In arrivo una polizza per coprire i rischi sui servizi di custodia Bitcoin per clienti istituzionali.

Secondo alcuni dati resi pubblici da Revolut, società di servizi finanziari con sede a Londra che consente tra l'altro l'accesso al trading di criptovalute, in Italia il numero di persone che ha acquistato criptovalute è cresciuto del 169% da inizio anno.

Data la sua natura virtuale, Bitcoin può essere rubato (da hacker) o perso (errori o malfunzionamento dell'hard disk del pc).

Assicurare i rischi su custodia Bitcoin

Cattolica Assicurazioni, attraverso la sua controllata Satec Underwriting, ha annunciato la creazione di una polizza dedicata alle criptovalute per coprire i rischi di CheckSig, startup italiana che offre servizi di custodia Bitcoin (BTC) per clienti istituzionali e individui facoltosi.

Cosa copre la polizza?

Analogamente a quanto accade per le riserve di oro fisico, la polizza assicurativa non copre l’asset in bitcoin, ma tutte le operazioni di deposito e ritiro da parte dei soggetti interessati, risolvendo i problemi legati a sicurezza, complessità tecnologiche e conformità regolamentare per chi vuole investire in criptovalute.

In altre parole, la nuova polizza assicurativa, ideata grazie al know-how tecnologico di Satec Underwriting e di CATTre, società di riassicurazione per rischi non tradizionali del Gruppo Cattolica, copre sia il vero e proprio furto durante le operazioni di prelievo dei bitcoin custoditi, sia i danni derivanti da intrusioni e violazioni della sicurezza e legati al ripristino dei dati.

Claudia Cervi