Quale criptovaluta tra il Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Ripple (XRP) uscirà dalla zona di consolidamento più velocemente? A chiederselo è Denys Serhiichuk, sul sito u.today, considerando che attualmente il mercato delle criptomonete si trova all'interno di una lunga fase laterale.

Bitcoin è stato di nuovo respinto sul test dei 9.300 dollari

Nel dettaglio, il Bitcoin (BTC) nelle ultime 24 ore ha testato l'area dei 9.300 dollari, dalla quale è stato nuovamente respinto fino a scendere di nuovo sotto la soglia psicologica dei $ 9.000. Il mancato superamento dei $ 9.300, tra l'altro, non ha permesso a BTC di testare il livello di resistenza successivo che è posizionato a $ 9.441.

Ethereum meglio di BTC, e non è la prima volta

Come di solito accade dopo un periodo di consolidamento, Ethereum (ETH) sta crescendo molto più velocemente del Bitcoin (BTC). ETH, ancora inserita all'interno di un canale ascendente, presenta infatti una crescita che è supportata dal volume degli scambi relativamente elevato e dal livello di liquidità, riporta altresì Denys Serhiichuk che, di conseguenza, pone l'accento sul fatto che il test sulla prima zona di resistenza a $ 233 non è da escludere nel breve termine.

Ripple sul muro dei 0,18 dollari, per ora respinta

Passando infine a Ripple, ieri XRP si è mossa lateralmente con la dinamica dei prezzi che, in particolare, è dinanzi ad un bivio. Ci sono spazi di apprezzamento, infatti, solo se gli acquirenti riescono a spingere le quotazioni sopra i 0,18 dollari, altrimenti il test dei 0,17, nel brevissimo termine, potrebbe essere inevitabile.

Non è un caso che sul mercato delle criptovalute, nelle ultime 24 ore, i prezzi di Ripple sono tornati indietro dopo un massimo a 0,1804 in accordo con i dati forniti in tempo reale dal sito worldcoinindex.com.