In un mondo pieno di criptovalute concorrenti, è raro trovare un progetto che dia la priorità a un approccio lento e metodologico allo sviluppo delle funzionalità. Eppure, Cardano ha trovato un successo significativo percorrendo questo esatto percorso.

Fondata nel 2015, Cardano mira a fornire una piattaforma blockchain decentralizzata basata interamente sulla ricerca peer-reviewed. Spesso si proclama anche una rete di criptovalute di "terza generazione", basandosi sui fondamenti precedentemente stabiliti da Bitcoin ed Ethereum, così come spiegato su investimentimagazine.it

Cardano e la sua criptovaluta nativa ADA hanno recentemente acquisito maggiore attenzione come uno dei numeri crescenti di blockchain proof-of-stake in costruzione nell’ambiente crypto. Il progetto Cardano definisce il proprio protocollo come una “blockchain di terza generazione” destinata ad abilitare smart contract con future applicazioni di controllo qualità e governance della filiera.

Nonostante il grande successo riscosso nell'ultimo anno non può essere ancora considerata una vera e propria valuta, come i sui cugini più anziani Ethereum e Bitcoin, ma più come una vera e propria infrastruttura blockchain. Come spiega coinlist.me

Cardano consente il trasferimento di valore attraverso una programmazione complessa, utilizzando la sua rete blockchain, non può essere strettamente considerato come una valuta a causa della liquidità e dei limiti di accettazione. È più un'infrastruttura blockchain in cui gli sviluppatori possono creare contratti intelligenti e applicazioni che soddisfano le loro esigenze. Detto questo, ADA può essere scambiato con altre criptovalute più popolari come Bitcoin o Ethereum che sono ampiamente accettate come modalità di pagamento valide.

Quindi cosa rende unica la piattaforma Cardano e perché è tra le criptovalute più preziose al mondo? Scopriamolo

Cos'è Cardano?

Come spiegato sul sito ufficiale cardano.org

Cardano è una piattaforma blockchain per changemaker, innovatori e visionari, con gli strumenti e le tecnologie necessarie per creare possibilità per molti, così come per pochi, e portare un cambiamento globale positivo.

Cardano si posiziona come un rivale di Ethereum, in parte perché intende offrire la stessa funzionalità, con alcuni notevoli miglioramenti. Entro la fine del 2021, la piattaforma mira ad aggiungere il supporto per contratti intelligenti e applicazioni decentralizzate. Come riportato da cryptoeccetera.com

Ambisce ad essere un ecosistema che permetta a chi vuole di costruire dApps. Questo obbiettivo è ora sempre più vicino

La principale caratteristica di differenziazione di Cardano è quindi il modo in cui gestisce le nuove transazioni. Più specificamente utilizza il meccanismo di consenso Proof of Stake per la verifica delle transazioni, che è di diversi ordini di grandezza più veloce del Proof of Work di Bitcoin ed Ethereum. 

In poche parole, tuttavia, Cardano è orgoglioso della sua efficienza e capacità di superare la maggior parte delle altre piattaforme blockchain. A tal fine, viene spesso descritta come una piattaforma blockchain di terza generazione, insieme ad altri progetti come Polkadot. 

La piattaforma blockchain Cardano è stata concettualizzata per la prima volta nel 2015 da Charles Hoskinson, uno dei co-fondatori originali di Ethereum.

In particolare, Hoskinson ha smesso di lavorare su Ethereum dopo una disputa interna sulla direzione del progetto. Vitalik Buterin, l'altro co-fondatore, ha sostenuto che Ethereum dovrebbe essere strutturato come un'organizzazione senza scopo di lucro, mentre Hoskinson ha esercitato pressioni per un approccio incentrato sul commercio. Alla fine, Buterin ha prevalso ed è nata la Fondazione Ethereum senza scopo di lucro.

Sapendo questo, non sorprende che condivida gli obiettivi di Ethereum in misura significativa. Cardano ha anche una criptovaluta nativa, chiamata ADA che può essere utilizzata come investimento, trasferimento di valore e pagamenti per funzioni sulla blockchain, come le commissioni di transazione. Da metà del 2021 ADA è comodamente una delle più grandi valute digitali sul mercato.

Cosa rende Cardano speciale?

Il principale punto di forza di Cardano è che il suo sviluppo segue prove e metodi basati sulla scienza. Ciò significa che ogni singola proposta o modifica alla piattaforma si basa su documenti di ricerca sottoposti a revisione paritaria. Questo è in qualche modo unico nel settore delle criptovalute poiché la maggior parte dei progetti incorpora cambiamenti basati sul feedback della comunità.

