I venditori sul Bitcoin (BTC) sono tornati, ed anche in massa. In data odierna, giovedì 10 gennaio del 2019, infatti, le quotazioni dell'oro digitale segnano un crollo di oltre nove punti percentuali a circa 3.680 dollari dopo aver testato più volte, negli ultimi giorni, l'area dei $ 4.100. Ma oggi, con ribassi a due cifre, è andata pure peggio alle altre criptomonete più capitalizzate, da Ethereum (ETH) a Ripple (XRP), e passando per Eos.io (EOS) e TRON (TRX).

Bitcoin, importante una reazione in area 3.700 dollari

In accordo con quanto è stato riportato da newsbtc.com, proprio sui livelli attuali, in area $ 3.700, si sta formando una buona base per BTC al fine di poter archiviare lo storno di oggi come episodico. Nuovi slanci sopra i 3.700 dollari, infatti, riaprirebbero al Bitcoin le porte prima per un nuovo test dei $ 4.100, e poi sul target rialzista successivo a $ 4.500.