Per acquistare criptovalute ci sono tantissimi exchange e alcuni famosissimi, Binance, Coinbase, e-Toro, Crypto.com, solo per citarne alcuni.

Una cosa che tutte queste piattaforme di scambio hanno in comune è che sono centralizzate e si definiscono infatti “exchange CEX”, ovvero l’acquisto di una determinata moneta viene gestito e regolato da terze parti. Il vantaggio è che sono sempre piattaforme molto facili da usare e intuitive, dove si può pagare direttamente in valuta fiat.

Se questi sono i vantaggi ci sono però molti svantaggi in termini di costi, poiché queste piattaforme applicano delle commissioni su ogni transazione piuttosto alte, che arrivano anche al 4/5% dell’importo.

Esiste però un'alternativa dove le commissioni sulle operazioni sono quasi pari a zero, che rappresenta un vero scambio diretto di criptovalute (peer-to-peer) e che sono gli exchange decentralizzati e perciò siglati come “DEX”.

Oggi vi parleremo dell’exchange DEX con il più alto volume di scambio in assoluto e cioè PancakeSwap! Vediamo come si utilizza questa piattaforma di scambio dove si può risparmiare moltissimo acquistando criptovalute.

Che cos’ha di particolare tra gli exchange di criptovalute PancakeSwap

Prima di addentrarci nel vivo del funzionamento di PancakeSwap occorre qualche premessa necessaria a capire il meccanismo che sta dietro questo tipo particolare di exchange definiti “decentralizzati”.

Prendendola alla lontana, al mondo esistono tanti network blockchain, un’applicazione costruita su una determinata rete blockchain non funziona su una blockchain diversa. Per farla breve non potete trasferire i Bitcoin sulla blockchain di Ethereum, ognuno di loro ha il suo network e funzionano solo su quello.

Motivo anche per cui non si possono scambiare in modo diretto token BTC per token ETH, diversamente due criptovalute che operano sulla stessa blockchain possono essere scambiate direttamente.

PancakeSwap: la piattaforma per lo scambio di criptovalute BSC (Binance Smart Chain)

Torniamo a PancakeSwap, gli exchange DEX hanno sempre una blockchain di riferimento su cui sono nati, anche se nel corso della loro vita cercano di ampliarsi con supporti a nuovi network, e sono stati creati per lo scambio di criptovalute operanti sulla questa stessa blockchain. 

PancakeSwap nasce per lo scambio tra criptovalute in uno standard che lavora su BSC, cioè Binance Smart Chain. Perciò, se la criptovaluta che si vuole comprare lavora ad esempio su Ethereum, allora non sarà presente su PancakeSwap, ma dovrà usare un exchange DEX diverso come Uniswap, per Polygon abbiamo invece Quickswap.

Concludendo, se siete in cerca di Bitcoin o Ether (ETH) non è possibile comprare i token nelle loro versioni native su PancakeSwap.

Come scaricare un wallet digitale e iniziare ad acquistare criptovalute su PancakeSwap

E veniamo all’utilizzo di PancakeSwap, il primo passaggio è scaricare un “wallet crittografico”: un’applicazione gratuita che si installa sullo smartphone ed è un "portafoglio digitale” dove si possono conservare le criptovalute. Un wallet di criptovalute interagisce con più blockchain, cioè dentro potrete conservare diversi tipi di criptovalute contemporaneamente, come BTC, ETH, BNB, etc., tutti in un luogo. 

Soltanto che per ogni blockchain questo wallet avrà degli "indirizzi" diversi. L'indirizzo è un stringa che rappresenta un codice unico e che serve per riconoscere e identificare un determinato wallet quando si effettuano scambi. Questa stringa è diversa per le criptovalute che lavorano su Ethereum ad esempio rispetto ai Bitcoin o a quelle che lavorano su Binance Smart Chain (BSC) o qualsiasi altro tipo di blockchain. Diversamente, tutte le criptovalute che lavorano, ad esempio, su BSC vengono conservate nel medesimo indirizzo di wallet, che è proprio quello dove vanno a finire i token di PancakeSwap che sono tutti BSC.

Ci sono molti wallet gratuiti, due facili da usare e molto popolari sono MetaMask e TrustWallet, dove il primo ha un vantaggio quello di permettere anche di usare PancakeSwap e altre applicazioni dal computer perché supporta le interfacce desktop.

