Il ritorno della volatilità, l'interesse crescente degli investitori istituzionali, ed i mercati azionari a rischio di correzione. Sono queste, secondo Omkar Godbole sul sito coindesk.com, le tre ragioni per cui molto presto, sul mercato delle criptovalute, il Bitcoin (BTC) potrebbe toccare e superare la quota dei 10.000 dollari.

Prezzi Bitcoin sui massimi dallo scorso 24 giugno 

Nel dettaglio, le attese rialziste di breve termine sul Bitcoin (BTC) sono alimentate dal superamento, in queste ore, della soglia dei 9.500 dollari, per la precisione con un massimo a $ 9.551 che è per l'oro digitale il massimo dal 24 giugno scorso, ovverosia da un mese a questa parte.

Aumentano le posizioni aperte in futures BTC

I movimenti del Bitcoin (BTC), nelle ultime 24 ore, potrebbero essere il preludio all'uscita dell'oro digitale dalla lunga fase laterale anche perché, riporta altresì il redattore di coindesk.com, le posizioni aperte in futures Bitcoin, quotati al Chicago Mercantile Exchange (CME), sono in aumento a conferma dell'interesse crescente su BTC da parte degli istituzionali.

Quotazioni Bitcoin e mercati azionari, c'è una correlazione inversa?

Per quel che riguarda invece la correlazione tra il rialzo dei prezzi del Bitcoin (BTC), ed una nuova possibile caduta dei mercati azionari, Omkar Godbole pone l'accento sul fatto che i rischi di caduta dei listini ci sono perchè l'azionario è tornato sui massimi, nonostante la pandemia di coronavirus sia ancora drammatica, ma anche perché il dollaro si sta indebolendo e le tensioni USA-Cina persistono. Inoltre, quello in corso negli Stati Uniti è un anno elettorale, e quindi il mercato azionario americano, almeno fino a tutto ottobre 2020, potrebbe scontare le incertezze sull'esito delle presidenziali.