose le indicazioni degli analisti che suggeriscono strategie long e short su vari titoli.

Il portafoglio ideale a Piazza Affari. I consigli di Mediobanca

Borsa italiana flette nel finale: Ftse Mib -1,58%. Bancari, FCA/Ferrari e petroliferi in netto calo

Borsa italiana flette nel finale: Ftse Mib -1,58%.

Borsa italiana flette nel finale: Ftse Mib -1,58%. Bancari, FCA/Ferrari e petroliferi in netto calo

Piazza Affari in verde: Ftse Mib +0,41%. Recuperano finanziari e lusso, petroliferi deboli

Piazza Affari in verde: Ftse Mib +0,41%.

Piazza Affari in verde: Ftse Mib +0,41%. Recuperano finanziari e lusso, petroliferi deboli

Massiccio rimbalzo per Trevi Finanziaria Industriale: in asta di volatilità a +15,18%

Massiccio rimbalzo per Trevi Finanziaria Industriale: in asta di volatilità a +15,18%.

Massiccio rimbalzo per Trevi Finanziaria Industriale: in asta di volatilità a +15,18%

Piazza Affari in netto ribasso: Ftse Mib -2,31%. Vendite generalizzare su tutti i comparti, bancari sotto pressione

Piazza Affari in netto ribasso: Ftse Mib -2,31%.

Piazza Affari in netto ribasso: Ftse Mib -2,31%. Vendite generalizzare su tutti i comparti, bancari sotto pressione

Trevi Finanziaria Industriale (-10,5% a 1,50 euro) accelera al ribasso

Trevi Finanziaria Industriale (-10,5% a 1,50 euro) accelera al ribasso e si avvicina a 1,40/1,45 euro, sostegni decisivi per mantenere integre le possibilità di prosecuzione del rally partito a metà dicembre in scia alle voci relative alla commessa per la diga di Mosul in Iraq.

Trevi Finanziaria Industriale (-10,5% a 1,50 euro) accelera al ribasso

Trevi Finanziaria Industriale rischia correzioni consistenti

Fisiologica pausa di riflessione nel rally di Trevi Finanziaria Industriale, movimento partito a metà dicembre in scia alle voci relative alla commessa per la diga di Mosul in Iraq.

Trevi Finanziaria Industriale rischia correzioni consistenti

Trevi Finanziaria Industriale punta a ricoprire il gap del 31 luglio

Trevi Finanziaria Ind (+1,31%) è tra i pochi titoli del listino milanese a essere in territorio positivo.

Trevi Finanziaria Industriale punta a ricoprire il gap del 31 luglio

In forte ribasso gli industriali dopo indici PMI manifatturieri cinesi

In forte ribasso gli industriali, penalizzati dai dati inferiori alle attese degli indici PMI manifatturieri cinesi.

In forte ribasso gli industriali dopo indici PMI manifatturieri cinesi

Borsa italiana, negativa l'ultima seduta del 2015: Ftse Mib -1,12%. Petroliferi e bancari sotto pressione

Borsa italiana, negativa l'ultima seduta del 2015: Ftse Mib -1,12%.

Borsa italiana, negativa l'ultima seduta del 2015: Ftse Mib -1,12%. Petroliferi e bancari sotto pressione

Piazza Affari debole: Ftse Mib -0,76%. Vendite su Buzzi Unicem, petroliferi e bancari

Piazza Affari debole: Ftse Mib -0,76%.

Piazza Affari debole: Ftse Mib -0,76%. Vendite su Buzzi Unicem, petroliferi e bancari

Trevi Finanziaria Industriale su massimi da cinque mesi

Trevi Finanziaria Ind (+4,84%) torna a crescere dopo una breve pausa.

Trevi Finanziaria Industriale su massimi da cinque mesi
apk