Finora, oltre 110 articoli di ricerca sono stati pubblicati da IOHK, la società che supervisiona lo sviluppo.

Tenendo presente questo standard rigoroso, gli sviluppatori hanno ideato una tabella di marcia generale per la piattaforma nel 2015. Divisa in cinque fasi o epoche, la tabella di marcia porta Cardano da una semplice piattaforma solo token a una che supporta complesse app decentralizzate e governance autosufficiente.

Le cinque fasi di Cardano includono:

Byron: Fase 1 o Byron è stato rilasciato a settembre 2017 e ha rappresentato la prima versione di Cardano rilasciata al grande pubblico. Ha introdotto la criptovaluta ADA e il portafoglio desktop ufficiale Daedalus. Solo tre entità erano incaricate della verifica delle transazioni in questa fase, il che significava che Cardano era essenzialmente centralizzata.

Shelley: Questa seconda fase si è concentrata sulla decentralizzazione di Cardano consentendo finalmente a chiunque di partecipare al processo di verifica della transazione. Ha anche reso ADA una criptovaluta altamente performante, riuscendo a elaborare migliaia di transazioni al secondo. Tutto questo è stato realizzato dal meccanismo di consenso Proof of Stake, soprannominato Ouroboros. Shelley è stato lanciato ufficialmente nel giugno 2020.

Goguen: la terza era mira a introdurre contratti intelligenti e applicazioni decentralizzate. Anche se la vera utilità di Cardano risiede nell'esistenza di queste funzionalità, erano vistosamente assenti al momento del rilascio della piattaforma. Pochi ritardi dopo, Goguen dovrebbe finalmente introdurli alla fine del 2021.

Basho: Soprannominata l'era del "ridimensionamento", Basho mira a scalare ulteriormente Cardano introducendo i sidechain. Ciò significa essenzialmente che la blockchain primaria sarà suddivisa in diverse catene più piccole, chiamate shard. Lo sharding è anche una caratteristica chiave dell'aggiornamento della rete Serenity di Ethereum e si prevede che aumenterà ulteriormente la capacità di transazione.

Voltaire: L'obiettivo finale di Cardano è diventare un sistema autosufficiente senza la supervisione di IOHK, la società madre. Voltaire introdurrà un vero e proprio sistema di governance con disposizioni per il voto degli utenti su nuove funzionalità e proposte. Diventerà una piattaforma veramente decentralizzata solo una volta completata questa fase.

Se alcuni di questi nomi ti sembrano familiari, è perché sono tutti nomi di stimati poeti. Anche il token ADA prende il nome da Ada Lovelace, la matematica che divenne la prima programmatrice di computer. 

L'asso di Cardano: cos'è la Proof of Stake?

Come con qualsiasi piattaforma di criptovaluta o blockchain, Cardano ha bisogno di un meccanismo per verificare l'autenticità delle nuove transazioni sulla rete.

Bitcoin, la prima valuta decentralizzata al mondo, ha aperto la strada all'algoritmo di consenso Proof of Work (PoW) per fare proprio questo. In una blockchain basata su PoW, i "minatori" spendono potenza di calcolo per trovare una soluzione matematica unica per un batch di transazioni. Il primo computer che trova la soluzione corretta viene premiato per il suo impegno e le transazioni all'interno di quel batch vengono registrate in modo permanente. Spiega cryptoeccetera.com:

L'algoritmo di consenso PoW ha dimostrato di essere solido come una roccia negli ultimi dieci anni. Tuttavia, non è privo di problemi. In particolare, la struttura di ricompensa competitiva dell'algoritmo ha portato milioni di computer a unirsi alla rete.

Di per sé, questo non sarebbe un problema. Tuttavia, il fattore dell'impronta di carbonio di questi minatori e i problemi di Proof of Work sono improvvisamente molto più tangibili. È anche quasi impossibile scalare il meccanismo PoW oltre una manciata di transazioni al secondo senza sacrificare il decentramento o la sicurezza.

Per una blockchain multifunzionale come Cardano, era necessario introdurre un meccanismo di consenso alternativo. A tal fine, è stato scelto l'algoritmo Proof of Stake per il suo basso consumo energetico complessivo e l'alto potenziale di scalabilità. Anche la comunità di Ethereum ha concordato su questo fronte ed è attualmente in procinto di migrare la sua blockchain da Proof of Work a Proof of Stake. Spiega soldioggi.it:

Mentre Ethereum sta ancora risolvendo i problemi, Cardano ha già in produzione una piattaforma blockchain basata su Proof of Stake. In particolare, questo è stato possibile solo perché il design originale di Cardano includeva il PoS come obiettivo iniziale.

