Pensate se nei negozi come Starbucks potremo pagare con un app di Bakkt: pagare un cappuccino con una porzione di un futures sul Bitcoin!

Non è una fantasiosa storiella, è una realtà che si concretizzerà il prossimo anno.

Bakkt, la società lanciata dal Intercontinental Exchange (Società primaria della New York Stock Exchange), ha annunciato che creerà un applicazione che supporterà i pagamenti in criptovalute per acquisti in vari negozi e catene commerciali.

La piattaforma non solo snellirà il lavoro con transazioni veloci e con meno spese accessorie, ma darà una spinta maggore agli acquisti.

 

Questo può danneggiare Bitcoin?

Sinceramente a questa domanda risponderei di no, anzi effettivamente dovrebbe attivare un processo di globalizzazione dei pagamenti ed espansione del mercato delle criptovalute.

Tutti coloro che avranno future sul Bitocin come investimento, altre cripto nel wallett o altri tipi di servizi che Bakkt offrirà alla propria clientela, diventeranno portafoglio virtuale dove pagare concretamente nei negozi che aderiranno all'iniziativa.

Da un certo punto di vista chi non investirebbe sulla piattaforma di Bakkt dal momento che si può avere una sicurezza sul deposito effettuato?

Parliamo, infatti, di criptovalute, ed un'applicazione che può essere usata per fare la spesa tutti i giorni, per fare colazione o per prelevare soldi in un ATM è una cosa allettante.