Crypto.Com è il nome che sta dietro a un impero nel mondo delle criptovalute il quale cresce senza sosta giorno dopo giorno, tanto da sembrare inarrestabile.

Proprio come Binance anche qui esiste l'exchange, la criptomoneta e una blockchain strettamente connessa al marchio, creando un ecosistema di tutto rispetto.

Fino a oggi infatti, non sono molti gli exchange che hanno dato vita alla loro chain e possono vantare una moneta del valore di CRO per capitalizzazione.

Questo porta ovviamente ad accendere dei riflettori abbastanza luminosi su Crypto.Com, la quale continua a muoversi davvero molto bene in un mercato ricco di competizione.

Per capire se si tratti di fuffa o se effettivamente la casa goda di solide fondamenta, occorre andare a scomporre le parti e prenderle in esame una per una con attenzione.

Essendo così strettamente interconnesse, avere uno o più punti deboli potrebbe causare lo scioglimento del progetto come neve al sole, sotto i colpi della concorrenza.

Sebbene in pochi possano vantare questa completezza, quelli che ci sono sanno il fatto loro e, anche chi è rimasto indietro non sta certo fermo a guardare.

Per questo, prima d'investire o tenersi alla larga da Crypto.Com, è bene andare a cercare tutte le informazioni possibili e trarre le proprie conclusioni.

In questo video Riccardo Zanetti spiega in dettaglio come cominciare fin da subito ad acquistare criptovalute sull'app di Crypto.Com e come utilizzare la sua carta che dà diritto a corposi cashback.

Un modo fantastico per spendere risparmiando e investire nel mondo cripto allo stesso momento senza il minimo sforzo. Sicuramente una delle piattaforme più semplici in assoluto che s'impara in una manciata di minuti.


Crypto.Com exchange

Crypto.Com ha una piattaforma (due in realtà) per comprare e vendere criptovalute in modo semplice e rapido, in appena pochi semplici clic.

Se si volesse essere precisi, occorrerebbe dire che esiste l'exchange vero e proprio per i trader oltre un'app molto semplificata per gli holder.

Entrambi hanno le loro funzioni specifiche e sono più adatti o meno per determinate cose, ma resta il fatto che godono di un'affidabilità top.

Nel panorama delle criptovalute, Crypto.Com risulta sicuramente uno dei nomi principali a cui affidarsi se si vogliono comprare e vendere asset in sicurezza, evitando truffe o altri problemi.

Sebbene gli exchange siano davvero moltissimi, quelli che possono garantire lo stesso livello generale sono una manciata appena, il che stringe il cerchio di parecchio.

Quindi per comprare e vendere criptovalute Crypto.Com è la migliore? No, ma ci va vicino in certi casi.

Una critica che va mossa è la mancanza di molte cripto anche importanti, cosa che limita molto l'investitore che vuole buttarsi su asset emergenti.

Secondo l'exchange e l'app non hanno le stesse coin listate, cosa che genera molta confusione oltre che frustrazione quando si vuole comprare una moneta che sta dall'altra parte.

In ultimo, molti altri esponenti hanno tutti i servizi integrati in un'unica app, fornendo un pacchetto completo e di più semplice fruizione. Ovviamente sono problemi risolvibili, ma la rendono una soluzione non sempre ideale.

La moneta di Crypto.Com CRO

CRO è la moneta nativa dell'exchange Crypto.Com e quella che, dal momento della sua messa in servizio, è diventata carburante della Cronos chain.

I fondamentali della stessa sono abbastanza buoni, poiché vi sono alti incentivi per detenerla, cosa che aiuta a far salire il valore generale che ha sul mercato.

La piattaforma infatti offre la possibilità d'ottenere una carta di debito che funziona attraverso il conto che si ha su Crypto.Com, pagando con gli Euro depositati.

Maggiore è il numero di CRO che si hanno bloccati, maggiore sarà la percentuale di cashback alla quale si ha diritto utilizzando tale carta per le spese quotidiane.

Si passa da un semplice 1% per chi non ha nulla a un corposo 5% con altri tipi di benefit per chi ha centinaia di migliaia di Dollari bloccati in CRO.

Ovviamente questo è davvero un ottimo incentivo per spingere un numero sempre maggiore di persone a mantenere una fetta in CRO, ma comporta anche degli svantaggi.

Cashback così sostanziosi e una tendenza generale dell'exchange a dare un sacco di CRO per svariati motivi, come tramite un bonus per chi fa iscrivere un amico, porta anche a una certa diluizione della moneta.

Il fatto che sia ora associato a una chain che lo utilizza come carburante e lo brucia poco a poco nel tempo, aiuta sicuramente a far lievitare il prezzo contenendo l'inflazione.