Ma in che modo Cardano raggiunge la scalabilità con Proof of Stake e in cosa differisce dall'approccio di Bitcoin alla convalida delle transazioni?

Il meccanismo di consenso di Cardano - colloquialmente chiamato Ouroboros - consente ai titolari di token ADA di votare direttamente nel processo di convalida delle transazioni, senza bisogno di calcoli minerari o ad alta intensità energetica. Finché sono onesti, questi validatori ricevono una ricompensa per i loro contributi.

I validatori vengono scelti in base a due criteri: il numero di token detenuti e la durata della loro detenzione. Vale la pena notare che gli utenti devono prima bloccare o "mettere in gioco" i propri token per diventare validatori. Questo requisito garantisce che le transazioni fraudolente o gli attacchi di rete non siano finanziariamente redditizi.

Una volta scelto, un validatore ha un breve lasso di tempo per votare sulla transazione. Anche altri validatori interverranno con il loro voto indipendente. Alla fine, questi voti saranno confermati dalla rete. Una puntata più alta si traduce in un voto più affidabile, quindi un nuovo validatore dannoso non può corrompere o dirottare il sistema.

Supponendo che ogni voto sia favorevole, la transazione viene registrata in modo permanente sulla blockchain e ogni validatore riceve una ricompensa sotto forma di token ADA.

Cardano è superiore a Ethereum?

Come già abbiamo visto in questo articolo, Ethereum è attualmente nel bel mezzo di una migrazione pluriennale a Proof of Stake. Significa che Cardano è superiore a Ethereum?

Non proprio. Cardano potrebbe già avere un'implementazione Proof of Stake funzionante, ma non ha ancora la capacità di ospitare ed eseguire contratti intelligenti sulla sua blockchain. Anche se Cardano può elaborare le transazioni molto più velocemente di Ethereum, al momento non esiste un vero caso d'uso per la piattaforma.

Detto questo, la società madre intende introdurre questa funzionalità nella terza era (Goguen). Una volta che ciò accadrà, gli sviluppatori saranno in grado di pubblicare contratti intelligenti e sfruttare i vantaggi associati alla prova di partecipazione di Cardano.

In tale ottica, tuttavia, vale anche la pena notare che l'aggiornamento della rete di Ethereum è già in corso. La blockchain Proof of Work esistente dovrebbe diventare obsoleta entro la fine del 2022. Da questo punto di vista, è chiaro che entrambe le piattaforme stanno correndo per incorporare i punti di forza dell'altra.

Cosa succede dopo che Cardano raggiunge la parità di funzionalità con Ethereum resta da vedere. Mentre alcuni contratti intelligenti e applicazioni decentralizzate migreranno sicuramente ad esso, altri potrebbero scegliere di rimanere su Ethereum. Con una capitalizzazione di mercato più elevata e una base di utenti più ampia, Ethereum gode di un chiaro vantaggio in termini di early mover

Molti ipotizzano che i contratti intelligenti non migreranno da Ethereum all'ingrosso. Invece, finiranno per aggiungere il supporto per Cardano oltre ad altre piattaforme. Questo è già successo in Binance Smart Chain (BSC), un'altra piattaforma blockchain con capacità di contratto intelligente.

Tether (USDT), ad esempio, che vive su ben otto diverse piattaforme blockchain. Di recente ha aggiunto il supporto per BSC a causa dell'aumento dei costi di transazione e dei tempi di attesa sulla blockchain di Ethereum. Una volta che l'aggiornamento Goguen di Cardano arriva, non c'è motivo per cui Tether Limited non possa aggiungere il suo token a un'altra blockchain.

Così come citata su cryptoeccetera.com:

E’ difficile immaginare che Cardano possa spodestare Ethereum, almeno nel breve periodo, ma è importante tenere un occhio su quello che accadrà perchè potrebbe essere molto rilevante e importante nei prossimi mesi.

Dovresti comprare Cardano (ADA)?

Con contratti intelligenti in scadenza ogni mese, Cardano è sicuramente uno dei progetti più pubblicizzati nel settore delle criptovalute. Come accennato in precedenza, tuttavia, ci sono precedenti per credere che ci vorrà molto più tempo per gli sviluppatori e gli utenti di smart contract per adottare il nuovo paradigma Cardano.

Inoltre, come con qualsiasi aggiornamento importante, c'è sempre il rischio di ritardi e vulnerabilità. Sebbene improbabili, vale la pena considerare di aggiungere Cardano al tuo portafoglio di investimenti.