Una delle più grandi rivoluzioni portata dalle criptovalute è stato il mondo della De-Fi e delle piattaforme come Pancakeswap, le quali hanno dato la possibilità ai suoi utilizzatori di accedere a percentuali d'interesse davvero faraoniche.

Tutto questo è disponibile per chiunque, l'unico vincolo è quello di servirsi di alcune app per la custodia delle cripto piuttosto che lasciarle sui classici exchange.

Ovviamente tutto questo mondo è soggetto a una dose di rischio che occorre valutare attentamente prima di lanciarsi investendo grandi capitali ma, per coloro che sanno ciò che stanno facendo, le possibilità di guadagno sono enormi.

Pancakeswap è solo una delle tante piattaforme di De-Fi che costellando il mondo delle valute digitali, però ha saputo stabilirsi come caposaldo del settore grazie alla sua affidabilità e alle interessanti innovazioni.

Insieme a lei si possono trovare nomi come Sushiswap, Uniswap, AAVE e moltissime altre, ma solo alcune di esse sono davvero sicure (entro  certi limiti) e degne di nota.

Spulciando su internet, ci si può imbattere facilmente in una serie di piattaforme che promettono ricavi folli ma, almeno alcune di esse, possono rivelarsi delle truffe o essere oggetto di facili attacchi hacker.

Per questa ragione, al fine di mantenere al sicuro i propri soldi, è bene informarsi attentamente sul progetto e le persone a cui si sta affidando il capitale.

In questo video The Crypto Gateway spiega in dettaglio il funzionamento della Binance Smart Chain.

Cos'è Pancakeswap

Pancakeswap è una piattaforma di De-Fi (finanza decentralizzata) nonché un DEX, un exchange decentralizzato dove le persone possono eseguire le operazioni in autonomia.

Per capire esattamente cosa significhino tutti questi paroloni, occorre trattarli uno per uno e poi dare una visuale d'insieme dell'intero sistema.

Per prima cosa il lato DEX significa che qui, le persone, saranno in grado di scambiare le proprie criptovalute eseguendo normalissime operazioni di compravendita.

Da sottolineare il fatto però che non si avrà accesso a qualsiasi token disponibile sul mercato, ma solo tutti quelli che girano sulla rete della Binance Smart Chain.

Questo vuol dire che sarà possibile comprare, per esempio, la criptomoneta di Binance ma non quella di Solana poiché non appartenente alla stessa rete.

Una parte importante da segnalare è quella della decentralizzazione, cosa che la pone su un piano totalmente differente rispetto ai classici exchange come Binance.

Decentralizzato significa che non opera seguendo le direttive di un organo centrale, ma è gestita in toto dai nodi validatori che mantengono operativo il sistema.

Questo significa che nessuno potrà mai cambiare in totale autonomia le regole di funzionamento del sistema, ma dovrà sempre farlo previa votazione da parte di tutta la community.

Stessa cosa per le operazioni di scambio, le quali verranno sempre approvate da uno dei nodi e non passeranno mai nelle mani di un direttore.

Questa forma democratica è l'antitesi del sistema bancario, il quale si basa interamente sulle decisioni prese dal solo consiglio d'amministrazione.

La vera rivoluzione del mondo cripto sta nel fatto che il denaro diventi finalmente un bene del popolo e non più un fattore centralizzante gestito da pochi.

La parte della De-Fi invece è un sistema che premia coloro che decidono d'affidarsi a Pancakeswap, depositando i loro fondi e ricevendo in cambio interessi ottimi.

Basterà inserire uno o più criptovalute richieste in uno smart contract e lasciarle in custodia li per iniziare fin da subito a ottenere percentuali giornaliere sull'intero ammonto.

Come funziona Pancakeswap

Pancakeswap non è come i classici exchange dove occorre solamente fare un bonifico o comprare le cripto usando la propria carta di credito.

Per accedere a questo sistema è necessario servirsi di un wallet, un app che serve per custodire gli averi digitali e può essere installata sia sul telefono che come estensione del browser.

Uno dei wallet più popolari in assoluto è Metamask, ma anche Trustwallet, Coin98 o tantissimi altri sono perfetti per lo scopo.

Per prima cosa occorre registrarsi al portafoglio virtuale e creare un profilo con tanto di parola chiave, in modo da evitare che chiunque possa accedervi.

Fatto questo occorrerà inviare delle criptovalute li sopra, magari utilizzando un classico exchange come Binance essendo uno di quelli che ha dei costi di prelievo ridottissimi.

Farlo è semplicissimo, basta decidere quale moneta usare per il trasferimento, individuarla nel wallet, copiare l'indirizzo e inserirlo nella finestra di prelievo dell'exchange.

Attenzione però, inviare un BNB all'indirizzo di deposito di un CAKE comporterà la perdita del denaro quindi verificare sempre che tutto sia corretto.

Fatto questo, qualora si voglia fare un cambio valuta, occorre dirigersi nella sezione "swap", scegliere la coin posseduta nel wallet come prima e la moneta desiderata come seconda.

Qualsiasi transazione avrà un costo di qualche centesimo di Dollaro che andrà pagato col token BNB, quindi meglio avere sempre nel portafogli un po' di questa valuta.

