All'inizio di giugno 2020, il Bitcoin ha subito un duro rifiuto a $ 10,500 dopo un rally stellare. L'incapacità dell'asset digitale di superare un livello di prezzo importante ha inferto un duro colpo al trend rialzista. Ma tre fattori chiave indicano un futuro luminoso davanti per la criptomoneta più capitalizzata in accordo con quanto è stato riportato da Brenda Ngari sul sito zycrypto.com.

I catalizzatori in gioco per il rally dell'oro digitale

Due analisti sulle criptovalute di Weiss Crypto Rating, Juan e Bruce, hanno infatti scritto un post dettagliato l'8 luglio scorso spiegando ed illustrando, in particolare, i catalizzatori in gioco, tre per l'esattezza, che potrebbero spingere BTC a nuovi massimi storici.

Bitcoin è una risorsa sempre più preziosa con le banche centrali che stampano moneta

In primo luogo, l'allentamento quantitativo senza precedenti che la Federal Reserve e le altre banche centrali hanno intrapreso per sostenere l'economia di fronte alla pandemia di COVID-19. Stampare moneta fiat, infatti, significa rendere l'oro digitale una risorsa più preziosa in quanto è limitata ad un massimo di 21 milioni di token.

Investitori istituzionali sempre più lanciati su BTC

Punto numero 2: gli investitori istituzionali si stanno buttando con decisione sul Bitcoin. Basti pensare al veterano gestore di hedge fund Paul Tudor Jones che ha investito il 2% del suo patrimonio netto in Bitcoin (BTC).

Le attese sul Bitcoin con il modello stock-to-flow 

Punto numero 3: il popolare modello stock-to-flow (S2F) suggerisce che un enorme rally è in serbo per il Bitcoin nei prossimi 12 mesi. Il modello S2F è stato formulato dall'analista PlanB, e si basa sul presupposto che quanto più scarso è un asset, tanto più prezioso sarà.