Internet come lo conosciamo oggi è composto da innumerevoli computer interconnessi per formare un'autostrada globale di trasmissione dei dati. Polkadot mira a fare lo stesso, ma con la tecnologia blockchain, connettendo diverse blockchain in un'unica rete. È un'impresa ambiziosa ed entusiasmante. Molti sviluppatori blockchain stanno correndo per fornire la migliore tecnologia: la migliore rete blockchain che può fare tutto; l'unica rete per domarli tutti. Polkadot si basa sulla promessa rivoluzionaria delle precedenti reti blockchain offrendo diversi vantaggi fondamentali. Spiega criptovaluta.it:

Polkadot è un network che permette l’interconnessione di diverse blockchain, garantendo le transazioni non solo di token digitalizzati (e dunque anche tecnicamente di criptovaluta) ma anche di dati di altro tipo. È uno dei progetti più forti del momento e il suo token di riferimento, DOT, è oggi tra i primi 10 per capitalizzazione dell’intero comparto.

È sostenuto dalla Fondazione Web3 con sede in Svizzera ed è stata fondata da Gavin Wood (co-fondatore di Ethereum) insieme ai co-fondatori Peter Czaban e Robert Habermeier nel 2016. 

Il background di Wood è notevole poiché ha inventato Solidity, il linguaggio utilizzato dagli sviluppatori per scrivere applicazioni decentralizzate (dapps) su Ethereum. È stato anche il primo CTO della Fondazione Ethereum e in precedenza è stato ricercatore presso Microsoft. Kraken.com noto Exchange spiega:

La Web3 Foundation è l'organizzazione no-profit che ha condotto le vendite di token di Polkadot. Gavin Wood è anche il suo presidente e l'ha co-fondata con Pete Czaban.

Un progetto davvero solido e con molte particolarità ma quali sono questi vantaggi, andiamo a scoprirli.

Scalabilità 

Le blockchain da sole possono elaborare solo una quantità limitata di traffico. Polkadot è una rete multichain sharded, il che significa che può elaborare molte transazioni su più catene in parallelo, eliminando i colli di bottiglia che si sono verificati sulle reti legacy che hanno elaborato le transazioni una per una. Questa potenza di elaborazione parallela migliora significativamente la scalabilità e crea le giuste condizioni per una maggiore adozione e crescita futura. Le catene shardate collegate a Polkadot sono chiamate parachain (catene parallele) perché corrono sulla rete in parallelo.

Specializzazione

Su Polkadot, ogni blockchain può avere un nuovo design ottimizzato per un caso d'uso specifico. Ciò significa che le blockchain possono offrire servizi migliori, migliorando anche l'efficienza e la sicurezza tralasciando il codice non necessario. Basandosi sul framework di sviluppo substrate, i team possono sviluppare e personalizzare la propria blockchain in modo più rapido ed efficiente che mai.

Interoperabilità 

Le reti e le applicazioni su Polkadot possono condividere informazioni e funzionalità come le app su uno smartphone, senza dover fare affidamento su fornitori di servizi centralizzati con pratiche dati discutibili. A differenza delle reti precedenti che operavano in gran parte come ambienti autonomi, Polkadot offre interoperabilità e comunicazione cross-chain. Come spiegato su cryptos724.com:

Polkadot facilita lo scambio e le transazioni, di dati e di beni, tra blockchains pubbliche e private, smart contracts, applicazioni, oracoli e altre tecnologie web3.

Ciò apre le porte a nuovi servizi innovativi e consente agli utenti di trasferire informazioni tra le catene. Ad esempio, una catena che fornisce servizi finanziari può comunicare con un'altra che fornisce accesso a dati del mondo reale (nota come una catena di oracoli) come i feed dei prezzi del mercato azionario per il trading di azioni tokenizzate.

Autonomia 

Le comunità su Polkadot governano la loro rete come meglio credono e detengono una partecipazione trasparente nel futuro della governance della rete di Polkadot nel suo insieme. I team possono personalizzare e ottimizzare la governance della blockchain in base alle proprie esigenze, sperimentare nuove idee o scambiare moduli predefiniti per un'implementazione più rapida. I modelli di governance della blockchain possono anche essere perfezionati e aggiornati man mano che le esigenze e le condizioni cambiano nel tempo.

Aggiornamenti rapidi e automatici

Come tutti i software, le blockchain necessitano di aggiornamenti per rimanere rilevanti e migliorare nel tempo. Un altro vantaggio fondamentale che Polkadot mira a fornire è l'eliminazione di ciò che è noto come "Hard Fork" - la pratica di dividere in due la storia delle transazioni della blockchain per implementare un importante aggiornamento alla blockchain. Gli hard fork sono spesso necessari perché non puoi tanto "aggiornare" una Blockchain quanto puoi crearne una nuova di zecca con funzionalità migliorate che utilizza la cronologia delle transazioni della blockchain precedente. Spiega decrypt.co:

Questo può dividere una comunità blockchain in due entità separate, è estremamente laborioso e generalmente l'unico modo per apportare miglioramenti significativi all'infrastruttura di una blockchain convenzionale. Questo serve come impedimento al progresso della blockchain in generale e qualcosa che Polkadot mira a risolvere.

Nel loro insieme, queste caratteristiche fondamentali aprono un mondo di possibilità per nuovi servizi che riportano le persone in controllo della propria vita digitale.

Come funziona Polkadot?

