Sul mercato delle criptovalute quale tra le tre più capitalizzate, ovverosia Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Ripple (XRP), farà registrare il calo più ampio? A chiederselo è Denys Serhiichuk, sul sito u.today, visto che da diversi giorni sul mercato delle criptovalute si registrano movimenti laterali ma con un sentiment che sembra essere più propenso ai ribassi che ad un rally.

Trading Bitcoin orsi e tori: nessuno attacca per non essere attaccato

Nel dettaglio, il Bitcoin (BTC) è stato scambiato tra i $ 9,100 ed i $ 9,500 negli ultimi giorni con i tori che non hanno per nulla preso il controllo della situazione. Ma lo stesso dicasi pure per gli orsi su BTC per quello che sembra essere in tutto e per tutto il classico stallo alla messicana.

Prezzi BTC testeranno di nuovo l'area dei $ 8.900- $ 9.000?

Inoltre, secondo Denys Serhiichuk sono alte le probabilità che nei prossimi giorni, al ribasso, il Bitcoin (BTC) possa andare a testare di nuovo l'area dei $ 8.900- $ 9.000 analizzando il grafico giornaliero unito ad un trend dei volumi di trading che è in calo.

Ethereum, dinamica migliore del Bitcoin nel brevissimo termine

Su Ethereum (ETH), invece, è più probabile il trading nella gamma dei $ 225- $ 230. Questa, secondo il redattore di u.today, è infatti l'opzione di prezzo più probabile in quanto il volume degli scambi su ETH non è così basso, il che significa che ci sono interessi da parte degli acquirenti.

Ripple è quella messa peggio dal punto di vista grafico e tecnico

Passando infine a Ripple, rispetto al Bitcoin (BTC) e ad Ethereum (ETH), XRP sembra essere quella messa peggio dal punto di vista grafico e tecnico. Secondo Denys Serhiichuk, infatti, potrebbe essere incombente una sezione ribassista di breve termine che vada a testare area 0,18 dollari.