Mentre Bitcoin (BTC) e le altre principali criptovalute si stanno mettendo alle spalle il passato mercato ribassista, Ripple (XRP) è in evidente difficoltà e continua a scambiare a ridosso dei minimi annuali.

Nonostante le criticità in termini di prezzo, la società che fa capo a Ripple si sta muovendo e sta lavorando per implementare la tecnologia blockchain nel sistema finanziario tradizionale.

Moltissime banche di tutto il mondo stanno utilizzando la tecnologia di XRP per migliorare l'efficienza dei pagamenti internazionali e nell'ultimo periodo anche la banca mondiale, il FMI (fondo monetario internazionale) e la commissione europea stanno lavorando attivamente con Ripple.

Ad esempio la banca mondiale ha migliorato le rimesse di pagamento implementando la tecnologia xRapid di Ripple.

Il co-fondatore di Ripple, Chris Larsen, è  stato selezionato dal FMI per unirsi a un gruppo di esperti dell'FMI che si concentra sullo sviluppo della tecnologia Blockchain.

Lo scorso mese inoltre la Commissione Europea ha annunciato il lancio dell'Associazione internazionale delle applicazioni di blockchain (INATBA), un'associazione della quale Ripple rappresenta uno dei membri fondatori.

Attualmente Ripple vanta più di 200 partner in tutto il mondo.

Sembra quindi difficile immaginare che la crescente implementazione di XRP nel sistema finanziario mondiale non abbia ancora prodotto un significativo aumento del valore della criptovaluta, con gli scambi fermi attualmente intorno a quota 0.30 dollari ed in prossimità dei minimi annuali.