Il Regno Unito lancia una consultazione sull'approccio normativo che dovrà essere adottato nei confronti di criptovalute e stablecoin.

Nel Regno Unito il Tesoro ha pubblicato un documento di consultazione per la raccolta di feedback sull'approccio normativo del governo alle criptovalute e alle stablecoin.

Verso una regolamentazione delle criptovalute

La consultazione mira a raccogliere opinioni e idee per realizzare un quadro normativo "attrezzato per sfruttare i vantaggi delle nuove tecnologie, sostenendo l'innovazione e la concorrenza, mitigando i rischi per i consumatori e la stabilità".

Vista la grande percentuale di asset crittografici che non rientrano nella supervisione normativa, il Tesoro britannico teme che ci sia un enorme rischio per i consumatori che non possono contare su garanzie finanziarie.

Il Tesoro britannico abbraccia l'innovazione tecnologica

Il Regno Unito sta pianificando un "approccio graduale e proporzionato" alle criptovalute e nel documento si concentra sulle stablecoin - criptovalute che generalmente mirano ad avere un valore stabile essendo sostenute da asset come il dollaro USA.

Le cosiddette stablecoin potrebbero aprire la strada a pagamenti più veloci ed economici, rendendo più facile alle persone pagamenti o raccolta di denaro. Ci sono anche prove crescenti che la tecnologia blockchain possa portare vantaggi significativi al mercato dei capitali, cambiando radicalmente il modo in cui opera, ha dichiarato John Glen, segretario economico del Tesoro, introducendo il documento.

Tuttavia, ha affermato, tali sviluppi potrebbero "rappresentare una serie di rischi per i consumatori e minare la stabilità del sistema finanziario".

La consultazione si concentra in particolare sullo sviluppo di un "solido contesto normativo" per le stablecoin, che il governo britannico ritiene abbiano rischi e opportunità più "urgenti".

Regolamentazione criptovalute: i passi compiuti fino ad oggi

Dall'annuncio del progetto libra supportato da Facebook (ora ribattezzato diem), le autorità di regolamentazione e i governi di tutto il mondo hanno sollevato preoccupazioni sui potenziali effetti delle cosiddette stablecoin globali sulla stabilità finanziaria e persino sulla sovranità monetaria.

Nel luglio 2019 la Financial Conduct Authority del Regno Unito ha emesso alcune linee guida sulle criptovalute - inclusi i "token di scambio" come bitcoin, ether e XRP - stabilendo quali sono e quali non rientrano nella sua giurisdizione.

Questa nuova consultazione si concentrerà sui ruoli delle criptovalute e delle stablecoin nei pagamenti e negli investimenti, nonché sull'uso della blockchain o della tecnologia di registro distribuito nei mercati finanziari. Analizzerà anche ulteriori azioni normative che potrebbero essere richieste in questo contesto.

Non è la prima volta che il Tesoro pubblica un documento di consultazione sulle criptovalute. Il primo, annunciato la scorsa estate e concluso ad ottobre, prevedeva piani per aumentare la supervisione sulle attività di promozione delle criptovalute al fine di proteggere gli investitori.

(Claudia Cervi)