UBS

UBS, gruppo bancario svizzero

UBS è una società finanziaria d’investimento svizzera, attiva sia nel settore dei servizi rivolti ai privati, sia al commerciale, con duplice sede a Basilea e Zurigo. Nonostante le origini elvetiche, il gruppo si è espanso nel corso degli anni (specie negli Stati Uniti), crescendo comedivenendo istituto di punta in Svizzera. Qui UBS gestisce circa l’80% del totale del patrimonio svizzero, svolgendo attività retail, di investment banking, di wealth e asset management e corporate&institutional banking.

Le origini di UBS

Le origini di UBS risalgono al 1998, quando i due gruppi Banche Svizzere e Società di Banca Svizzera si fondono. Il nome UBS, indica appunto l’Unione dei due istituti elvetici.
Il logo che contraddistingue UBS, dato dall’unione di tre chiavi, risale al disegno del 1937 di Warja Honegger Lavater e simboleggia i tre valori cardine del gruppo: discrezione, fiducia, sicurezza.
Nel 2000 UBS acquisisce Paine Webber, gruppo americano che consente a UBS di penetrare il mercato USA più in profondità e divenire la maggiore banca privata mondiale.

La storia dell’Unione Banche Svizzere

L’istituto Società di Banca Svizzera (Swiss Bank Corporation) nasce nel 1854, dopo che 6 banche private si riuniscono a Basilea formando il Consorzio Bankwerein, posto a capo delle stesse. Nel 1871 il Consorzio Bankwerein, assieme con l’istituto tedesco Frankfurter Bankverein, diventa Società per Azioni e prende il nome di Basler Bankverein.

Nel 1897, dopo un periodo di difficoltà per la Germania ed una fase di importanti acquisizioni, la nuova Basler Bankverein cambia la propria denominazione in Società di Banca Svizzera (SBS) tornando al suo nome originario. Mutando nuovamente nome, il gruppo diventa Swiss Bank Corporation (SBC) nel 1917.

Parallelamente, nel 1862 Banca di Winterthur, assieme a Toggernburger Bank, intraprende la nuova attività di mediazione. Nel 1912 le due si fondono, dando origine alla futura Unione di Banche Svizzere. Nel 1917 UBS si trasferisce nella sua prima sede di Zurigo, in Bahnhofstrasse 45.

Gli sviluppi recenti

Nel 2005, a fronte di un piano organizzativo strategico, UBS vende la società Julius Baer e i tre istituti privati Banco di Lugano e Global Asset Management, Ehinger & Armand von Ernst e Ferrier Lullin & Cie..

Nel 2008, a seguito dello scoppio della crisi statunitense, UBS registra perdite per 19,7 miliardi di franchi, cui va ad aggiungersi la mancanza di fiducia della piazza che vede la banca svizzera coinvolta in accuse di evasione fiscale, per aver depositato fondi non dichiarati al fisco elvetico. Tale avvenimento è costato 690 milioni di franchi all’istituto, il corrispettivo di 780 milioni di dollari.

Curiosità

Nell’aprile 2005 UBS ha perso un processo che vedeva coinvolto il direttore della filiale di Warburg, accusato da una dipendente, la signora Zubulake, di discriminazione a sfondo sessuale e derisione per l’aspetto fisico. La mancanza di prove in mano alla difesa ha portato UBS a dover rimborsare 9,1 milioni di dollari per il danno e oltre 20 milioni di multa.

Principali dati finanziari

La società UBS ha sede in Svizzera, a Zurigo e Basilea e conta circa 60.200 dipendenti. Il gruppo è quotato sulle due piazze finanziarie di New York (col simbolo UBS) e Zurigo (col simbolo UBSN). Il gruppo ha concluso l’anno 2013 con ricavi pari a 39,5 miliardi di dollari, con un utile netto a 3,567 miliardi in crescita rispetto ai -2,71 miliardi del 2012.

Per maggiori informazioni: UBS



Gli asset migliori per i prossimi 6 mesi

La Brexit è stato solo l'ultimo tassello di una lunga storia di incertezza che è nata da tempo (a fasi alterne praticamente non se n'è mai andata dalla crisi del 2008) ma che si è manifestata in maniera eclatante nei primi 6 mesi di quest'anno. E i prossimi?

Gli asset migliori per i prossimi 6 mesi

Per Ubs il partner ideale di Fca è Peugeot Citroën

Da tempo Fca sarebbe in cerca di un un grande nome con cui fondersi per riuscire, a detta dello stesso Sergio Marchionne, amministratore delegato della società italiana, a rafforzarsi. Per Ubs il nome migliore è quello di Peugeot Citroën.

