Unicredit

Unicredit S.p.A., gruppo finanziario internazionale

Unicredit S.p.A. è un gruppo finanziario italiano, una delle principali banche del mercato europeo, che è presente in oltre 22 nazioni con circa 9.500 filiali. La banca si rivolge ai privati e alle piccole medie imprese ed offre una serie di servizi personalizzati che spaziano dal private banking al corporate banking.

Le origini ed il francescano Michele Carcano da Milano

Il gruppo bancario affonda le sue antiche origini a Bologna nel lontano 1473, quando venne costituito Mons Pietatis Bononiensis, ovvero il Monte di Pietà di Bologna (Rolo Banca), grazie all'iniziativa dei francescani osservanti e del frate francescano Michele Carcano da Milano.

Da Monte di Pietà a banca

Soltanto nel 1898, con l'ammissione di una legislatura speciale, il Monte di Pietà venne riconosciuto come istituto con duplice attività: di beneficenza e di credito. Ciò permise alla congregazione di sviluppare l'attività nel segmento bancario e nel 1925 venne identificato come Monte di Credito su pegno. Nel periodo post bellico cambiò la sua denominazione inizialmente in Banca del Monte di Bologna per poi mutare in Banca del Monte di Bologna e Ravenna. A seguito di varie fusioni con istituti di credito (come Credito Romagnolo), la banca nel 1996 cambia denominazione in Rolo Banca 1473.

La costituzione di Unicredit

Nel 1998 viene costituita la Unicredito Italiano S.p.A.con sede iniziale a Bologna, che nel 2008, cambia la sua denominazione sociale in Unicredit S.p.A a seguito delle fusioni e relativa aggregazione delle banche:

  • Unicredito costituito da: Cassamarca, Cassa di Risparmio di Trieste (1999), Cassa di Risparmio di Torino, Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto (1999) e Cariverona (Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona.

  • Gruppo Credito Italiano formato dalla Rolo Banca 1473 (Cassa di Risparmio di Modena, Credito Romagnolo, Banca del Monte di Bologna e Ravenna, la quale nello stesso anno acquisì anche la Banca Popolare del Molise) e dal Credito Italiano.

L'espansione all'estero

L'anno successivo il gruppo bancario inizia ad espandersi sui mercati europei, attraverso una serie di acquisizioni come la banca polacca la Banck Pekao, la banca bulgara BulBank, la Zagrebacka Banka (Croazia), la Živnostenskå Banka (Republica Ceca) e altre.

Nel 2003 Unicredito Italiano riorganizza il core business societario, attraverso il progetto S3 dividendo le attività in 3 filiere: il settore che si occupa dei privati e delle piccole imprese (retail), il ramo del private Banking e quello relativo all'Asset managment.

Nel 2005 il gruppo bancario italiano porta a termine l'acquisizione della banca tedesca
HypoVereinsbank AG, facente parte del gruppo HVB - Group, ricoprendo così un ruolo rilevante sui mercati europei.

Unicredit, principale gruppo bancario nazionale

Nel corso del 2007 Unicredit ha concluso l'accordo di fusione con il gruppo bancario Capitalia S.p.A. (nato dalla fusione di Bipop Carire e Banca di Roma), diventando così il principale gruppo bancario italiano.

La crisi finanziaria

Nel 2008 la crisi finanziaria dei mercati globali colpisce duramente principalmente il settore bancario, ed il consiglio di amministrazione presieduto da Alessandro Profumo si trova costretto a rafforzare la liquidità, attraverso il primo aumento di capitale pari a 3 miliardi di euro e l'anno successivo viene ripetuta la stessa operazione con un aumento di capitale di 4 miliardi di euro.

Le dimissioni di Alessandro Profumo

Nel settembre del 2010 l'amministratore delegato Alessandro Profumo annuncia le sue dimissioni, a causa di dissapori creatasi con i principali azionisti dell'istituto italiano, ma soprattutto di quelli tedeschi, per la gestione del gruppo.

Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit

Nello stesso mese Alessandro Profumo viene sostituito da Federico Ghizzoni (nato a Piacenza nel 1955), già presente nell'azienda come responsabile area dell'Europa centro orientale.

Unicredit S.p.A. cerca di migliorare la situazione apportando delle semplificazioni nella gestione dell'impresa ed attraverso la riorganizzazione societaria, ma la crisi finanziaria ed il progressivo ribasso delle azioni societarie, non aiutano il gruppo.

Il consiglio di amministrazione presenta il nuovo piano industriale 2012 - 2015, dove la banca si trova costretta ad approvare l'aumento di capitale sociale pari a 7,5 miliardi di euro. Questa manovra provoca nel gennaio del 2012 il crollo del titolo, che segna il -37% in soli 3 giorni.

Nello stesso anno e precisamente nel mese di agosto secondo il quotidiano londinese Financial Times, l'istituto italiano viene inserito nella black list delle banche internazionali, causa: il sospetto di violazione dell'embargo in Theran.

