La capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute è scesa di $ 1,5 miliardi negli ultimi sette giorni con i principali asset digitali che hanno fatto registrare delle perdite con l'eccezione di ChainLink (LINK) e di Bitcoin SV (BSV). Questo è quanto, tra l'altro, ha riportato Georgi Hristov, sul sito btcmanager.com, nell'analizzare in particolare l'andamento settimanale delle tre criptomonete più capitalizzate, ovverosia il Bitcoin (BTC), Ethereum (ETH) e Ripple (XRP).

Bitcoin respinto sull'area di prezzo dei 9.300 dollari

Per quel che riguarda il Bitcoin (BTC), la criptovaluta leader di mercato continua a commerciare lateralmente per quella che è una evidente e lunga fase di consolidamento. Lo sforzo degli acquirenti per mantenere le posizioni è importante, ma per il momento è evidente il respingimento dell'oro digitale sull'area di prezzo dei 9.300 dollari.

Ethereum è attesa ad un nuovo test sui 250 dollari

Dopo aver formato una candela verde a $ 242, Ethereum (ETH) è scesa a $ 239 dopo che i rialzisti non sono riusciti a estendere i guadagni nel fine settimana fino a $ 250. La criptomoneta è scesa sotto il supporto orizzontale, ma ha trovato la stabilità necessaria, secondo il redattore di btcmanager.com, per non attivare, almeno per il momento, la tendenza al ribasso di medio termine.

Ripple sempre a combattere sul filo 0,20 dollari

Passando infine a Ripple, XRP continua a fare registrare un trend piatto ed a bassa volatilità con i $ 0,20 che si confermano essere una resistenza orizzontale alquanto ostica. Inoltre, giovedì scorso Ripple ha disegnato la seconda candela rossa consecutiva sul grafico giornaliero scendendo a $ 0,194 dopo aver raggiunto un minimo intraday a $ 0,187.