Per Ubs il partner ideale di Fca è Peugeot Citroën

Parità tra Euro e Sterlina dopo il 23 giugno. Parola di Ubs

La Brexit continua a tenere banco tra le paure degli analisti nonostante i sondaggi inizino a evidenziare un fronte dei separatisti in sensibile svantaggio.

Parità tra Euro e Sterlina dopo il 23 giugno. Parola di Ubs

L'Ue pensa a nuove norme su stop ai prelievi in caso di crisi

Secondo quanto riportato dal Financial Times, Bruxelles starebbe prendendo in considerazione l’idea di bloccare i pagamenti ai detentori di bond e la possibilità di effettuare prelievi da parte dei correntisti in caso di crisi di una banca.

L'Ue pensa a nuove norme su stop ai prelievi in caso di crisi

Piazza Affari sempre giù (-2,46%) ed Euro su. Quali i problemi?

La moneta unica è partita in rally contro il dollaro arrivando a toccare quota 1,16, il primo step di una scalata che gli analisti temono possa portare a 1,17.

Piazza Affari sempre giù (-2,46%) ed Euro su. Quali i problemi?

UBS: preparatevi alla selezione naturale delle banche in Europa

L'Europa è da tempo impegnata in una vera e propria lotta alla dipendenza dal settore bancario e, nello stesso tempo, al rafforzamento di un pilastro dell'economia continentale.

UBS: preparatevi alla selezione naturale delle banche in Europa

Alert degli analisti sulle trimestrali Usa: sarà un disastro

Già dalla scorsa estate era risultato chiaro ai più che la stagione degli utili delle società statunitensi era destinata a peggiorare col tempo.

Alert degli analisti sulle trimestrali Usa: sarà un disastro

Il 2016 sarà un anno di transizione: si punti sull'azionario

Per Ubs il prossimo anno sarà quello della transizione ovvero del cambio di rotta dopo anni di stasi dell'economia mondiale ma soprattutto di un miglioramento della crescita mondiale. Per questo motivo si dichiara favorevole ad un portafoglio che giochi ancora le sue strategie sull'azionario.

Il 2016 sarà un anno di transizione: si punti sull'azionario

Mps, Anima e Poste Italiane: l’accordo c’è. Il rally anche

L’accordo sembra essere interessante per entrambi i firmatari dal momento che permette ad Anima di sfruttare la capillare rete di distribuzione di Poste italiane su tutto il territorio nazionale e a Mps di incassare proprio adesso che si parla di un'extra sulla capitalizzazione.

Mps, Anima e Poste Italiane: l’accordo c’è. Il rally anche

Indici USA sui record? Cosa aspettarsi dal mese di marzo

Sono le idi di marzo e gli investitori iniziano a pensare a cosa accadrà da qui alla fine del primo trimestre 2015. Il mercato sembra un agnello, ma il tempo è un leone...

Indici USA sui record? Cosa aspettarsi dal mese di marzo

Titoli bancari europei: il focus su 5 nomi

La Banca che giudica altre banche: questa volta è stato il turno di Barclays andare a vedere quali siano le migliori occasioni attualmente attive nel settore bancario europeo. Tra i 5 nomi, due positivi e tre un po’ meno…

Titoli bancari europei: il focus su 5 nomi

4 titoli con prezzo target a rialzo (secondo UBS)

La banca elvetica UBS ha analizzato alcuni titoli del mercato USA nel corso della passata settimana, individuandone 4 in particolare.

4 titoli con prezzo target a rialzo (secondo UBS)

5 titoli di consumo con giudizio BUY

Per gli analisti, il comparto dei beni di consumo discrezionali presenta all'oggi buone possibilità di crescita. Ecco i nomi.

5 titoli di consumo con giudizio BUY

4 azioni svizzere che beneficeranno (forse) del super franco

Tanto si è parlato del franco svizzero e altrettanto si è detto del suo impatto sulla dinamiche finanziarie e speculative. Chi ne beneficia?

4 azioni svizzere che beneficeranno (forse) del super franco

3 titoli bancari europei pronti al decollo (oltre il 20%)

Banche europee? Sì, grazie. Con il 2015 in fase d’inizio e la possibilità di QE all’orizzonte, l’Europa si organizza in termini finanziari. Ecco tre istituti sui quali porre l’attenzione.

3 titoli bancari europei pronti al decollo (oltre il 20%)

BUY e SELL per 7 settori: l'analisi di mercato per il nuovo anno

Nuovo anno e nuove analisi: a prendere in considerazione il mercato del 2015 è stata Société Générale, che, oltre ad indicare i 7 settori da tenere sotto controllo, ha rilevato alcuni titoli per ognuno di essi dall’elevato potenziale.

BUY e SELL per 7 settori: l'analisi di mercato per il nuovo anno
apk