La rete Polkadot consente la creazione di quattro tipi di blockchain. Spiega criptomane.com:

La blockchain di Polkadot è suddivisa in quattro livelli, ognuno con il suo contributo. C’è la Relay Chain che gestisce la sicurezza e le transazioni tra blockchain diverse, la Parachain che identifica le blockchain sovrane, la Parathread che è come una Parachain più accessibile e i Bridges, ponti che consentono il dialogo fra Parachain e Parathread e con progetti esterni.

Relay Chain: la principale blockchain Polkadot, questa rete è dove vengono finalizzate le transazioni. Per ottenere una maggiore velocità, la catena di relè separa l'aggiunta di nuove transazioni dall'atto di convalida di tali transazioni.

Parachain: le parachain sono blockchain personalizzate che utilizzano le risorse di elaborazione della catena di relè per confermare che le transazioni sono accurate. 

Bridges o ponti: i bridges consentono alla rete Polkadot di interagire con altre blockchain . Sono in corso lavori per costruire ponti con blockchain come EOS, Cosmos, Ethereum e Bitcoin, che consentirebbero lo scambio di token senza uno scambio centrale.

Relay Chain

Per mantenere la sua rete in accordo sullo stato del sistema, la Polkadot Relay Chain utilizza una variazione sul consenso Proof of Stake (PoS) chiamata Nomination Proof of Stake (NPoS). Così chiarisce criptomane.com:

Questo sistema permette a chiunque scommetta DOT bloccando la criptovaluta in un apposito contratto di svolgere uno o più dei ruoli necessari al suo funzionamento 

Ecco i ruoli possibili: 

Validators: Convalida i dati nei blocchi parachain. Partecipano inoltre al consenso e votano le modifiche proposte alla rete.

Nominators: proteggi la catena di staffetta selezionando validatori affidabili. I nominativi delegano i loro token DOT in stake ai validatori e quindi assegnano loro i loro voti.

Collators: vengono eseguiti nodi che memorizzano una cronologia completa per ogni parachain e aggregano i dati delle transazioni parachain in blocchi per l'aggiunta alla catena di inoltro. 

Fishermens: monitora la rete Polkadot e segnala comportamenti scorretti ai validatori.

Polkadot Governance 

La governance della blockchain di Polkadot e delegate come segue: 

Detentori di DOT: chiunque acquisti token DOT può utilizzare i propri DOT per proporre modifiche alla rete e approvare o rifiutare le principali modifiche proposte da altri. 

Il Consiglio: Eletto dai titolari DOT, i membri del consiglio sono responsabili di proporre modifiche e determinare quali modifiche proposte dai titolari DOT vengono apportate al software. Le proposte dei membri del Consiglio richiedono meno voti per essere approvate rispetto a quelle dei titolari ordinari del DOT. 

Comitato Tecnico: Composto da squadre che costruiscono attivamente Polkadot, questo gruppo può fare proposte speciali in caso di emergenza. I membri del comitato tecnico sono votati dai membri del Consiglio.

Quali problemi risolve Polkadot

I sistemi basati su blockchain devono risolvere sono: la scalabilità (il numero di transazioni al secondo che la rete può gestire) e la governance: come la comunità gestisce gli aggiornamenti e le modifiche al protocollo. Polkadot mira a risolvere entrambi questi problemi.

Cosa rende Polkadot diverso da Ethereum?

Dato che condividono un fondatore di alto profilo, ci sono state molte speculazioni su ciò che rende Polkadot diverso da Ethereum. 

In effetti, Polkadot e il prossimo importante aggiornamento di Ethereum, noto come Ethereum 2.0, condividono molte somiglianze nel design e nel funzionamento. Spiega cryptoeccetera.com:

Entrambe le reti gestiscono una blockchain principale in cui vengono finalizzate le transazioni e consentono la creazione di molte blockchain più piccole che sfruttano le sue risorse. Entrambe le tecnologie utilizzano anche lo staking invece del mining come mezzo per mantenere sincronizzata la rete. 

Sono in corso ricerche su come rendere interoperabili le transazioni tra le reti. Parity, ad esempio, ha sviluppato una tecnologia progettata per gli utenti che potrebbero voler distribuire applicazioni sfruttando il codice e la community di Ethereum, ma che funzionerebbero su Polkadot.

Infine, gli sviluppatori possono utilizzare il framework di sviluppo di Polkadot per simulare una copia della blockchain di Ethereum che può essere utilizzata nei propri progetti blockchain personalizzati

Perché usare DOT?

Gli utenti possono trovare interessante la rete Polkadot in base alla sua attenzione nel facilitare l'interoperabilità tra blockchain. Inoltre, ci sono una serie di progetti già basati su Polkadot. Alcuni esempi includono una piattaforma cloud, un portafoglio di estensioni del browser e diversi tipi di esploratori di blocchi. 

Inoltre di giorno in giorno, l'ecosistema di Polkadot sta diventando più grande e più solido man mano che i team realizzano i vantaggi e l'efficienza dell'implementazione del loro progetto su Polkadot. Sebbene Polkadot abbia molti progetti in cantiere, ci vorrà del tempo prima che questa nuova criptovaluta veda il vero successo. La buona notizia è che ha già un valore monetario negli scambi, il che lo rende un titolo che vale la pena guardare. Le aspettative su questo progetto restano davvero alte e sicuramente la possibilità di inserire DOT all'interno del proprio portafoglio di investimento cripto risulta un'idea davvero interessante.