I principali dati economico finanziari di Unicredit

Il gruppo Unicredit S.p.A. ha la direzione generale a Milano in Piazza Cordusio ed è è quotata presso la Borsa valori di Milano, nel segmento FTSE MIB, con il simbolo UCG.

La banca ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2012, con una perdita pari a 553 milioni di euro, segnata soprattutto dagli accantonamenti sui crediti, che sono triplicati nell'arco del 2012 raggiungendo la somma di 4,6 miliardi di euro. A marzo la sussidiaria tedesca Unicredit Bank Ag ha predisposto la distribuzione di 2,5 miliardi di euro (facenti parte del corrispettivo dell'acquisizione della tedesca Hvb), 1,5 miliardi per la distribuzione del dividendo e 1 miliardo di euro, destinato alla riserve.

Per maggiori informazioni: UNICREDIT



Conviene comprare adesso azioni Unicredit?

Con la batosta di oggi Unicredit aggiorna il calo da metà luglio al 22% e si appresta a superare i minimi registrati ad agosto 2016, eppure non mancano analisti ed investitori che apprezzano le mosse recenti del management mettendo in evidenza un valore intrinseco oltre i 13€.

Conviene comprare adesso azioni Unicredit?

Borsa italiana in forte ribasso e spread in accelerazione su timori voto anticipato. FTSE MIB -1,61%

Borsa italiana in forte ribasso e spread in accelerazione su timori voto anticipato.

Borsa italiana in forte ribasso e spread in accelerazione su timori voto anticipato. FTSE MIB -1,61%

Bancari in forte ribasso, pesa balzo rendimenti e spread: FTSE Italia Banche -4%

Bancari in forte ribasso penalizzati dal balzo di rendimenti e spread.

Bancari in forte ribasso, pesa balzo rendimenti e spread: FTSE Italia Banche -4%

UniCredit in asta di volatilità (teorico -4,93%)

UniCredit in asta di volatilità (teorico -4,93%).

UniCredit in asta di volatilità (teorico -4,93%)

Reazione in extremis per Unicredit

Unicredit mette a segno una reazione dai minimi di oggi a 9,648 euro e tenta di conservare intatta, almeno in chiusura di seduta, la trend line rialzista disegnata dai minimi di luglio 2016 e passante da quelli di dicembre 2018, ora in area 9,80 (attualmente il titolo vale 9,85 euro circa).

Reazione in extremis per Unicredit

Unicredit cauto dopo il tonfo. Un buon momento per comprare?

Unicredit resta indietro rispetto al mercato all'indomani della trimestrale che ha deluso le attese. Gli analisti mettono mano a target price e stime, ma restano bullish sul titolo.

Unicredit cauto dopo il tonfo. Un buon momento per comprare?

Piazza Affari prosegue in territorio positivo

Piazza Affari mantiene i guadagni fatti segnare in avvio di scambi.

Piazza Affari prosegue in territorio positivo

Analisi del sottostante: Unicredit

Unicredit ha rivisto al ribasso la stima sui ricavi 2019, a 18,7 miliardi dai 19 miliardi precedenti.

Analisi del sottostante: Unicredit

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Ftse Mib: quadro critico. Verso un rimbalzo? I titoli nel mirino

Il Ftse Mib potrebbe dare vita ad un recupero che fino a certe soglie di prezzo non lo metterebbero ancora al riparo da ulteriori scossoni. La view di Pietro Origlia.

Ftse Mib: quadro critico. Verso un rimbalzo? I titoli nel mirino

Piazza Affari in rosso, segue Wall Street

Le Big Bank ed i petroliferi affossano Piazza Affari. Sorprende la trimestrale di Banco BPM. Wall Street va in negativo e Milano ne risente.

Piazza Affari in rosso, segue Wall Street

Piazza Affari peggiore in Europa appesantita da UniCredit, volano i BTP. FTSE MIB -0,45%

Piazza Affari peggiore in Europa appesantita da UniCredit, volano i BTP.

Piazza Affari peggiore in Europa appesantita da UniCredit, volano i BTP. FTSE MIB -0,45%

Piazza Affari: ancora a rischio nuovi crolli. I titoli up e down

Il Ftse Mib deve assolutamente tenere un supporto chiave oral al cui rottura aprirà le porte ad ulteriore negatività. L'analisi di Enrico Malverti.

Piazza Affari: ancora a rischio nuovi crolli. I titoli up e down

UniCredit tocca i minimi da febbraio dopo parole CEO su piano e crescita

UniCredit accelera al ribasso -5,5% e tocca i minimi da febbraio dopo le parole del CEO Jean Pierre Mustier nella conference call di presentazione dei risultati al 30 giugno.

UniCredit tocca i minimi da febbraio dopo parole CEO su piano e crescita

Piazza Affari scivola in territorio negativo, UniCredit sotto pressione. FTSE MIB -0,41%

Piazza Affari scivola in territorio negativo, UniCredit sotto pressione.

Piazza Affari scivola in territorio negativo, UniCredit sotto pressione. FTSE MIB -0,41%
apk