Se invece si vuole mettere a rendita i propri averi, bisogna prima di tutto verificare se la cripto in questione sia accettata per questo tipo di operazioni.

Se così è, a meno che non si scelga di mettere a rendita dei CAKE, occorrerà avere due differenti monete da inserire in un pool, divise in percentuali uguali.

Questo non significa che, nel caso si voglia partecipare al pool CAKE-BNB sarà necessario possedere dieci unità di entrambe, ma solo lo stesso valore in Dollari di ognuna di esse.

Al cambio attuale significherebbe che, per mettere a rendita due CAKE servirà un controvalore di 0,1 BNB i quali andranno inseriti insieme nello smart contract.

Le altre funzioni sono l'acquisto di NFT e alcuni giochini d'azzardo come la lotterie e il sistema di predizioni del prezzo di BNB.

I primi due menzionati hanno una logica abbastanza chiara essendo uno store di artefatti e una classica lotteria a sorteggio, ma il terzo è un po' particolare.

La predizione su BNB si basa sul prezzo del token di Binance e, tramite Pancakeswap, si può scommettere se nella finestra temporale dei futuri cinque minuti, il prezzo della moneta scenderà o salirà.

Se si azzecca si vincono dei premi in CAKE, altrimenti si perde tutto.

Dove acquistare Pancakeswap

Ovviamente il posto più scontato è proprio la piattaforma stessa, dove si potrà prendere il token e metterlo a rendita con interessi che arrivano anche al 90%.

Se però questo procedimento del wallet esterno è troppo complesso e si cerca una via più diretta, nessun problema.

CAKE è listato su tutti gli exchange più famosi del mercato, rendendo il suo acquisto davvero semplice e immediato una volta capito il funzionamento del sistema.

Prendendo per esempio Binance, per comprare qualsiasi valuta digitale (quindi anche Pancakeswap) occorre per prima cosa scaricare l'app o eseguire la registrazione direttamente dal sito.

Qui verranno chieste le generalità, seguiti dalla conferma d'identità tramite la foto di un documento che può essere scelto tra passaporto, carta d'identità o patente di guida.

Una volta terminato occorrerà aspettare un tempo variabile prima che il profilo venga abilitato ma, una volta ricevuta la conferma, si potrà eseguire ogni genere d'operazione.

Per comprare monete occorre depositare denaro tramite bonifico SEPA o direttamente acquistando dalla carta di credito, con commissioni variabili a seconda della piattaforma.

Fatto questo basta convertire la moneta FIAT in CAKE e il gioco è fatto.

Qualsiasi sia l'exchange scelto non fa davvero molta differenza all'atto pratico nel caso non si voglia mettere a rendita la somma ma, viste le percentuali offerte, è un vero peccato non approfittarne.

Pancakeswap vs Uniswap

Uniswap potrebbe apparire come un concorrente diretto di Pancakeswap essendo praticamente la stessa cosa nella sostanza ma, in verità, sono due mondi completamente distinti.

La loro operatività non è in alcun modo sovrapponibile, per questa ragione non si può formare nessun tipo di dualismo neanche volendo.

La spiegazione di questo è molto semplice e sta nel fatto che operano su due blockchain differenti, la Binance Smart Chain e la rete Ethereum.

In pratica tutte le funzioni svolte da Pancakeswap sono legate alle criptovalute appartenenti all'ecosistema di Binance inteso come blockchain mentre Uniswap lo fa con i token ERC20.

Questa separazione le rende completamente distinte e, la loro affidabilità nel tempo, le ha portate a essere i rispettivi punti di riferimento del sistema De-Fi per ciascuna chain.

Se però volessimo scendere nel dettaglio si potrebbe dire che il DEX di Ethereum ha un grande svantaggio proprio per il fatto di essere legato a questa particolare blockchain.

Quando si esegue un'operazione su qualsiasi rete, si devono pagare dei costi di transazione fisiologici che generalmente non impattano sul totale, almeno su tutte le altre.

Su Ethereum invece ogni singolo movimento costringe a pagare cifre talvolta astronomiche, tanto da rendere privi di senso movimenti che implicano poche centinaia di Euro.

Questo non è certo un difetto imputabile a Uniswap ma va comunque considerato quando lo si usa, anche perché mettere a rendita dei token potrebbe costare più degli effettivi ricavi annui.

Di contro va anche detto che sulla rete ERC20 girano moltissimi progetti validi, tanto da renderla un punto di riferimento nel settore.

La BSC invece è piena zeppa di truffe e idee sgangherate fatte solo per fregare soldi a moltissimi ingenui che decideranno di riporre incautamente i loro averi.

Ovviamente non bisogna fare di tutta l'erba un fascio, anche qui nascono ogni giorno fantastiche idee che potranno rendere ricavi incredibili negli anni.

La proporzione però è molto diversa visto che su BSC i costi dei trasferimenti e di gestione sono bassi, il che rende davvero facile creare una propria coin senza capo ne coda e attirare qualche sprovveduto con delle belle parole.

Qualsiasi sia l'exchange o la chain utilizzata, l'importante è sempre fare attenzione prima di svolgere un'operazione e documentarsi sugli investimenti che si andranno a fare.

Il mercato delle cripto è ancora molto giovane e poco regolamentato lasciando sempre la porta aperta a malintenzionati e truffatori.