La Cronos Chain

La Cronos chain è una seconda blockchain associata alla Crypto.Org (quella principale), le quali si potrebbero facilmente riassumere come due facce della stessa medaglia.

In pratica, al fine di dare un utilizzo più specifico a ognuna di esse, l'azienda ha deciso di utilizzarne due in parallelo e strettamente comunicanti tra loro.

Sulla Cronos verrà sviluppata la De-Fi e le Dapp che sono indispensabili per il mondo delle criptovalute odierno mentre, sull'altra, vengono fatte le transazioni monetarie.

Questo è un sistema molto simile a quello usato da Binance, il quale anch'esso integra due chain seppur con qualche leggera differenza.

In ogni caso, per dare un parere sull'effettiva bontà della Cronos, è ancora un po' presto in quanto è nata davvero da una manciata i giorni e deve ancora veder sbocciare molti progetti.

Per ora si può dire che le premesse sono davvero ottime visto che sarà interoperabile tra le altre blockchain (fuori dall'ecosistema Crypto.Org) e ha un'azienda alle spalle davvero importante.

Da qui in avanti però non è possibile spingersi in ulteriori previsioni dato che, a conti fatti, oggigiorno la concorrenza tra le blockchain inizia a farsi abbastanza importante.

Sempre più catene vedono la luce con fondamentali più o meno solidi ma, a conti fatti, le buone premesse non sempre portano ai risultati sperati.

Il marketing di Crypto.Com

Se c'è qualcosa che ha veramente fatto una sostanziale differenza nel progetto Crypto.Org, è il marketing che ha spinto questo nome sulla bocca di molte persone.

Per prima cosa, sulla vettura di Formula 1 pilotata da Sebastian Vettel (4 volte campione del mondo) si può scorgere il logo piazzato in bella vista.

Questo in un primo momento perché, poco dopo, è poi diventata partnership della Formula 1 stessa e il suo marchio è presente ora in tutti i circuiti.

Un altro punto di grande notorietà l'ha segnato quando ha comprato il diritto di rinominare lo stadio dei Lakers, la nota squadra di basket di Los Angeles.

Restando su realtà locali, la Serie A di calcio è partner proprio con questa società, con la possibilità che milioni d'italiani appassionati del pallone la scoprano.

Si potrebbe andare avanti per ore elencando tutti gli accordi segnati a destra e sinistra da Crypto.Org, ma non ha davvero senso perdere tempo con questo.

Il punto è far capire quanto stia spingendo forte nel panorama delle criptovalute, andandosi a cercare nuovi clienti direttamente a casa loro in ogni angolo del mondo.

Difficile incontrare qualcuno che si stia muovendo altrettanto bene in questo ambito, sicuramente impossibile se si guarda alla forza economica di questi accordi.

Ovviamente il marketing non è tutto ma, per chi ha solide basi oltre che il proprio nome visibile ovunque, la strada verso il successo appare più in discesa che mai.

Crypto.Com è un buon investimento?

Partendo dal fatto che nessuno di quelli che seguiranno vogliono essere consigli finanziari, si può comunque decidere di speculare un po' su quelle che sono le potenzialità del token CRO.

Sicuramente il primo fattore è la popolarità dell'exchange il quale viene pompato fortissimo ai quattro venti, attirando potenziali nuovi utilizzatori e compratori del token.

A questo va aggiunto che, essendo la benzina della chain, è finalmente stato introdotta anche una variabile deflattiva (o almeno meno inflattiva) della moneta.

Di contro vanno però fatte notare le dinamiche molto inflattive della stessa, la quale viene erogata in grosse quantità tramite i cashback ai clienti della carta.

Certo, è vero che si è portati ad accumularne sempre più per metterli a rendita e ottenere maggiori benefit, ma resta comunque un sistema in parte fallace.

L'exchange stesso si sta muovendo abbastanza bene, facendo in modo che il marketing porti i potenziali clienti a un prodotto di qualità, ma rimane un po' sottotono rispetto a nomi più blasonati come Coinbase o, meglio ancora, Binance.

La Cronos chain, seppur molto promettente, è ancora un grosso punto interrogativo dalla quale ci si aspetta molto ma è ancora presto per pretendere qualcosa.

Insomma, le potenzialità sono davvero alte e le criticità poche, ma tutto dipende dal tempismo e dalla capacità di trasformare tante belle parole in qualcosa di concreto.

Oggi i mercato delle criptovalute è ancora acerbo in molte sue parti, quindi non vi è alcun problema nell'essere in piena fase di sviluppo, ma il traguardo inizia a farsi vicino e, a quella data, non ci si potrà certo farsi trovare impreparati.