Ricaricare il proprio wallet di criptovalute BNB

Visto che PancakeSwap e con lui tutti gli exchange DEX sono piattaforme di scambio di criptovalute nel senso più letterale del termine, cioè si scambiano token digitali, non si può pagare con euro, dollari o altra valuta a corso legale, né con qualsiasi carta di debito o credito.

Il primo passaggio per usare PancakeSwap sarà quindi acquistare BNB. I BNB sono l’utility token della blockchain BSC e la principale criptovaluta della rete, però l’exchange consente lo scambio attraverso tutti i tipi di criptovalute che operano su questo Network, in ogni caso se è la prima volta che usate l’exchange procedete con i BNB.

L’acquisto di BNB può essere fatto direttamente da MetaMask o TrustWallet che come funzione integrata permettono di ricaricare il portafoglio di criptovalute acquistando direttamente con carta, dove sarà l’utente a scegliere sia la criptovaluta che la valuta per il pagamento, se ad esempio euro o dollaro.

Collegare il wallet crittografico a PancakeSwap

Adesso è il momento di andare su PancakeSwap e qui cliccare “connect”, si tratta di collegare alla piattaforma il vostro wallet, operazione che comporta pochi semplicissimi click.

In questo modo l’exchange può leggere l'importo di BNB o altra criptovaluta che lavora sulla blockchain BSC custodita nel portafoglio e può interagire con essa per lo scambio.

Acquistare criptovalute su PancakeSwap

L’interfaccia di PancakeSwap è facilissima da usare perché avrete sopra il token che volete scambiare, la piattaforma è preimpostata per leggere e scambiare BNB, ma un semplice menù a tendina vi farà cambiare criptovaluta. In ogni caso qualsiasi sia la criptovaluta BSC che avete nel Wallet PancakeSwap può leggere l’importo.

Ci sono poi solo altri due parametri impostare: quanto spendere e cosa acquistare.

Se il primo è facile da risolvere, per il secondo si potrà o selezionare una criptovaluta, sempre dal menu a rendita, ma l’elenco è infinito, o effettuare una ricerca per nome dei token.

Per essere certi però che è davvero quella la valuta digitale che volete acquistare l’opzione più sicura è spulciare su CoinMarketCap o BscScan l’indirizzo della criptovaluta copiarlo e incollarlo sull’interfaccia di PancakeSwap. Basta cliccare su Swap e avete le vostre monete digitali, comprate con una commissione vicina allo 0%.

Perché usare proprio PancakeSwap per acusitare criptovalute

Probabilmente a molti il procedimento per usare Pancakeswap sarà sembrato molto macchinoso e forse stanno benedicendo le commissioni che Coinbase & Co. applicano agli utenti per fare tutto questo lavoro al loro posto.

In realtà, il fatto è che prima che una criptovaluta sia venduta su queste piattaforme CEX deve passare mille verifiche e standard di conformità, che richiedono tempo. Diversamente, chiunque può mettere in listing un token BSC su PancakeSwap o un’altra piattaforma decentralizzata, proprio perché non vi sono terze parti a dettare leggi.

Ne consegue che sugli exchange DEX avviene il cosiddetto primo listing di una criptovaluta, cioè, lanciato in nuovo token, questo nelle fasi iniziali, quando aspetta di passare i test di conformità per gli exchange CEX, è in genere acquistabile solo sulle piattaforme DEX. In questa fase il prezzo delle criptovalute è anche più basso. 

In parole povere è su PancakeSwap, Uniswap e le altre piattaforme DEX che si fanno le vere occasioni con gli asset crittografici.

PancakeSwap vs. Uniswap

In verità, PancakeSwap attualmente presenta anche un vantaggio rispetto al suo diretto competitor che è Uniswap, dove si trovano le criptovalute della blockchain Ethereum.

Questo perché BSC come blockchain è economica, cioè se mettiamo a parte le commissioni degli exchange, ci sono anche altre commissioni da pagare e che sono applicate direttamente dalla blockchain agli utenti per il suo mantenimento. Scambiare criptovalute su BSC non costa praticamente nulla, mentre Ethereum ha una commissione unica e particolare che sono le “gas fee” e al momento sono molto alte.