Dopo i pesanti rialzi della scorsa settimana, Bitcoin (BTC) sta attraversando una fase interlocutoria che lo porta ora a scambiare lateralmente.

La volatilità resta tuttavia elevata e gli investitori attendono con ansia la prossima mossa del mercato.

Nella giornata di ieri la regina delle criptovalute ha aggiornato i massimi annuali sfiorando quota 5.500 dollari, ma ha poi chiuso la seduta a livelli più bassi e con un rialzo dell'1.80%; le contrattazioni si sono aperte a 5.217,1 e chiuse a 5.310,1 dollari.

Nella seduta odierna il mercato sta scambiando in negativo del 2%, con un minimo toccato sotto i 5.000 dollari.

Il quadro tecnico attuale resta comunque positivo e fino a quota 5.750 dollari non ci sono resistenze significative.

Una chiusura al di sotto dei 4.900 dollari farebbe sorgere però più di un dubbio sulla prosecuzione dell'attuale trend e a quel punto il supporto a 4.200 sarebbe l'ultima ancora di salvezza del mercato.

Le prossime resistenze segnalate sono a 4.500, 4.900, 5.750, 6.200, 6.800, 7.000, mentre a livelli più bassi troviamo supporti a 4.900, 4.500, 4.200, 4.00 3.700, 3.500, 3.000, 2.800 (minore) e 2.500 dollari.

Per chi volesse acquistare Bitcoin

Segnale scattato con il recupero di quota 4.200 dollari (23 febbraio); stop loss a 3.700 e primo target a 4.900 (raggiunto il 2 Aprile) ed in estensione 5.750 e 6.200 dollari.

Per chi detiene attualmente Bitcoin

Mantenere le posizioni

Per chi volesse vendere Bitcoin

Attendere il breakout di quota 4.200 dollari; stop loss a 4.900 dollari e primo target a 3.700 dollari ed in estensione 3.000 dollari.