In accordo con la view dei migliori analisti del settore crittografico, sul mercato delle criptovalute il Bitcoin (BTC), da qui a 18 mesi, potrebbe salire da un minimo del 100% ad un massimo del 400%.

Il 2020 turbolento del Bitcoin, da $ 3.700 fino alle porte dei 10.000 dollari

Questo è quanto, tra l'altro, ha riportato Ali Raza, sul sito insidebitcoins.com, nel ricordare in ogni caso come nel 2020, nonostante non si sia ancora chiuso nemmeno il primo semestre, il Bitcoin (BTC) abbia fatto registrare dei movimenti turbolenti prima crollando a marzo fino a $ 3.700, e poi salendo in progressione fino a sfiorare nei giorni scorsi, per ben due volte, quota 10.000 contro il dollaro americano.

Chi sono i tori su BTC, da Raoul Pal a Simon Peters e passando per Mike Novogratz

Al netto della volatilità, guardando al 2021, sono tanti i tori sul Bitcoin (BTC) a partire da Raoul Pal di Real Vision, e passando per Mike Novogratz di Galaxy Digital e Dan Morehead di Pantera Capital.

Ma Ali Raza segnala pure i gemelli Cameron Winklevoss e Tyler Winklevoss e Simon Peters che è analista di eToro, e che in un'intervista che è stata rilasciata a Bloomberg ha dichiarato d'attendersi l'oro digitale ad un prezzo compreso tra i $ 20.000 ed i $ 50.000 entro i prossimi 18 mesi.

La visione comune e rialzista sull'oro digitale

La posizione comune e rialzista sul Bitcoin (BTC), da parte degli esperti del mondo crittografico, è in particolare legata alla scelta delle banche centrali di stampare moneta al fine di superare il disastro economico generato dalla pandemia di coronavirus. E questo dovrebbe avvantaggiare asset digitali deflazionistici come il Bitcoin (BTC) specie dopo che, nei giorni scorsi, per i minatori di oro digitale è scattata la riduzione del 50% della ricompensa.