Tra poco meno di due settimane El Salvador diventerà il primo paese ad adottare i bitcoin come valuta nazionale, assumendosi tutti i rischi del caso.

In tutto il paese sono stati già installati 200 sportelli automatici che permetteranno ai cittadini di convertire i dollari in bitcoin. Dal 7 settembre entrerà infatti in vigore la legge secondo la quale ad El Salvador le monete ufficiali saranno due: dollari e bitcoin.

El Salvador: il primo paese al mondo ad aver reso il bitcoin una moneta a corso legale

Già a giugno scorso, El Salvador ha annunciato che avrebbe concesso lo status di moneta a corso legale al bitcoin , con l'obbiettivo primario di aiutare i salvadoregni che vivono all'estero ad inviare le rimesse a casa con meno costi e più facilmente. Le rimesse estere, infatti, valgono più del 26% del Pil del paese.

Ora, il governo salvadoregno si sta preparando a fare un ulteriore passo avanti con l'installazione di centinaia di nuovi bancomat bitcoin in tutto il paese.

In un post su Twitter di domenica, il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha affermato che i clienti saranno in grado di convertire le loro partecipazioni in bitcoin in dollari statunitensi non appena la criptovaluta diventerà ufficialmente la moneta a corso legale del paese.

A El Salvador sono stati installati 200 ATM Bitcoin

Nel tentativo di rendere tutto più facile sonos stati installati 200 bancomat bitcoin e aperte 50 filiali che accettano gli scambi tra fiat e criptovalute.

I nuovi ATM bitcoin saranno in grado di accettare prelievi e depositi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e ai clienti non verranno addebitate commissioni di transazione.

L'ampia accettazione di bitcoin consentirà inoltre ai salvadoregni di inviare rimesse alle loro famiglie dall'estero, aggirando le tasse colossali tipicamente associate alle società di servizi finanziari come Western Union. Ed era questo l'obbiettivo principale del Governo.

Il presidente Bukele difende a spada tratta la scelta di utilizzare Bitcoin

Secondo alcuni economisti, questa scelta rischia di distruggere completamente l'economia già precaria del paese, ma il presidente difende a spada tratta la sua scelta.

"Adottare bitcoin come moneta a corso legale ci mette sulle montagne russe", afferma Carlos Acevedo, un economista che è stato governatore della banca centrale di El Salvador dal 2009 al 2013.

Il presidente Nayib Bukele invece è convinto della bontà di questa scelta e ha affermato che l'adozione di bitcoin aiuterà ad attrarre investimenti stranieri, servirà a promuovere servizi finanziari sempre più economici e ridurrà il costo di invio e ricezione delle rimesse, che ha raggiunto un massimo di quasi 6 miliardi di dollari l'anno scorso. 

L'obbiettivo principale del giovane presidente è attirare investitori stranieri che possano portare avanti progetti per utilizzare l'energia geotermica dai vulcani per fornire le grandi quantità di elettricità necessarie per creare le criptovalute.

L'idea è quella di costruire un centro minerario attorno ad un vulcano per sfruttare tutta l'energia geotermica necessaria.

"Porterà inclusione finanziaria, investimenti, turismo, innovazione e sviluppo economico per il nostro Paese", ha detto Bukele in un tweet poco prima del voto al Congresso.

Nel paese, il governo ha anche deciso di concedere la cittadinanza agli stranieri che dimostreranno di aver investito in almeno tre bitcoin

Secondo la legge salvadoregna, i bitcoin saranno utilizzati per fare acquisti di beni e servizi e anche per pagare le tasse.  

Bukele è stato in grado di far approvare la legge con l'aiuto dei suoi alleati al Congresso.

Quali sono le prospettive per El Salvador dopo l'adozione del bitcoin come valuta?

Il presidente Bukele ha annunciato che il suo paese avrebbe adottato la criptovaluta durante una conferenza Bitcoin sabato.

Il presidente è convinto questo sia un modo per incoraggiare gli investimenti stranieri in El Salvador, affermando che se solo l'1% del Bitcoin mondiale fosse investito nel paese, "il PIL aumenterebbe del 25%".

El Salvador è un paese a basso reddito che fa affidamento sulle rimesse dei cittadini all'estero. Si spera che l'adozione della valuta blockchain faciliti e riduca i costi di tali trasferimenti. Il paese utilizza i dollari degli Stati Uniti come valuta ufficiale.

Il lancio di Bitcoin sarà gestito dall'app di pagamenti mobili Strike, che ha recentemente debuttato in El Salvador.

Bukele ha affermato che la maggioranza nel paese non ha conti bancari tradizionali e che la nuova legge consentirà alle persone di creare portafogli digitali online con solo uno smartphone.

Tuttavia, il valore di Bitcoin rimane volatile e questa caratteristica intrinseca potrebber renderlo inadatto ad essere utilizzato per pagare beni di prima necessità come cibo e affitto. Il valore di Bitcoin è diminuito di oltre $ 25.000 (20.500 €) da quando ha toccato massimi di quasi $ 65.000 all'inizio di quest'anno.

Solo il temop potrà dire quali conseguenze avrà questa innovativa scelta di El Salvador.